ilNapolista

Ecco tabellone completo di Europa League: Napoli favorito?

Un’analisi sulle due urne per il sorteggio di lunedì, ma anche per la corsa alla finale: il Napoli è nel gruppo delle migliori con Arsenal, Chelsea e Inter.

Ecco tabellone completo di Europa League: Napoli favorito?

Il sorteggio di lunedì

Appuntamento a lunedì per il sorteggio di Europa League. Il Napoli “retrocede” dalla Champions dopo la sconfitta di Liverpool, e si presenta come una delle squadre più accreditate per arrivare fino in fondo nella seconda competizione europea. È una percezione realistica, intanto perché le avversarie del primo turno sono tutte mediamente abbordabili per gli uomini di Ancelotti. Come testa di serie, il Napoli potrà incontrare solo le seconde classificate dei gironi di EL o una delle quattro peggiori terze dei gironi di Champions. Questo è l’elenco delle squadre con cui il Napoli può essere sorteggiato per i sedicesimi, primo turno ad eliminazione diretta:

Shakhtar Donetsk, Bruges, Galatasaray, Viktoria Plzen, Zurigo, Celtic, Slavia Praga, Fenerbahce, Sporting Lisbona, Olympiakos, Rapid Vienna, Malmoe, Krasnodar, Rennes, Bate Borisov.

Una veloce analisi di questa seconda urna (manca la Lazio, che non si può incrociare con un’altra italiana) ci racconta di una competizione ancora squilibrata per i sedicesimi. Perché gli accoppiamenti realmente complessi non vanno oltre Shakhtar, Galatasaray e Fenerbahce. Ma le motivazioni sono ambientali più che tecniche. In un’ipotetica “seconda fascia” di pericolo ci sono Sporting Lisbona e Olympiakos, più la suggestione Celtic. Il resto delle avversarie è assolutamente inferiore al Napoli, così come alle altre squadre che compongono la prima urna. E anche l’elenco delle favorite.

La prima fascia

Oltre al Napoli, ci sono anche altre big che attendono di conoscere l’avversaria dei sedicesimi. Questo l’elenco:

Inter, Valencia, Benfica, Bayer Leverkusen, Salisburgo, Zenit San Pietroburgo, Dinamo Zagabria, Arsenal, Betis, Villarreal, Eintracht Francoforte, Genk, Siviglia, Dinamo Kiev, Chelsea.

Abbiamo già scritto del “senso” dell’Europa League per il Napoli di Ancelotti, una squadra che può tranquillamente ambire a entrare nelle prime otto/quattro squadre della competizione, ma che al tempo stesso dovrà vedersela con molti avversari di livello simile. In quest’urna, Arsenal, Chelsea, Siviglia e Inter rappresentano quattro squadre assolutamente difficili da affrontare e da battere. Solo un gradino più sotto il Bayer Leverkusen, il Valencia, il Villarreal. Anche la stessa Lazio può rientrare in questo gruppo.

Le sensazioni

È un’Europa League decisamente più competitiva rispetto all’anno scorso. Ai sedicesimi dell’edizione 2017/2018, oltre al Napoli c’erano Borussia Dortmund, Arsenal e Atletico Madrid come squadre altamente competitive. Tanto che il Salisburgo, una volta eliminato il Borussia, poté spingersi fino alle semifinali, anzi ai supplementari delle semifinali contro il Marsiglia.

Per il Napoli non sarà facile, soprattutto dopo i sedicesimi. Il grande gap tra le due fasce fa presagire un primo impegno non impossibile, ma la stessa cosa vale anche per le altre favorite. Come dire: difficile pensare che il Chelsea o il Siviglia possano incappare in una clamorosa eliminazione nei primi turni. Di conseguenza, dagli ottavi in poi non è eccessivo parlare di una mini-Champions, per valore delle squadre iscritte e a meno di inattese defezioni.

Proprio per questo, parlare di Napoli favorito o destinato a un facile percorso verso le semifinali ci sembra un po’ eccessivo. Non sarà facile, tre anni fa gli accoppiamenti di sedicesimi e ottavi furono favorevoli (Trabzonspor e Dinamo Mosca), poi arrivarono Wolfsburg e Dnipro. Quest’anno, avversari alla mano, potrebbe essere più difficile fare strada fino al penultimo atto. Poi, una volta lì, è lecito aspettarsi Arsenal, Chelsea o Siviglia. Com’è giusto che sia.

Solo che anche loro dovranno temere il Napoli. La dimensione della squadra di Ancelotti non permette di indicarla come favorita d’obbligo (il nuovo Atletico Madrid), ma di inserirla nella shortlist delle candidate più autorevoli al successo finale.

 

ilnapolista © riproduzione riservata