Il Manchester United, ovvero quando comandano i giocatori

Esonerato Mourinho, sei vittorie consecutive: oggi contro il Tottenham. I giocatori (Pogba su tutti) non lo sopportavano. Ora c’è Solskjaer

Il Manchester United, ovvero quando comandano i giocatori

Dopo Mourinho, sei vittorie di fila

Il Manchester United 2018-2019 è uno dei più classici esempi di scuola nell’eterna discussione sul peso degli allenatori in una squadra. Non pochi sostengono che l’allenatore può fare soprattutto danni. Non siamo d’accordo. Ma quel che è successo allo United quest’anno lascia pochi dubbi su quale fosse il rapporto tra José Mourinho e i suoi calciatori. Una volta esonerato, dopo la sconfitta 3-1 a Liverpool, i Red Devils hanno vinto tutte le partite di Premier League. Cinque vittorie consecutive con Solskjaer. Che fanno sei con quella ottenuta contro il Reading in FA Cup.

Quinto pari merito con l’Arsenal

E se le prime quattro vittorie in Premier sono state conquistate contro avversari abbordabili – Cardiff, Huddersfield, Bournemouth, Newcastle – oggi il Manchester United ha espugnato Wembley. Ha vinto 0-1 in casa del Tottenham terzo in classifica. Gol di Rashford. Una rete che proietta l’altra squadra di Manchester al quinto posto, a pari merito con l’Arsenal. Il Chelsea – quarto – è sei punti avanti; il Tottenham – terzo – sette. La corsa al quarto posto, che fino a metà dicembre sembrava utopia, adesso resta difficile ma non impossibile. A patto, ovviamente, che la squadra mantenga questi ritmi.

De Gea decisivo

È una doppia vittoria per Paul Pogba il calciatore che più di ogni altro era entrato in rotta di collisione con Mourinho. È stato suo oggi il lancio, a fine primo tempo, che ha portato al gol decisivo. Ancora una volta il Tottenham di Pochettino si è mostrato fragile in un appuntamento decisivo. Anche se nel secondo tempo ha trovato sulla propria strada un grande portiere come De Gea. Per gli Spurs a questo punto la lotta per il campionato sembra definitivamente sfumata. Sono a nove punti dal Liverpool e domani sera potrebbero trovarsi anche a cinque dal Manchester City secondo (affronta il temibile Wolverhampton).

ilnapolista © riproduzione riservata