Il turn over del Napoli e delle altre squadre

La Roma è la squadra che ha impiegato meno giocatori. Il Napoli con la forbice più alta tra l’undicesimo e il dodicesimo.

Il turn over del Napoli e delle altre squadre
Zielinski in Atalanta-Napoli (foto Cuomo)

Turn over, la nuova ossessione dei media napoletani. Per carità di patria, non andiamo a riprendere gli editorialoni sul turn over di settembre e di ottobre. Atteniamoci soltanto a un po’ di dati. E compariamo i giocatori utilizzati da Juventus, Napoli, Roma, Milan, Inter e Fiorentina, e anche i minuti giocati.

Emerge che l’Inter e il Sassuolo sono le squadre che hanno utilizzato più giocatori (23), che il Napoli ne ha utilizzati 19 e che solo la Roma è dietro in questa speciale graduatoria con 18. 

Il Napoli è la squadra con l’undicesimo uomo che ha giocato più minuti (Zielinski) e con la forbice più ampia tra l’undicesimo e il dodicesimo uomo utilizzato, subito davanti al Milan. La Fiorentina è la squadra che totalizza il minor numero di minuti giocati dal 12esimo al 15esimo calciatore (807) mentre il Napoli con 996 è secondo dietro la Juventus.

Insomma, rispetto allo scorso anno la rotazione dei calciatori del Napoli è senza dubbio aumentata, anche se l’uso della formazione tipo cominciò dopo Carpi-Napoli (con l’eccezione di Mertens in Genoa-Napoli). Resta la forbice più ampia tra l’undicesimo e il dodicesimo uomo impiegato: Zielinski davanti ad Allan

Juventus: 21 giocatori utilizzati
L’undicesimo più utilizzato è Dani Alves con 352 minuti
12) Mandzukic 345
13) Asamoah 315
14) Benatia 219
15) Lichtsteiner e Cuadrado 215
somma minuti giocati dal 12esimo al 15esimo: 1094

Napoli: 19 giocatori utilizzati
11)  Zielinski 442
12) Allan 305
13) Mertens 265
14) Gabbiadini 240
15) Maggio 186
somma: 996

Roma: 18 giocatori utilizzati
11) Perotti 386
12) El Shaarawy 319
13) Paredes 229
14) Juan Jesus 227
15) Totti 211
somma: 986

Milan: 21 giocatori utilizzati
11) De Sciglio 427
12) Calabria 304
13) Gomez 202
14) Antonelli 167
15) Sosa 153
somma: 826

Inter: 23 giocatori utilizzati
11) Joao Mario 348
12) Eder 311
13) Kondogbia 293
14) Ranocchia 192
15) Miangue 139
somma: 935

Fiorentina: 20 giocatori utilizzati
11) Gonzalo Rodriguez 348
12) Tello 296
13) Salcedo 190
14) Vecino 166
15) Babacar 155
somma: 807

Sassuolo: 23 giocatori utilizzati
11) Lirola 282
12) Pellegrini 232
13) Ragusa 221
14) Ricci 209
15) Mazzitelli 207
somma: 869

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Inconcepibile il basso minutaglia di ALLAN una delle pedine fondamentali

  2. Un altri dato interessante di cui si sta parlando spesso sono i fatturati.
    Bhe il Napoli è una delle squadre che negli ultimi dieci anni ha aumentato di piu il fatturato.
    E’ passata da 40 milioni strutturali del 2007 ai 130 con un aumento di circa il 300%
    La Juve è passata dai 180 del 2006 ai 340 del 2015 con un aumenti di circa il 200%

    • Ritengo che per un confronto serio partire dal fatturato della B sia errato. Se vediamo l’ultimo quinquennio (tutte le grandi in A da qualche anno) la situazione è questa:

      http://www.ilpost.it/2016/08/20/juventus-ricavi-calcio/

      e spiega il dominio dei non colorati.

      • E’ fatto malissimo, sono stati mischiati i fatturati strutturali con quelli totali.
        Ad esempio nel 2013/2014 il Napoli ha fatturato 200 milioni.

