Sarri: «Difficile migliorare questa squadra negli undici titolari, importante arrivino giocatori forti»

Maurizio Sarri intervistato a Sky nel postpartita di Crotone-Napoli: «Si potrebbe allargare la rosa, a me interessa che arrivino giocatori forti». 

Sarri: «Difficile migliorare questa squadra negli undici titolari, importante arrivino giocatori forti»
Sarri / Foto Matteo Ciambelli

L’intervista a Sky

Maurizio Sarri intervistato a Sky nel postpartita di Crotone-Napoli: «Questo titolo d’inverno è assolutamente inutile. Ci interessano i numeri, quelli determinano la bontà del nostro lavoro. Noi dobbiamo portare questa squadra in Champions, in modo da garantirgli un futuro importante».

Sofferenza a Crotone: «Una partita che poteva finire largo per noi, abbiamo subito un solo tiro in porta. Il rigore di Mertens? Ci sono due giocatori che ciccano la palla a pochi centimetri da Mertens, ma si parla di un episodio isolato. Tra l’altro, in una partita in cui noi abbiamo costruito otto palle gol e loro zero».

Cose nuove o miglioramenti a questo modello: «Noi ci alleniamo talmente poco a livello collettivo che qualsiasi cosa proponessi sarebbe un’assurdità. Da agosto a oggi abbiamo avuto una settimana di cinque e una settimana di sei giorni. Quando c’era Milik stavamo provando cose nuove, ora abbiamo rimesso le cose nel cassetto».

Sarri e il mercato: «Se lui mi chiede un parere, io gli dico che siamo scoperti in un ruolo. E non è quello che pensate voi. Detto questo, io non parlo di mercato perché Giuntoli non parla di tattica. Se lo facesse, io mi incazzerei. Se io lo facessi, lui si incazzerebbe. Noi abbiamo una squadra difficilmente migliorabile sugli undici, magari si potrebbe allargare la rosa. A me interesserebbero calciatori forti, non con caratteristiche particolari».

Interrompere il dominio della Juventus: «Per il bene del calcio italiano spero che il dominio della Juventus-Merckx venga interrotto da un altro corridore. E spero che Thevenet, l’uomo che bloccò il filotto del Cannibale belga, possa essere il Napoli».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Silvestro Montanaro 31 dicembre 2017, 10:06

    «Noi abbiamo una squadra difficilmente migliorabile sugli undici, magari si potrebbe allargare la rosa. A me interesserebbero calciatori forti, non con caratteristiche particolari».

    Sarri ha avanzato due richieste: giocatori FORTI ossia capaci di innalzare il livello di qualità della squadra; e poi ha chiesto di ALLARGARE la rosa ossia rendere l’organico più profondo. Praticamente vuole tutto. E noi tifosi con lui. Speriamo che la Società gli dia almeno qualcosa in tenore con quello che chiede. Da sostenitore/tifoso del Napoli me lo auguro.

    Altrimenti Champions sì, Scudetto no.
    Nelle varie altre dichiarazioni che ha rilasciato in questi giorni Sarri ha detto chiaramente anche questo.

    C’è la Juve e quindi è difficile dare torto al buon Maurizio anche se spero diversamente. Comunque il settimo tricolore bianconero di fila non sarebbe un dramma ma soltanto un serio motivo per pensare ad una riforma della Serie A. Come possono la FIGC e La Lega vendere all’estero un torneo il cui esito si conosce già prima che si cominci a giocare? Alla lunga – ma è già durata abbastanza – è una noia mortale anche per gli utenti delle pay tv…

  2. Luciana Calienno 30 dicembre 2017, 11:01

    Non è un messaggio,ma una ovvia risposta alle solite domande :Se l’obiettivo è lo scudetto serve (e serviva) qualcuno forte,se è la Champions come dice la proprietà,prendi qualcuno per PROVARE talvolta a giocare in altro modo o per eventuali emergenze.E’ talmente chiaro che è un ossimoro.

  3. la bugia sulle zero palle gol del Crotone non è da Sarri però

  4. Mesggioo chiaro ma poi il problema è 7n altro.
    Quanti minuti ha giocato milik prima dell infortunio.
    Quanti minuti ha giocato RUI prima che GHOULAM si facesse male
    Per me Inglese e forte degno di giocare in questa squadra molto simile a milik.
    Il ruolo scoperto di cui parla il mister e sicuramente il vice CALLEJON

    SEPE
    DARMIAN KIRIKES. MAK. RUI

    ROG. DIAWARA. ZIELISNKI

    CHIESA. INGLESE. YOUNES

    Con questi acquisti avremmo un Napoli B di gran lusso

    • Napoli di gran lusso? si ma che non giocherebbe mai, se contro il Crotone nessuno trova spazio è inutile parlare di mercato,nessuno vuol venire sapendo che non giocherà mai è impossibile, solo Maccarone secondo me. T’immagini Chiesa che su 50 partite ne gioca 4-5? Verdi? Younes? Darmian? dai è pura fantasia, la scoietà non può operare sul mercato e meno a Gennaio, secondo me anche Inglese farà di tutto per non venire, solo con la pistola alla tempia verrà, e comunque a Giugno andrà via

    • Pessona Pebbene 30 dicembre 2017, 10:51

      Chiesa e Darmian sarebbero acquisti da parecchi milioni di euro.
      Chi vendi per finanziare questo mercato?

  5. Stavolta il messaggio mi pare chiaro. Ora come la mettiamo con i Ciciretti, gli Inglese e compagnia bella?

    • Raffaele Sannino 30 dicembre 2017, 1:48

      Mica tanto chiaro,dicesse senza mezzi termini che vuole Aguero,Di Maria e Marcelo.

    • Pessona Pebbene 30 dicembre 2017, 11:06

      A proposito di Inglese.
      A fine Agosto la società aveva a disposizione sul mercato circa 10 milioni ( aveva entrate per 60,5 milioni ed uscite per 52 milioni ). Li ha messi su un attaccante d’area di rigore che poteva tornare utile nel prosieguo della stagione nel caso in cui Milik, che rientrava da un grave infortunio, avesse fatto fiasco. C’è una logica dietro ad ogni mossa e questa era la migliore opportunità in quel momento del mercato. Dopo di che credo che la società sapesse che prendere Aubameyang sarebbe stato meglio.

      • Se il massimo che puoi fare è prendere un giocatore da dieci milioni, giovane e dal rendimento alquanto misterioso direi che allora non sei nella posizione di fare proclami su scudetti, coppe Italia e forse neanche campionati “d’inverno”.

        Tra l’altro le due grandi (finanziariamente) cessioni del Napoli hanno riguardato giocatori che non erano venuti per un piatto di lenticchie. Cavani non era il Cavani che cedemmo, ma era un giocatore ambito da moltissimi che ne intravedevano il talento e soprattutto il futuro (un po’ come Dybala), ed Higuain arrivò da noi che era già un campione, con velleità di rilancio da una esperienza precedente nei blancos. Non è esattamente prendere Inglese ed Ounas, ecco.

        Senza considerare che Higuain, prima di essere ceduto alla cifra che tutti conosciamo, ha praticamente trascinato il Napoli alla Champions diretta, aggiungendo altri introiti “on top”, come dicono gli americani.

        La questione dei conti della salumeria è complessa e non è applicabile a questi livelli come faremmo noi comuni mortali nella vita di tutti i giorni.

Comments are closed.