Baiocchini (Sky): «Il 1° luglio Sarri rescinderà per giusta causa»

La Fifa è contro il demansionamento, quindi dalla parte dell’allenatore. Il Chelsea rischia una multa per aver fatto firmare un tecnico già sotto contratto.

Baiocchini (Sky): «Il 1° luglio Sarri rescinderà per giusta causa»
Maurizio Sarri fotografato da Matteo Ciambelli

Il principio del demansionamento

Manuele Baiocchini, giornalista di Sky Sport, esperto di calciomercato, ha scritto un articolo per goal.com. In cui, di fatto, conferma quel che avevamo prospettato ormai un mese fa. E cioè che il rapporto tra Sarri e De Laurentiis rischia di finire in tribunale.

Baiocchini scrive chiaro e tondo che non appena il Napoli avrà depositato il contratto di Carlo Ancelotti,

Maurizio Sarri potrà rescindere il suo di contratto per “giusta causa”, facendo leva sul principio Fifa secondo cui tutti i tesserati devono poter essere in grado di svolgere le proprie mansioni e quindi nel caso di Sarri “allenatore della prima squadra”.

Il Chelsea rischia di pagare due volte

Baiocchini prosegue e spiega che “tecnicamente, De Laurentiis potrebbe anche degradarlo e tenerlo, pagandolo ovviamente, fino al termine del suo contratto in scadenza 30 giugno 2020. Ma Sarri potrebbe a sua volta rescindere e firmare con il Chelsea di Abramovich. In quel caso si passerebbe allo step successivo, quello in cui il Napoli avrebbe tutto il diritto di ricorrere e molto probabilmente ottenere un indennizzo, molto inferiore però alla clausola da 8 milioni di euro che era prevista nel contratto di Sarri fino al 28 maggio, nel caso in cui ci fosse stata qualche squadra disposta a pagarla”.

Insomma, si finirebbe in tribunale. Il Chelsea può dimostrare che in quel periodo era ancora convinto che avrebbe trovato una soluzione con Antonio Conte ed evitare di pagargli la buonuscita che costerebbe in totale circa venti milioni di euro.

Il Chelsea rischia quindi non solo di dover pagare profumatamente Conte, ma anche una multa per aver fatto firmare un contratto a un allenatore sotto contratto altrove.

ilnapolista © riproduzione riservata