Il finale di Napoli-Chievo: Lo stadio che si svuota e contesta, i fischi a Insigne. Poi la gioia

Tutto in pochissimi secondi, Napoli-Chievo è finita con un incredibile ribaltamento emotivo. Dalla frustrazione alla gioia.

Il finale di Napoli-Chievo: Lo stadio che si svuota e contesta, i fischi a Insigne. Poi la gioia

Un finale convulso

Napoli-Chievo sarà ricordata per la vittoria finale, incredibile, tra il minuto 89′ e 93′. Prima, però, succedono tante altre cose. Tipo il i gesti di insofferenza di Insigne contro il pubblico del San Paolo, che dopo un paio di giocate un po’ così prende a fischiarlo. Non tutto, certo, ma una sparuta minoranza. A cui Lorenzo risponde con ampi gesti, prima e dopo l’incredibile rimonta. Una sparuta minoranza che, prima del gol di Milik, aveva già lasciato o stava lasciando lo stadio. Non tutti, certo, ma una buona fetta. La stessa buona fetta che, durante i minuti più drammatici della stazione, ha ripreso la sua contestazione a De Laurentiis. Spenta subito dopo, pochi secondi dopo, dalle due reti di Milik e Diawara. Che tramutano la rabbia e i fischi in gioia incontenibile. Napoli-Chievo è una metafora della vita, tutto può cambiare in un minuto. Anche l’atteggiamento della gente.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Vincenzo D'Agostino 8 aprile 2018, 18:51

    Contestare De Laurentis ha dell’inverosimile.
    Al Nord ci pigliano x pazzi x questa fissa che abbiamo contro De Laurentis.
    Andatevi a rileggere la nostra storia escludete il periodo Maradona, arrivato grazie alla politica e al Banco di Napoli non dimentichiamelo, e poi ne riparliamo.

    Prima e dopo Maradona, prima di Dela, ci sono state gestioni assurde : un anno bene e tre male. Campagne acquisti fatte per il pubblico e senza senso.
    E, soprattutto, in un periodo in cui contavano solo gli incassi stadio e il Napoli era una super potenza economica. Ma mancava tutto il restopomeriggio.

    Oggi non siamo una super potenza ma siamo sempre li…….senza un€ di debito ma si contesta lo stesso.

    Vi meritate : Naldi, Corbelli……e ci aggiungo anche lea gestioni di Ferlaino

  2. Vincenzo D'Agostino 8 aprile 2018, 18:12

    Ancora con sto mercato di Gennaio.
    Sarri, informatevi, voleva un solo nome : Verdi.
    Qualsiasi altro non avrebbe mai e poi mai giocato.
    Ricordo ancoro le dichiarazioni : se deve venire un centravanti deve essere come dico io altrimenti gioca sempre Mertens.

    Per l’amor di Dio è giusto cosi : lui è l’allenatore sta facendo bene ma il suo gioco è particolare………si deve provare e
    Riprovare, quindi se gli compri un giocatore che non vede non lo farà mai giocare, se gli piace almeno un po lo fa giocare ma se poi sbaglia lo rimette da parte.
    Esempio. Diawara quest’anno è pietoso ma lo scorso anno fu straordinario……e quest’anno è stato messo praticamente da parte. Cosa diversa con Giorginho lo scorso anno : stagione pietosa, a parte l’ mese, ma provò a recuperarlo fino alla fine.

    Quindi comprare x comprare che senso avrebbe avuto?

    P.S.
    Grassi è un gran calciatore…….poi ne riparliamo

  3. Vergognoso il trattamento ad Insigne che sullo 0-1 giocava la palla, cercando di creare. Con gli altri due nanetti che giocavano a nascondino e con Mammolo uscito al 60’ come al solito. Che Hamsik sia il capitano del Napoli è un’ignomonima.

    • Pacojonathan 8 aprile 2018, 18:18

      D’accordo su hamsik (mai determinante, anzi… non si prende mai una responsabilità solo palla indietro, eppure i giornalai napoletani gli danno sempre almeno 6…) e su mertenz
      (che ritorni a fare giocatore da ultimi 30 minuti, milik vero attaccante), ma non su insigne che merita i fischi per la sua testardaggine e presunzione…

  4. mauro nardos 8 aprile 2018, 17:54

    Io non lo considero un campione e l´ho sempre detto, non mi piace quando egoisticamente prova mille volte la conclusione invece di passarla ai compagni, ma detesto quando durante una partita si fischia!
    É una cosa che non concepisco, tranne forse nel caso in cui i nostro calciatori non dessero il massimo in campo.
    Comunque c´é sempre tempo per la critica, a partita conclusa peró! Durante i 90 minuti il nostro compito é tifare e sostenere la squadra!

  5. Gennaro Russo 8 aprile 2018, 17:46

    Per la minoranza d pubblico che contesta i nostri calciatori ??? PRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRRR
    Stupidi stupidi stupidi. Solo un pernacchio vi meritate: ma avete capito o non avete capito che ci stiamo misurando da piu’ di un anno testa a testa, SEMPRE CON GLI STESSI CALCIATORI, contro una superpotenza economica…ma lo capite o no che hanno fatto un miracolo…. anche se non vinceremo alla fine, ma questi meritano solo applausi a scena aperta… senza mai potersi riposare, come fanno quegli altri che hanno 4 volte il nostro fatturato e 2 squadre di pari livello e hanno fatto 2 finali di Champions in 3 anni…. Vergognatevi di fischiare e contestare…. VERGOGNATEVI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! FORZA NAPOLI SEMPRE E COMUNQUE.

    • +17 dalla terza e questi fischiano e cercano colpevoli. Quello che mi tranquillizza e che quelli che fischiavano Insigne oggi non ci capiscono niente di calcio e quindi é tutta gente che segue il Napoli solo da quando sta ottenendo questi risultati. Insigne oggi uno dei migliori in campo. L’assist al bacio per Milik é suo così come altre passaggi chiave non sfruttati dai suoi compagni. Quello che é venuto meno oggi é Mertes e purtroppo oggi Sarri non se l’é sentita di mandarlo in panchina dopo il rigore sbagliato. Ma sarebbe sta la scelta più giusta. Fuori Mertens, dentro Milik.

    • Chi fischia Insigne capisce poco, l’unico con i coyotes mentre tutti erano morti di paura. Poi pero’ loro erano allo stadio e noi a casa.

  6. ma voi davvero credete che de laurentiis non venga più contestato perchè il pubblico è d’accordo con le sue politiche? si tratta invece solo di maturità da parte di un popolo che vuole contribuire ad un risultato importante! ma sappiamo tutti benissimo che il mercato di gennaio è stato ancora più scandaloso dell’anno di grassi e regini!
    oggi si stava per materializzare il finale di campionato in largo anticipo. ma se continuiamo così purtroppo non tarderà ad arrivare! al momento vedo un allenatore in confusione, incantato dal suo stesso immobilismo: titolari spompati e panchinari affossati.
    sinceramente io tutta questa gioia non la sto vivendo, sono ancora arrabbiatissimo per questa partita! la crisi si sta protraendo decisamente troppo per una squadra che abbia ambizione di vincere.

  7. in effetti, come la mettiamo? intendo dire: hanno ragione quelli secondo cui se proprio si deve contestare, bisogna aspettare che la partita sia finita o quelli che magari ora potrebbero dire che la mezza contestazione avviata prima che la partita finisse ha finito per generare la reazione rabbiosa della squadra?

Comments are closed.