Ancelotti sta facendo vacillare il mio papponismo

Ha stravolto il gioco, la sua gestione degli uomini è magistrale, eccezionale il disegno tattico col Liverpool. Ammetto che De Laurentiis è stato bravissimo a ingaggiarlo

Ancelotti sta facendo vacillare il mio papponismo

Ha stravolto tutto

Ancelotti sta dando al Napoli un gioco bello ed efficace. Tiene meno la palla e forse è meno spettacolare, ma vince e convince usando tutta la rosa, anche quegli uomini che immaginavamo non all’altezza fino allo scorso anno.

È arrivato dicendo che non voleva cambiare quasi niente e, in realtà, ha stravolto tutto, tenendosi solo la capacità di palleggio magnificamente allenata da Sarri nelle ultime tre stagioni. Il nuovo mister ha cambiato modulo, ha cambiato filosofia nella gestione del turn over e ha cambiato del tutto il gioco. Il Napoli non tiene più palla come prima, anzi spesso chiude in svantaggio quanto al possesso, ma verticalizza molto più velocemente e, se necessario, non disdegna nemmeno il lancio lungo che con Sarri era peccato mortale.

Il Liverpool non ha fatto un tiro in porta

Modulo e uomini vengono adattati alla partita e al momento della squadra e dei singoli. Con il Liverpool, per esempio, ha messo una specie di difesa a tre che però non era veramente a tre, perché gli uomini sembravano in linea quando erano schierati. Risultato: gli inglesi non hanno fatto un tiro in porta e il nostro terzino sinistro ha fatto quello che voleva per tutta la partita. Se invece di Rui, con tutto il rispetto, ci fosse stato il miglior Ghoulam sarebbe entrato in porta con la palla due o tre volte. Il modulo di partenza è il 4-4-2, ma durante la partita cambia ogni volta che serve, cosa che a Napoli onestamente non avevamo mai visto.

La gestione degli uomini è magistrale

La gestione degli uomini, poi, è semplicemente magistrale. Insigne, che tutti gli allenatori precedenti hanno torturato con compiti difensivi, con Ancelotti è libero di fare quel che vuole sul fronte di attacco e segna un gol a partita. Ma anche gli altri vengono utilizzati molto e valorizzati in modo fantastico. Persino Ounas, che mi sembrava un po’ evanescente, sta diventando utile alla causa.

Insomma, è talmente un piacere vedere questo Napoli che il mio papponismo sta seriamente vacillando.

Devo ammettere che De Laurentiis è stato bravissimo a ingaggiarlo

Ero convinto che De Laurentiis, oltre che bravo, fosse stato molto fortunato nel passaggio da Benitez a Sarri, ma devo ammettere che è stato bravissimo a scegliere Ancelotti e soprattutto è stato bravissimo a non cedere i giocatori migliori, primo fra tutti Koulibaly, che diventa sempre più mostruosamente forte.

Speriamo che la Juve molli o, chissà, che il calendario europeo inizi a essere un po’ più fortunato. Incrociamo le dita e sempre forza Napoli!

ilnapolista © riproduzione riservata