#HovistoMilik, e all’improvviso era più bello di Teddy Sheringham

Il ritorno di #HovistoMilik, in un pomeriggio importantissimo: Arek ha dimostrato il peso e importanza del suo gioco, della differenza che può rappresentare rispetto al solito Napoli.

#HovistoMilik, e all’improvviso era più bello di Teddy Sheringham

Manchester United-Bayern Monaco

Ci ho pensato, oggi. Nel percorso tra il frigorifero e il mio posto davanti alla tv. Avevo sete, ero andato a bere, ho bevuto e ho pensato a Manchester United-Bayern Monaco. Finale di Champions League 1999. Due gol della squadra di Ferguson negli ultimi minuti, anzi nel tempo recupero, su due corner. Il primo, quello del pareggio, lo segnò Teddy Sheringham. Sono tornato davanti alla tv. Non so quanti secondi dopo, all’improvviso, #HovistoMilik. Ed era ancora più bello di Sheringham.

Era più bello perché il gol di oggi, di testa, è tutt’altro che casuale. È un gol bello, cercato, fatto con qualità, dall’assist al movimento fino al tocco di precisione a incrociare. Quello che serviva per battere quel demonio di Sorrentino. Insigne, dopo alcuni tiri sbilenchi dal punto di vista concettuale, ha mostrato al mondo la differenza che c’è tra un grande calciatore e un calciatore normale. Forse non sarà un fuoriclasse, ma in pochi riescono a mettere una palla così, all’89esimo minuto di una partita persa. I fischi per Lorenzo sono stati pessimi, ingenerosi, lui non ha giocato bene e ha sbagliato molto durante la partita. Poi, però, #HavistoMilik. E io #HovistoMilik. Come faccio sempre.

Un centravanti

Lo vedo sempre, Arek, e mi piace un sacco. Come quando scrissi la prima volta di lui, l’infatuazione è rimasta. È un flirt tattico, per un centravanti che aiuta la squadra e cerca pure il gol. Non sarà forte come Higuain o Cavani, sarà meno bello di Mertens nell’interpretazione di alcuni concetti (del vero Mertens, non della copia sbiadita che il Napoli manda in giro ultimamente), ma è un calciatore che serve a Sarri. Perché fa una parte di quello che fa Mertens, e poi sa fare anche il centravanti puro. Non associativo come Dries (qui ho spiegato cosa significa), centravanti puro e basta. Non è un downgrade, è un’altra cosa. Questione di fisico, di movimenti che discendono dalla struttura ossea e muscolare.

Quando Sarri spiega che l’assenza di Milik è pesata, dice che è mancata un’alternativa. Una cosa che il Napoli doveva avere, anzi aveva nel suo programma stagionale. Al di là di discorsi ridondanti su cambi di modulo e rotazioni, Arek sarebbe servito a Napoli come soluzione “di riserva”. Basta rivedere gli ultimi minuti di Sassuolo-Napoli e Napoli-Chievo per capire cosa voglio dire. Cosa volesse dire il mister. Basta rivedere il gol di oggi, quello che Arek era più bello di Sheringham: Mertens non può fare quello che ha fatto Milik. Insigne non può dargliela così. Anche se gliela dà, Mertens non la colpisce di testa. Non ci arriva. Arek sì, invece. Sa giocare a calcio, con la testa fisica e con la testa mentale. E così può chiudere il cerchio del gol.

Chi è Solskjær?

#HovistoMilik esultare, felice e contento di un gol che non valeva un cazzo. Se non per lui. Un gol che ha preso valore solo con quello segnato pochi secondi dopo, pochi centesimi di secondo dopo che #HovistoMIlik sfiorare un altro gol. Sempre di testa. Ah, le alternative possibili. Ah, quel demonio di Sorrentino.

Manchester United-Bayern Monaco era una finale di Champions, il pareggio era già tanto dopo che la partita era già finita, per Ferguson e i suoi. Oggi, contro il Chievo, il gol di Milik rendeva solo meno disonorevole un pomeriggio da incubo. Non ci ho pensato più, alla partita del 1999. Non ho avuto tempo, in realtà. Perché c’è stato un calcio d’angolo, e non #HovistoMilik. Ho visto il pallone arrivare sui piedi di Diawara. Non ho avuto tempo di pensare a Solskjær – che sarebbe l’altro attaccante di scorta del Manchester, che pochi secondi dopo Sheringham ribaltò la finale di Champions League.

Non ho avuto neanche modo di pensare a Solskjær, a dirla tutta. Diawara ha segnato, ma non somiglia per niente al buon Ole Gunnar, attaccante norvegese. Anche lui mi è parso decisamente più bello del suo illustre predecessore, però.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. michele o pazzo 9 aprile 2018, 6:31

    Non so se milik è più bello di sheringham, ma secondo me è più forte, teddy era forte soltanto di testa, arek è forte e basta.
    Diawara ha fatto il solskjaer, ma col nordico non c’entra nulla e non solo a livello cromatico, diciamo così.
    Solskjear era un’ottima punta che entrava spesso a partita in corso e spesso la risolveva, un dodicesimo uomo col vizio del gol. Un solskjear dei poveri, a dispetto di ciò che sostiene il direttore di questo sito sulla panchina all’altezza, non ce l’abbiamo. Finora non avevamo nemmeno milik.

  2. marco bonfitto 9 aprile 2018, 0:08

    Credo che Milk meriti di essere il titolare inamovibile dalla prossima stagione.Ciò non vuol dire non riconoscere i meriti di Mertens ma il polacco se integro è davvero forte!

  3. Francesco Sisto 8 aprile 2018, 20:56

    Milik ha fatto anche la sponda per il goal di Diawara, di testa le prende proprio tutte.
    Purtroppo ha addooso il peccato originale, quello di essere stato il sostituto di Higuain scappato di notte, e le vedove dell’argentino non lo volevano, poi la sfortuna ha fatto il resto, quando aveva iniziato a far ricredere molti.
    Ma é tornato, piu forte e piu solare di prima.
    Forza Arek!

Comments are closed.