La Uefa ufficializza la terza coppa europea a partire dal 2021

Approvato il format a 32 squadre, l’Italia invierebbe la settima in classifica ai playoff. Si giocherà di giovedì, la squadra vincente sarà ammessa alla successiva Europa League.

La Uefa ufficializza la terza coppa europea a partire dal 2021

Per le piccole squadre

Dopo ventidue anni, le coppe europee torneranno ad essere tre. La chiusura della Coppa delle Coppe nel 1999 aveva abbassato a due il numero delle manifestazioni internazionali organizzate dall’Uefa, ora il Comitato Esecutivo ha deciso di effettuare un’inversione ad U. La nuova competizione – la cui istituzione era stata anticipata dalla Bild e confermata da Agnelli e Ceferin – partirà nel 2021. Al momento si chiama ancora Europa League 2, ma ovviamente si tratta di un nome provvisorio.

Si può considerare come il terzo livello della Champions League, appena sotto l’Europa League: dal 2021, infatti, le tre competizioni avranno un format identico. Tabellone principale da 32 squadre divise in otto gironi. A seguire, eliminazione diretta classica dagli ottavi fino alla finale. Le partite da giocare saranno 141, spalmate in 15 settimane. Deciso già il giorno di gara: giovedì, in un turno orario precedente all’Europa League (quindi a partire dalle 16.30). La società vincente parteciperà di diritto all’Europa League successiva.

Le squadre qualificate

Lo schema di accesso è stato pensato per le leghe medio-borghesi del Ranking. Con l’attuale graduatoria dei tornei Uefa, l’Italia schiererebbe una sola formazione al via, la settima in classifica del campionato precedente. Stesso numero e stessa posizione di classifica per gli altri migliori tornei del continente (Premier, Liga e Bundes). I campionati minori (per esempio Danimarca, Scozia, Svezia) avranno invece tre slot di accesso alla fase preliminare. 

I dettagli di questa nuova competizione – tra cui anche il nome e il sistema di coefficienti – saranno annunciati durante il 2019. Le parole di Aleksandar Ceferin, presidente Uefa: «Questa competizione è il frutto del continuo dialogo intrapreso con le squadre attraverso l’ European Club Association. Ci saranno più partite per tutte le squadre e più Federazioni rappresentate nelle fasi a gironi».

ilnapolista © riproduzione riservata