«Io sono coerente». Almeno Benitez ha capito cosa lo attenderà al prossimo (mezzo) passo falso

«Io sono coerente». Al novantesimo sembra tutto facile. Due a zero al Genoa a Marassi. Doppietta di Goran Pandev. I fantasmi del Sassuolo scacciati. Magari domani ci sarà pure qualcuno che scriverà l’elogio del turn over.
«Io sono coerente». E quella coerenza ha un nome e cognome: Duvàn Zapata (il presidente vuole che si chiami Duvàn) messo al centro dell’attacco a Marassi, mentre a Napoli da giorni non si parla d’altro che del turn over. L’altro giorno in conferenza stampa dieci domande, tutte e dieci sul turn over.
«Io sono coerente». E quindi Higuain e Hamsik si accomodano in panchina. Ha avuto coraggio, Rafa, per non dire altro. Lui la chiama coerenza. E anche capacità di trasmettere un messaggio forte e chiaro alla squadra. Si fa così, a prescindere dalle critiche. E la squadra ha risposto. Sia chiaro, il Genoa non è il Barcellona. Fin qui ha vinto una sola partita, contro la Sampdoria. Ma il Napoli ha giocato un ottimo primo tempo. Possesso di palla, controllo della partita. Un ottimo Reina, capace anche di far ripartire l’azione. E due gol di Pandev, uno di sinistro e l’altro di destro. Contava il risultato. Punto.
Nella ripresa un mezzo passo indietro. Mentale più che fisico, a parere di chi scrive. Serve concentrazione per giocare come vuole Benitez. Bisogna essere mentalmente sul campo, non lasciarsi scorrere la partita addosso. Com’è invece accaduto col Sassuolo e in parte a Marassi. Il Genoa però è poca roba. Soffriamo il giusto, il minimo sindacale. Con Cannavaro al centro della difesa al posto di Albiol in difficoltà muscolare.
«Io sono coerente». È finita con Hamsik in panchina e Higuain mezz’ora in campo inutilmente. Si è beccato anche un’ammonizione. Ottimo Callejon. Quanto sta crescendo Insigne. Schierato a Marassi largo in un 4-4-2, come nell’Under 21.
Il coerente Benitez ha scacciato i fantasmi. Ma ha avuto un assaggio di quel che lo attenderà al prossimo passo falso. Mezzo o intero che sarà.
Massimiliano Gallo

ilnapolista © riproduzione riservata