Milan, ancora incompleto l’iter Figc sul controllo della nuova proprietà

Sollecitata la Prefettura al via libera per Yonghong Li, si lavora per stabilirne “l’onorabilità”. Il Milan, intanto, riunisce il cda per il nuovo asset.

Milan, ancora incompleto l’iter Figc sul controllo della nuova proprietà

L’articolo di Repubblica

Raiola, la Uefa. E poi la Figc, solo che qui siamo ancora nel campo delle ipotesi. Tre indizi, di solito, fanno una prova. Quella di Raiola è più una dinamica legata al mercato, certo, ma comunque sottolinea che un agente importante non si fida della nuova proprietà Milan. Esattamente come la Uefa, che «ha chiesto ai nuovi dirigenti rossoneri alcune precisazioni, che hanno costretto il Milan a ritirare il voluntary agreement ed a rimandare ad ottobre la presentazione di un nuovo piano con più dettagli e stime di ricavi più prudenti».

La frase virgolettata è tratta da un pezzo di Repubblica, che racconta questa triplice incertezza con cui il Milan è costretto a fare i conti. Il fronte Figc riguarda la procedura di verifica di una nuova proprietà di Serie A. L’iter di controllo, introdotto dalla Figc nel 2015, richiede un’analisi che porti a garantire l’onorabilità della nuova proprietà. La Lega ha sollecitato la Prefettura di Milano a pronunciarsi in merito alla figura di Yonghong Li, un passo decisivo per confermare l’iscrizione al campionato del club che si presenta ai nastri di partenza con una nuova proprietà.

Secondo quanto riportato da Repubblica, l’analisi della documentazione sarebbe «complessa, anche perché alcune parti dell’incartamento sono state redatte in cinese». Questa parte della verifica avrebbe dovuto concludersi martedì scorso, invece è trascorsa un’altra settimana. Come dire: al terzo indizio, uno inizia almeno a pensare che possa esserci qualcosina che non va. Repubblica prova a concludere il suo pezzo lanciando una speranza: «Oggi Cda del Milan che dovrebbe approvare la creazione di Milan China. Ovvero una società che potrebbe dare maggiore concretezza a una proprietà che risulta ancora indecifrabile». Appunto.

ilnapolista © riproduzione riservata