Lo scontro tra Cavani e Neymar al Psg, quasi alle mani nello spogliatoio per un rigore

La lite in campo per chi dovesse tirare è degenerata negli spogliatoi. Sono intervenuti i compagni. Dani Alves complice di Neymar. È anche una questione di bonus

Lo scontro tra Cavani e Neymar al Psg, quasi alle mani nello spogliatoio per un rigore
Neymar e Cavani

Tre pagine dell’Equipe

Spettacolari le tre pagine (più la copertina) che L’Equipe dedica allo scontro tra Cavani e Neymar che sta agitando lo spogliatoio del Paris Saint Germain. E non sappiamo se sia più una notizia che i due siano venuti quasi alle mani negli spogliatoio o che il quotidiano sportivo francese apra con una parola inglese: “Clash”. L’articolo si apre così: “La vita non è mai un lungo fiume tranquillo al Paris Saint Germain”. Altro che le scaramucce di casa Napoli per il rigore che Mertens non ha fatto tirare ad Hamsik.

Sul campo

L’antefatto. Domenica sera si gioca Psg-Lione. Al minuto 57 viene assegnata una punizione fuori area per i francesi. Cavani vorrebbe calciarla, ma Dani Alves si impossessa del pallone e non glielo dà. Attende Neymar e glielo passa. Come a dire: il leader è lui, tira lui. Edinson incassa malvolentieri. Neymar calcia e il portiere respinge. Venti minuti più tardi viene assegnato un calcio di rigore al Psg. Stavolta è Cavani a recuperare il pallone e a posizionarlo sul dischetto. Mentre si sta preparando, arriva Neymar che evidentemente gli chiede di calciarlo, Edinson gli risponde in modo infastidito. Poi calcia e lo sbaglia. (Il video che mostriamo ha già raggiunto un milioni di visualizzazioni)

Nello spogliatoio

L’Equipe racconta che l’uruguaiano, al triplice fischio finale, è sceso direttamente negli spogliatoi senza nemmeno salutare i tifosi. Lì è stato raggiunto da Neymar. Cavani gli ha fatto notare che non ha apprezzato il suo comportamento in occasione del rigore. Il brasiliano ex Barcellona gli ha risposto in modo poco garbato e i due non sono venuti alla mani soltanto grazie all’intervento di Thiago Silva e Marquinhos. Cavani si è poi fatto la doccia e ha rapidamente abbandonato il Parco dei Principi, contrariamente al solito fa notare il quotidiano.

Il clan brasiliano

L’Equipe scrive di un clan brasiliano che sta nascendo nello spogliatoio del Psg, con l’asse privilegiato Dani Alves-Neymar, ma ci sono anche Lucas, Marquinhos e Thiago Silva. Dani Alves davanti ai microfoni ha fatto lo gnorri, ha detto di aver preso il pallone sulla punizione perché intenzionato a battere: “Ho fatto qualche gol in questo modo”. L’Equipe ci crede poco. Imbarazzato Emery le cui dichiarazioni sono parse quelle di un allenatore che non ha in mano la situazione.

Cavani

La prima pagina dell’Equipe sullo scontro tra Cavani e Neymar

Le parole di Cavani

Intervistato da una radio uruguayana, Cavani – che lo scorso anno col Psg ha segnato 49 gol – ha minimizzato: «Non so perché sia stata montata questa vicenda, sono situazioni normali nel calcio. Non ho alcun problema con Neymar, lui è appena arrivato. Noi ci stiamo impegnando al massimo affinché lui si ambienti il più velocemente possibile».

Questione di soldi

Al di là delle dichiarazioni di facciata, la rivalità c’è e il caso è tutt’altro che chiuso. In un altro articolo, L’Equipe scrive che è anche una questione di soldi. Secondo il quotidiano francese, il contratto di Cavani prevede un premio di un milione di euro in caso di vittoria della classifica marcatori.

L’Equipe scrive che Cavani potrebbe essere stato condizionato dagli arrivi Neymar e Mbappé e che senta di aver fatto un passo indietro nelle gerarchie del club. C’è anche chi sostiene che «chi è riuscito a giocare con Ibrahimovic, non può avre con nessun altro giocatore».

ilnapolista © riproduzione riservata