Mazzarri: Sentiamo troppo le partite contro le grandi

Walter Mazzarri commenta la sconfitta con l’Inter: “Abbiamo fatto una partita in certi momenti da Napoli cercando di giocare, in altri no. E’ emerso che nelle gare clou, come è già successo con il Milan, sentiamo troppo la pressione. Siamo entrati in campo contratti e abbiamo preso subito il gol, poi ci siamo riorganizzati e abbiamo pareggiato meritatamente. Maggio ha avuto il pallone del raddoppio, ma nel momento migliore nostro, ci siamo sfatti scappare Maicon che ha confezionato il 2-1 con Cambiasso. E’ stato il colpo decisivo, nella ripresa hanno trovato il 3-1. Abbiamo avuto qualche presupposto per riaprire la partita, ma non siamo cinici come loro. Questa è la vera Inter, hanno campioni assoluti con una fisicità impressionante, il terzo gol di Thiago Motta è l’emblema assoluto. Venivamo da un ottimo momento, un incidente di percorso ci può stare. Adesso cercheremo di riscattarci contro la Juventus, andremo avanti così senza problemi. Gli episodi, poi, fanno la differenza. Se avessimo segnato con Maggio, avrebbero perso la tranquillità. Il rumore dei nemici? Era riferito all’episodio della polemica con Donadoni che non sta né in cielo, né in terra”. Chiusura dedicata al mercato: “Ci manca numericamente un mancino con stazza fisica in difesa per essere bravi anche sui piazzati. La società sta cercando e speriamo di trovare il giocatore che ci serve. Non c’è solo Britos”. Napoli ridimensionato? “Assolutamente no. Domenica prossima abbiamo una grande partita. Resta il rammarico che il gol sia arrivato nel nostro miglior momento e che su uno degli episodi avessimo segnato probabilmente avremmo fatto un’altra impresa”.

ilnapolista © riproduzione riservata