Udinese, tasse e tesori: la famiglia Pozzo annuncia querela a Repubblica

«L’articolo collega con allusioni prive di fondamento, malevole e capziose, il patrimonio della famiglia e la sua legittima gestione, alla compravendita di giocatori e alle plusvalenze lecitamente realizzate da Udinese Calcio spa»

Udinese, tasse e tesori: la famiglia Pozzo annuncia querela a Repubblica

Allusioni prive di fondamento

I contenuti dell’articolo pubblicato oggi da Repubblica sulla famiglia Pozzo collega con allusioni prive di fondamento, malevole e capziose, il patrimonio della famiglia e la sua legittima gestione, alla compravendita di giocatori e alle plusvalenze, lecitamente realizzate, da Udinese Calcio spa.

Risolti tutti i temi fiscali

Gli accordi con il fisco italiano hanno ampiamente risolto tutti i temi fiscali; il patrimonio della famiglia Pozzo, così come la sua legittima gestione, è da considerarsi privato come quello di qualsiasi cittadino e famiglia, e la violazione della privacy conseguente alla pubblicazione di dati bancari riservati è inaccettabile, inopportuna e ingiustificata.

La famiglia agirà immediatamente per vie legali contro Repubblica – aggiungendo ulteriori azioni ai procedimenti già in corso, conseguenza di precedenti articoli lesivi dell’immagine della famiglia e delle sue società – per tutelare il proprio nome e la propria immagine, e per proteggere con particolare determinazione la propria privacy, compresa quella dei minori improvvidamente citati. Simile trattamento legale sarà riservato ai media che riporteranno, ripeteranno e divulgheranno l’articolo di Repubblica in qualsiasi forma.

ilnapolista © riproduzione riservata