Sarri: «Difficile migliorare questa squadra negli undici titolari, importante arrivino giocatori forti»

Maurizio Sarri intervistato a Sky nel postpartita di Crotone-Napoli: «Si potrebbe allargare la rosa, a me interessa che arrivino giocatori forti». 

Sarri: «Difficile migliorare questa squadra negli undici titolari, importante arrivino giocatori forti»
Sarri / Foto Matteo Ciambelli

L’intervista a Sky

Maurizio Sarri intervistato a Sky nel postpartita di Crotone-Napoli: «Questo titolo d’inverno è assolutamente inutile. Ci interessano i numeri, quelli determinano la bontà del nostro lavoro. Noi dobbiamo portare questa squadra in Champions, in modo da garantirgli un futuro importante».

Sofferenza a Crotone: «Una partita che poteva finire largo per noi, abbiamo subito un solo tiro in porta. Il rigore di Mertens? Ci sono due giocatori che ciccano la palla a pochi centimetri da Mertens, ma si parla di un episodio isolato. Tra l’altro, in una partita in cui noi abbiamo costruito otto palle gol e loro zero».

Cose nuove o miglioramenti a questo modello: «Noi ci alleniamo talmente poco a livello collettivo che qualsiasi cosa proponessi sarebbe un’assurdità. Da agosto a oggi abbiamo avuto una settimana di cinque e una settimana di sei giorni. Quando c’era Milik stavamo provando cose nuove, ora abbiamo rimesso le cose nel cassetto».

Sarri e il mercato: «Se lui mi chiede un parere, io gli dico che siamo scoperti in un ruolo. E non è quello che pensate voi. Detto questo, io non parlo di mercato perché Giuntoli non parla di tattica. Se lo facesse, io mi incazzerei. Se io lo facessi, lui si incazzerebbe. Noi abbiamo una squadra difficilmente migliorabile sugli undici, magari si potrebbe allargare la rosa. A me interesserebbero calciatori forti, non con caratteristiche particolari».

Interrompere il dominio della Juventus: «Per il bene del calcio italiano spero che il dominio della Juventus-Merckx venga interrotto da un altro corridore. E spero che Thevenet, l’uomo che bloccò il filotto del Cannibale belga, possa essere il Napoli».

ilnapolista © riproduzione riservata