Napoli è la città dei funerali, non ha appreso la lezione degli Squallor

L’omaggio a Pino Daniele ne è l’ultimo esempio. C’è un certo compiacimento nel farlo, sempre legati ai miti di ieri. Non può esserci funerale per Cornutone

Napoli è la città dei funerali, non ha appreso la lezione degli Squallor

Un senso di ineluttabilità

Tra le feste degli scudetti vinti e perduti e i ricordi dei nostri migliori cantanti passati a miglior vita, Napoli è oggi tra le città del globo dove si celebrano più funerali in un anno. C’è un certo compiacimento, nel farlo, misto a un senso di ineluttabilità, come se altrimenti non si potesse, che spiega questo senso un po’ funereo che abbiamo di vivere l’oggi con un costante distacco, quasi come se quanto continua ad avvenire non ci riguardasse sino in fondo.

La realtà assaporata sempre con questo retrogusto di incenso è anche quanto ci tiene legati ai miti di ieri e ci impedisce lo slancio necessario ad immaginarne di nuovi, adesso e domani. Nessuno, ad esempio, sognerebbe mai di imbastire un accorato ricordo in un intero stadio agli Squallor – ed il motivo è semplice, quasi banale, come si ascolta nella coda di questo strepitoso stralcio di documentario – “Noi non ci siamo sciolti, è finita per il divino amore, non per volere di qualcosa” – una frase che comprende una vita intera, la sua finitezza ma anche la forza blasfema di venirne a capo sorridendo e senza una strategia. Non esiste funerale che possa contenere testo e musica di Cornutone, una canzone che rimane sospesa tra un pezzo del Simposio di Platone ed una pagina di Henry Miller, perciò destinata all’eterno, alla bocca di Socrate tanto quanto alla gioia momentanea di un qualunque postribolo del pianeta.

Alla stessa maniera non esiste funerale per Philip Roth, non sfiorato in vita da alcun Nobel, coerentemente con la visione vagamente tetra del mondo che va di moda. A molti non piacera’ il suo racconto ma, come canta beffarda la band napoletana su cui nessun loculo ha potere: “’Sta canzone però te dice ‘a verità”.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Alfonso Di Maio 8 giugno 2018, 22:52

    Aldilà di tutto, l’accostamento di Cornutone al Simposio di Platone è interessante, azzardato, ma interessante.
    Per la prima volta mi sembra di leggere critica costruttiva dalla penna di Virgilio e non sterile livore.
    Mi complimento, per questa volta.

  2. Ripeto anche qui. È un concerto senza alcun senso, né ho capito tutta sta folla nel vedere
    l’ennesimo show dei buoni sentimenti di jovanotti e compagnia. Da
    alcuni anni, da quando è morto Daniele si è avviato un business della
    memoria di pessimo gusto, posso capire il primo anno, ma il secondo e il
    terzo ancora col concerto in memoria di? Il concerto in memoria lo si
    fa a a cifra tonda, dopo cinque anni, dieci anni. Ma qualcuno in città
    non avrebbe fatto in tempo a mangiarci evidentemente.

    • Roberto Liberale 8 giugno 2018, 16:20

      Bravissimo, possiamo contare quante cover band di Pino Daniele sono uscite gli ultimi tre anni?
      I locali napoletani ospitano ogni sera almeno un paio di cover band. Tutte rigorosamente col nome di qualche canzone o di qualche LP del defunto artista. Affari d’oro sulla memoria altrui.

      • Perché la città è incapace di produrre cose nuove. Oppure ha paura di sperimentare. Anche questo fa parte del “business dell’orgoglio” ed in questo caso “della memoria”…

        • Pensa se Pino Daniele invece di inventarsi il blues alla napoletana si fosse cimentato nell’imitazione di Sergio Bruni…

    • giancarlo percuoco 8 giugno 2018, 16:30

      se non mi sbaglio il concerto aveva dei fini benefici.

  3. Nun me scuccià
    nun me scuccià
    coi tuoi discorsi intellettuali
    senza onestà
    nun me scuccià
    cchiù
    tanto muore pure tu
    tanto muore pure tu

    • antonio lampitella 8 giugno 2018, 18:01

      Grande commento a tutti i soloni criticoni.Daniele aveva rapporti anche nusicali con quasi tutti gli artisti ascoltati.Non vi piacciono? Tappatevi le orecchie.La musica e’ di tutti e per tutti,nonostante tutto.

    • francesco russo 8 giugno 2018, 22:55

      Mi ha levato le parole dalla tastiera!

Comments are closed.