Ancelotti: «Siamo primi nel girone, il resto sono chiacchiere»

Carlo Ancelotti a Sky: «Questa squadra mi dà molte emozioni, erano due anni che non le provavo più. Dobbiamo andare a Liverpool per vincere».

Ancelotti: «Siamo primi nel girone, il resto sono chiacchiere»
Ancelotti (Carlo Hermann/Kontrolab)

L’intervista a Sky

Carlo Ancelotti intervistato da Sky al termine da Napoli-Liverpool: «Io non ho fatto calcoli, è chiaro se si vinceva 3-0 era meglio. Non puoi andare a Liverpool e fare calcoli, piuttosto devi andare lì per giocare bene e vincere. Il resto sono chiacchiere. La realtà è che siamo in testa al girone dopo cinque partite. Ci dobbiamo preoccuapre, ma anche gli altri devono farlo. Il Liverpool deve preoccuparsi di noi e il Psg deve preoccuparsi di andare a Belgrado».

«Noi non possiamo aspettare che la partita ci venga incontro, noi dobbiamo andare addosso alla partita con le nostre caratteristiche, anche i nostri limiti. Sennò poi succede come nel secondo tempo di stasera che abbiamo perso equilibrio, siamo stati poco reattivi».

Hamsik? «Il calcio è curioso, è bello vedere come ci hanno massacrato per i gol non segnati su calcio d’angolo. Al primo corner, tac e gol. Poi ci hanno massacrato perché segnavamo da anni al San Paolo, e abbiamo fatto 0-0. Le statistiche e gli statistici sono fatti per essere infranti».

Il match di Liverpool: «Ad Anfield avremo dalla nostra una partita giocata bene contro di loro all’andata. Non ci sarà il nostro pubblico, ma faremo una bellissima partita».

Ancelotti e il girone di Champions: «Abbiamo fatto bene in un girone complicato, queste cinque partite ci sono servite per accumulare un certo vantaggio su Liverpool e Psg. E ora dobbiamo sfruttarlo. Queste partite ci hanno messo alla prova, e ora sono ancora più convinto: ce la giochiamo contro chiunque, e abbiamo dimostrato che in campionato può fare anche meglio. Anche in Italia abbiamo fatto bene, il pareggio col Chievo ci rammarica un po’ perché è un incidente di percorso. Solo che davanti abbiamo una sola squadra, mentre dietro ce ne sono tante. Questa squadra mi dà molte emozioni, erano due anni che non le provavo più».

ilnapolista © riproduzione riservata