Sconcerti come De Laurentiis: «Il Napoli ha perso contro un Real a fine ciclo»

L’editorialista del Corriere della Sera molto duro con la squadra di Sarri (mai citato nell’articolo). «Ha perso contro un Real tutt’altro che galactico».

Sconcerti come De Laurentiis: «Il Napoli ha perso contro un Real a fine ciclo»
Hamsik inseguito da James Rodriguez (Cuomo)

Sembra di leggere le parole di Aurelio De Laurentiis e invece è l’editoriale di Mario Sconcerti. Che ci lascia interdetti alla stessa stregua dello sfogo presidenziale. Il titolo è tutto un programma: “Il Napoli ha perso male perché non è mai riuscito a essere se stesso”. Evidentemente – è una battuta – Sconcerti deve aver parlato con De Laurentiis prima dell’intervista televisiva a Mediaset Premium.

Il Napoli ha perso proprio come non doveva, come non sembrava giusto, mostrando di non essere all’altezza né dell’avversario né dell’ambiente. Ha perso quasi per implosione, come se questi livelli non fossero sostenibili. Eppure il Real non è stato leggendario. Ronaldo non si è visto, la squadra ha mostrato un buon insieme e quasi nessuna fantasia galattica

Ha definito quasi ingenui, sprovveduti, i centrocampisti del Napoli.

Non c’è stata terra vera per nessuno. Il Napoli ha perso male non perché battuto da un grande Real, ma perché non è quasi mai riuscito a essere il Napoli. È mancata una dimensione, non una squadra. Siamo rimasti in Italia, non c’è stato passaggio di confine. Eppure il Real è alla fine di un ciclo, non travolge, sopravvive. In pochi hanno ancora la forza fisica di saltare un avversario, ma hanno un’anima internazionale, hanno solo classe, più il cuore di amarsi e riuscire a non morire troppo presto. Questo dispiace della partita del Napoli. C’erano i tempi e i modi per rovesciare un’epoca, ma sono svaniti quasi spontaneamente, senza nemmeno un capolavoro degli avversari. Solo per modestia interna. Anche se quello di Insigne è stato forse il più bel gol italiano in Europa.

Una curiosità: Sarri non è mai citato nell’articolo.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Non leggo il Corriere della Sera,pero’ mi trovo spesso d’accordo con Sconcerti…sarebbe stato meglio perdere 4 a 0 facendo il nostro gioco con personalita’ che perdere 3 a 1 senza mai prendere fiducia,neanche dopo il gol di Insigne.
    Le gambe degli azzurri hanno tremato per 90 minuti,ad eccezione di quelle di Insigne e Diawara.
    Questo rimane il nostro rimpianto,non certo il risultato che e’ ancora ribaltabile e avrebbe potuto essere molto piu’ duro,visti gli innumerevoli svarioni commessi in difesa.
    Concordo con Sconcerti anche sul fatto che il Real Madrid non e’ stato certo irresistibile….ha solo usato l’esperienza e i colpi estemporanei di alcuni suoi campioni per sfruttare al massimo le nostre lacune.

  2. sconcerti come tutti quelli che ieri hanno visto la partita hanno avuto ragione da vendere sulla questione che il napoli si è cagato in mano. Ma adl non lo può dire in diretta tv

  3. Quando ho letto l’articolo di Sconcerti ho provato sconcerto…

  4. giancarlo percuoco 16 febbraio 2017, 10:40

    Sconcerti lo può dire, DeLaurentis lo può solo pensare.

  5. Ah ah, Ronaldo non si è visto… è bastato si inventasse il gol del 2-1, infatti. Sconcerti aspetta pure Real-Fiorentina, se camperai per vederla

  6. il cross di carvajal per Benzema e il tiro a volo di Casemiro e’ sopravvivere? bah

Comments are closed.