Reina coinvolto nella brutta serata del Milan: errore sul primo gol

Sbaglia l’uscita bassa, poi prende un eurogol. Come al solito, ammette le proprie responsabilità. Le reazioni dei milanisti su Twitter

Reina coinvolto nella brutta serata del Milan: errore sul primo gol
Foto Ssc Napoli

Sconfitti in casa 2-1 dal Betis

Brutta serata per il Milan e per Pepe Reina. In Europa League i rossoneri sono stati sconfitti in casa 2-1 dal Betis Siviglia e la panchina di Gattuso comincia a vacillare. In porta, al posto di Donnarumma ha giocato l’ex portiere del Napoli e Pepe non ha certo brillato. Ha sbagliato l’uscita bassa sul primo gol, regalando di fatto la rete agli avversari. In precedenza, aveva servito involontariamente un assist con un passaggio di piede e ha poi incassato, stavolta senza colpe, il secondo con un bellissimo tiro di Lo Celso da fuori area.

Voti bassi in pagella. Il Corriere della Sera gli ha dato 4,5; Repubblica e Gazzetta 5. Ecco il giudizio del quotidiano rosa:

“Cambiano i guanti, non la sostanza. Stavolta è (pure) Pepe a tradire su un cross non così complicato. Il pallone brucia per tutti: pessimo segno”.

«Quando si sbaglia, bisogna andare avanti»

Reina, come al solito, non si è tirato indietro, ha ammesso le proprie responsabilità, e lo ha fatto davanti alle telecamere:

«Quando si sbaglia bisogna andare avan­ti, è il nostro mestiere – assicura –. Di fronte avevamo una squadra che palleggia molto bene, ti viene da correre dietro la palla e a volte bisogna legge­re meglio le situazioni, avere l’umiltà di saper soffrire e poi fare il nostro gioco». Non è il momento dei confronti in spo­gliatoio, però. «Ne parleremo con calma, non si vanno a cercare i colpevoli appena finita la partita – assicura il portiere rossonero –. Rivedremo tutto e cercheremo di imparare dagli errori per migliorare, con asso­ luta fiducia in Gattuso, ora più di prima. Possiamo far bene, non è tutto buio, bisogna stare calmi».

Le reazioni dei milanisti sui social

Su Twitter, ovviamente, non sono mancate le critiche.

ilnapolista © riproduzione riservata