Corsera: Ancelotti-Napoli, accordo possibile. Si attende la decisione di Sarri

Secondo il quotidiano milanese, Ancelotti sarebbe pronto a qualche rinuncia sull’ingaggio. Mercato già concordato: via Jorginho e Mertens, si ripartirebbe da Insigne e Koulibaly.

Corsera: Ancelotti-Napoli, accordo possibile. Si attende la decisione di Sarri

Da suggestione a trattativa

Il Corriere della Sera scrive del flirt Ancelotti-Napoli poggiandolo su «fondamenti di concretezza». La ricostruzione, più o meno, è quella fatta da Carlo Alvino nella giornata di ieri: incontro a Monaco, contatti insistenti e proposta indecente.

Secondo il quotidiano milanese, il tecnico emiliano «potrebbe essere intrigato dall’idea di tornare ad allenare in Italia, dopo aver vinto in mezza Europa, in una società che se non è all’altezza delle ultime dove è stato, ha il valore aggiunto della “sfida impossibile” e un progetto ambizioso che punta ad arrivare al top nel giro di due anni». Insomma, si fa sul serio.

Anche se, ovviamente, ci sono delle complicazioni. La prima porta il nome e il cognome di Maurizio Sarri: «L’attuale tecnico azzurro comunicherà la sua decisione giovedì, in occasione della cena sociale di fine anno. Dall’altra parte, per lo stesso Ancelotti, c’è da vincere la concorrenza del Chelsea e del Tottenham. I contatti sono serrati, il profilo internazionale dell’ex Bayern è in linea con i progetti del presidente del Napoli, che ha immaginato il nuovo ciclo con un coach-manager con il quale condividere soprattutto il mercato».

L’accordo e i termini

L’accordo Ancelotti-Napoli, da limare eppure possibile, partirebbe proprio dalla costruzione della rosa. Anzi, dalla preservazione della maggior parte dei calciatori. Sì, perché si cederebbero Jorginho e Mertens per fare cassa, e su di loro «Ancelotti non ha posto veti». I punti fermi da cui ripartire, invece, sarebbero Insigne e Koulibaly.

Secondo il Corsera, il nodo ingaggio non sarebbe un reale problema per Ancelotti. Il tecnico di Reggiolo «sarebbe pronto a qualche rinuncia». A questo punto, non resta che aspettare l’incontro di giovedì, la natura della decisione di Sarri ed eventuali club disposti a pagare la clausola. La presenza reale di Ancelotti nella corsa alla panchina definisce tutti gli altri nomi come alternativa. Per il Corsera, si tratta di Emery, Fonseca, Giampaolo.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Luciana Calienno 15 maggio 2018, 17:29

    Ancelotti:”Vengo solo se restano Rog,Ounas e Macach”

    • Raffaele Sannino 16 maggio 2018, 0:46

      Ancellotti :”Vengo solo se comprate Courtois,Marcelo,Modric,Hazard e Harry Kane”.

  2. Per fortuna che ad Ancellotti piace pane e salame (e Lambrusco) che hanno costi contenuti. Perche’ con lo stipendio che gli dara’ ADL solo questo si potra’ permettere.

  3. Magari. Ma non succederà. Vista la fonte originale (Carlo Alvino), credo che sia una BDDDM (Bufala di Distrazione di Massa).

  4. Mah, passare dal Comandante che voleva conquistare il Palazzo allo yes-man di Arcore per eccellenza é un bel triplo salto mortale carpiato con avvitamento. Soprattutto da un punto di vista emozionale, certo.
    Da un punto di vista tecnico e sportivo invece mi sembrerebbe la miglior soluzione possibile se davvero Sarri dovesse andare via, ma vedo la trattativa parecchio complicata, per non dire impossibile, per mille motivi.

    Speriamo che il buon Maurizio resti, non credo sia finito il suo ciclo qui, la scalata al palazzo é ancora possibile!

    • Yes man di Arcore mi sembra un tantinello ingeneroso verso il tecnico italiano più vincente del calcio moderno. Ha sempre vinto con delle corazzate. Vincere con il Napoli sarebbe il lasciapassare per l’immortalità.
      L’arrivo di Ancelotti a Napoli metterebbe tutti d’accordo. Sarri sarebbe dimenticato dopo 2′.

      • Be’, non vorrei gettarla in politica, ma la differenza diciamo caratteriale tra i due mi sembra abissale. Ancelotti é senza dubbio il miglior tecnico italiano degli ultimi 20 anni eppure un suo arrivo (inverosimile secondo me) non riuscirebbe a farmi del tutto contento perché vorrebbe dire l’addio di Sarri. Credo che la sua storia a Napoli meriti di essere suggellata da un successo. Le potenzialità ci sono tutte, basta volerlo e continuare a crederci.

        • Per me Sarri (rimanendo in politica) è il classico uomo di sinistra capace di essere solo all’opposizione. Incapace di governare (vincere).

          • Mah, punti di vista. Credo che le critiche a Sarri per non aver vinto siano solo pretestuose: ha ottenuto per tre anni consecutivi il record di punti del Napoli in serie A arrivando quest’anno a 88 a una giornata dalla fine (quota che ha SEMPRE portato allo scudetto in 110 anni).

            Cosa lo si accusa di non aver vinto? la Coppa Italia o l’Europa League? Era veramente quello che si voleva vincere quest’anno? O magari si voleva vincere la Champions? La rosa era OGGETTIVAMENTE limitata quest’anno, soprattutto dopo i due doppi infortuni ai quali si é deciso di non porre rimedio, non si poteva seriamente pensare di poter sopportare tre competizioni fino in fondo. Si é fatta una scelta, é andata così. Amen.

            O forse era negli anni scorsi che si doveva vincere? Ci si é dimenticati di come siamo usciti dall’EL col Villareal il primo anno (all’andata un rigore netto non dato e al ritorno un cross sbilenco che si insacca magicamente all’incrocio) o come siamo usciti dalla semifinale di Coppa Italia contro la Juve l’anno scorso? E taccio sugli aiuti arbitrali scandalosi alla Juve di quest’anno…

  5. Mario Fabrizio Guerci 15 maggio 2018, 9:48

    Beh,ci vorrebbero gli otto milioni della clausola per l’ingaggio,sostituire Mertens,Jorginho senza parlare dei vecchi senatori e l’antico problema dell’esterno destro di livello.
    Meglio riaprire gli occhi…

Comments are closed.