Liverpool-Napoli 1-0, primo tempo: Ospina si fa beffare da Salah

Inizio promettente, poi i ritmi altissimi del Liverpool prendono il sopravvento. Il gol arriva per un errore del portiere colombiano, ma il Napoli difetta di personalità.

Liverpool-Napoli 1-0, primo tempo: Ospina si fa beffare da Salah

Napoli in difetto di personalità

Partita subito viva, accesa, Il Liverpool prova ad imporre il suo ritmo e il Napoli sembra rispondere presente. Prima occasione per Salah, che cicca il controllo a tu per tu con Ospina, dopo un pregevole pallone laterale di Robertson; poi è Hamsik che mette paura ad Alisson con una conclusione affilata dal limite su cross basso dalla destra.

La squadra di Ancelotti prova a palleggiare, ma il Liverpool ha buoni tempi di pressing e limita i problemi; quando i giocatori in maglia azzurra trovano buone combinazioni per superare le linee avversarie, l’ultimo passaggio è quasi sempre impreciso.

Col passare dei minuti, il Liverpool aumenta l’andatura e costringe il Napoli sulla difensiva. Mertens atterrato da Van Dijk, giallo tendente all’arancione, perché il centrale olandese tocca il pallone ma poi impatta sulla caviglia di Dries. Paura e terrore a centrocampo, ma Mertens riprende il suo posto in campo.

Il Liverpool spinge ma non crea grandi occasioni, finché non trova il modo di forzare il dispositivo difensivo di Ancelotti: palla a Salah piazzato nello spazio tra Koulibaly e Mario Rui. Al terzo tentativo, gol dell’egiziano, bravo a mettere fuori causa Mario Rui e ad involarsi palla al piede. Ospina legge malissimo la traiettoria, palla sul primo palo e sotto le sue gambe mentre sì protendeva per il cross. Gol, e Napoli eliminato con questo risultato. La reazione al gol dei Reds non è veemente, ci s0no due palle in transizione non sfruttate da Fabian Ruiz e Mertens. Napoli un po’ in difetto di personalità, Liverpool sempre ad altissimo ritmo. Nel secondo tempo bisognerà cambiare l’inerzia.

ilnapolista © riproduzione riservata