Napoli-Marsiglia: 3 napoletani arrestati, 55 francesi fermati, 12 feriti (di cui 10 poliziotti)

“Al termine dei controlli il bilancio complessivo è di tre arresti tra i tifosi napoletani, 55 francesi fermati e dodici feriti, dieci dei quali tra le forze dell’ordine”. I supporter francesi sono trattenuti in un commissiariato di provincia. (tratto dal sito di calcionapoli1926.it)

Questo, invece, il racconto di 24 ore di follia, dal Corriere dello Sport.

Otto ultrà azzurri di età tra i 21 e i 39 anni sono stati bloccati e denunciati la scorsa notte nel centro antico di Napoli mentre, armati di coltelli, si accingevano ad aggredire un gruppetto di francesi individuati lungo uno dei decumani della città. Sono accusati di porto abusivo di due coltelli a serramanico. Due sono già destinatari di daspo. Altri 4 sono stati aggrediti prima verbalmente e poi con un pugno nel quartiere Fuorigrotta. L’intervento della Polizia ha evitato il peggio.

LE PERQUISIZIONI – Gli otto ultrà sono stati sorpresi dai “falchi” della Squadra Mobile della Questura di Napoli con i baveri dei giubbotti alzati mentre, nel centro antico della città, si stavano avvicinando a uno sparuto gruppo di francesi che stava percorrendo una stradina male illuminata che da piazza San Domenico Maggiore porta a piazzetta Nilo. Dopo averli bloccati, i poliziotti li hanno perquisiti trovandoli in possesso di due coltelli a serramanico. Nei pressi del cinema “Space” del quartiere Fuorigrotta, intanto, quattro tifosi transalpini sono stati aggrediti verbalmente da un gruppo di giovani napoletani. La lite non è degenerata grazie all’intervento di una volante. Uno dei supporter francesi è stato raggiunto da un pugno sferrato da un napoletano che, per fortuna, non ha causato conseguenze. I quattro francesi sono stati poi accompagnati dalla Polizia nel loro albergo. Da ieri, la Questura di Napoli ha predisposto uno specifico dispositivo di prevenzione a largo raggio in vista dell’incontro di calcio di stasera, allo Stadio San Paolo (ore 20,45) tra il Napoli e dell’Olympique Marsiglia.

PIANO DI SICUREZZA – Tre charter con i tifosi del Marsiglia sono atterrati poco dopo le 13.30 all’aeroporto di Capodichino. I francesi sono stati trasportati a bordo di pullman della Gesac nel terminal 2 dell’ aeroporto, protetto da carabinieri in assetto antisommossa. Da qui saranno trasferiti sotto scorta delle forze dell’ ordine intorno alle 16 allo stadio San Paolo. I pullman provenienti da Marsiglia, invece, sono stati parcheggiati fuori città, in una località dell’area flegrea e saranno scortati allo stadio. La Questura di Napoli ha impegnato complessivamente 1000 agenti per il servizio d’ ordine della gara di Champions League, considerata a rischio anche per la pessima accoglienza ricevuta a Marsiglia dai tifosi di Napoli, che furono bersagliati con una sassaiola ed indicati come “nemici” in uno striscione, in quanto gemellati con il Genoa, mentre i sostenitori dell’ OM sono gemellati con la Sampdoria. Nel centro di Napoli e nel centro storico si sono visti in mattinata pochi tifosi dell’ Olympique Marsiglia. Calma assoluta davanti all’ albergo che ospita la squadra al Corso Vittorio Emanuele.

BUS COLPITO – L’autobus su cui viaggiavano i calciatori del Marsiglia è stato colpito da una bottiglia nei pressi dello stadio San Paolo. L’episodio è avvenuto in via Giambattista Marino dove l’autobus transitava per portare i calciatori francesi all’interno dello stadio dove fra poco si giocherà la partita di Champions League Napoli-Marsiglia. La bottiglia ha danneggiato un vetro del veicolo senza provocare altri danni.

MILITARE FERITO – Un militare americano della Nato, scambiato per un tifoso del Marsiglia, ma in realtà simpatizzante del Napoli, è stato ferito alla testa da un lancio di pietre di cui è rimasto vittima nei paraggi dello Stadio San Paolo di Napoli, dove è appena iniziato l’incontro di Champions League Napoli-Marsiglia. Il tifoso americano – secondo alcune testimonianze – è stato spogliato della maglia del Napoli che indossava da alcuni giovani che si sono dati alla fuga. Il giovane ha fatto poi il suo ingresso nel settore ospiti a torso nudo e scortato dalla polizia fino al presidio medico dove gli sono state prestate le prime cure. Le sue condizioni non sono gravi. L’arrivo dei sostenitori francesi allo stadio San Paolo: giungendo alla spicciolata, e non in gruppi scortati dalle forze dell’ordine, indossano sciarpe del Napoli o celebrative dell’incontro. L’ultimo gruppo di tifosi francesi è giunto cinque minuti prima dell’inizio della partita al San Paolo, “accolto” da un fitto lancio di fumogeni lungo la strada che conduce al settore ospiti dello stadio. Un elicottero della polizia sorvola l’area attorno all’impianto di Fuorigrotta.

ALTRI INCIDENTI – Ha subito seri danni il bus su cui viaggiava l’ultimo gruppo di tifosi francesi giunto nello stadio San Paolo pochi minuti prima dell’inizio della partita con il Napoli. Il veicolo, bersagliato da un fitto lancio di fumogeni lungo via Marconi, strada di accesso al settore ospiti del San Paolo, ha riportato la distruzione del parabrezza frontale di destra e di tutta la fiancata destra. Un vetro centrale mostra un foro di grosse dimensioni, provocato da un fumogeno o da un altro oggetto. Il danneggiamento del pullman dei tifosi francesi prima di Napoli-Marsiglia, precisano fonti della polizia, è avvenuto non nella prossimità dello stadio San Paolo ma sulla Tangenzialedi Napoli, all’altezza dello svincolo per Licola. All’arrivo al San Paolo, nella zona di viale Marconi, si è comunque verificato un fitto lancio di fumogeni all’indirizzo del bus. Corriere del sport.

ilnapolista © riproduzione riservata