        Tiene poca fede questo quadro.

        http://www.
        calcioefinanza
        .it/2016/07/18/juventus-napoli-bilanci-a-confronto-fatturato-investimenti-debiti-costo-del-personale/

        Eccoti una differenza gestionale.
        Ma ripeto i dati che hai riportato sono sballati.
        Senza considerare che la Juve fattura di piu grazie alla sua storia e ai regali ricevuti dai torinesi

        • Che la gestione AdL sia la più efficiente non c’è dubbio. E anche efficace visti i risultati sportivi. I numeri lo dimostrano ampiamente. Però la gestione più allegra della Juventus ha portato a 5 anni di vittorie e alla fine anche ad avere conti in ordine col bilancio di questo anno. Non possiamo paragonarci a loro perché chiaro che loro sfruttano la storia e la forza anche del gruppo Exor per “vincere” e fatturare.
          Ma possiamo fare qualche cosa per cercare di far alzare il nostro in maniera strutturale?
          Se lo stadio non è la strada, ho visto con favore l’apertura di un ufficio di internazionalizzazione del Brand poche settimane fa. E con i tanti milioni a riserva (che sono un po’ un unicum dal punto di vista gestionale) non è possibile progettare qualcosa che possa far da volano per incrementare i ricavi?
          Non le so le risposte a queste domande ma non siamo stati certi proattivi…Può darsi anche che il nostro livello sia questo e meglio non si possa fare, come sembra dalla vulgata “napolista”. Ci divertiremo comunque. Forza Napoli

          • ADL e Sarri quando dicono che il problema é la A hanno ragione.
            Dovrebbe evolversi laSerie A.
            Come ha fatto la premier.
            Noi siamo legati ancora agli anni 90.
            Le squadre di premier sono cresciute insieme.
            Da sole possono crescere TANTO solo le squadre che hanno un brand importante.
            Ergo solo Milan Inter Juve.
            La Roma,per dire che sta facendo tanto soprattutto un USA alla fine non ha cambiato di molto il suo bilancio strutturale nonostante sia un brand più conosciuto del nostro (é da anni che é in A) e ha giocatori planetari come Totti e De Rossi.
            Lo stadio,al netto delle spese, porterebbe 20/30 milioni in più.
            Di certo non é la soluzione a tutto.
            Peggio ancora far conoscere il brand all’estero.
            LogicMente fa bene ADL ad iniziare ma i frutti si vedranno (forse) tra anni.
            Deve crescere la Serie A nel suo insieme.

          • Concordo che solo se cresce la Serie A può crescere il Napoli. L’impressione è che con i cinesi alle milanesi questa crescita potrebbe essere più veloce di quello che si pensa, e cominciare a vedersi nel giro di qualche anno (favorita anche dai 4 posti in CL). L’importante è essere pronti…altrimenti si rischia di stare sotto la Roma, a cui non dobbiamo invidiare niente né come storia né per successi calcistici. E neppure per i calciatori “planetari”, visto che Totti non credo ci sarà l’anno prossimo e De Rossi è in fase calante. Però sul brand e sul far crescere l’appeal mediatico dei nostri calciatori (che hanno valutazioni di mercato strepitose) , avendo pure i diritti di immagine, si dovrebbe lavorare, come anche sul modo di comunicare l’autorevolezza e la forza della società (dagli eventi mediatici come le presentazione dei calciatori, ai tour all’estero, alla comunicazione social). Tutte cose certamente non decisive ma che contano nel farsi conoscere e “amare”, dentro e fuori dall’Italia.

          • Milan e Ibter stanno cosi male per una cattiva gestione societaria altrimenti avrebbero anche loro un fatturato che supererebbe i 300 milioni tranquillamente..considera che il Milan senza la Champions e ricavi indotto fattura 200 milioni (noi e la Rona con la Champions possiamo avvicinarci a quei ricavi)

  3. i numeri sono palesemente falsati.
    I giornalisti e alcuni tifosi mi hanno detto che Sarri non fa turnover e si basa solo su 11 giocatori.

Comments are closed.