Gazzetta: Inter-Napoli, testa a testa per Barella

Corsa a due per Barella, valutato 50 milioni dal Cagliari: prima offerta del Napoli (20 milioni più Ounas e Rog), ma l’Inter sarebbe più gradita al giocatore. E attenti alla Premier.

Gazzetta: Inter-Napoli, testa a testa per Barella

Il centrocampista del futuro

La Gazzetta dello Sport lancia la sfida a due Inter-Napoli per Niccolò Barella. Il centrocampista del Cagliari viene etichettato come “Mister 50 milioni” dalla rosea, a 22 anni «questo è il momento giusto per il grande salto dalla Sardegna ad una grande».

Come detto, Inter e Napoli sarebbero in prima fila. Con i nerazzurri che «sarebbero in vantaggio nel gradimento del giocatore». Solo che la prima offerta “vera” è stata del Napoli: 20 milioni più Ounas e Rog. Le due contropartite tecniche sono valutate per un totale di 25 milioni di euro. Quindi, un cartellino per 45 milioni di euro.

Leggiamo la Gazzetta: «Barella, pur tentato da una piazza come Napoli e dalla possibilità di lavorare con un tecnico come Ancelotti, sarebbe rimasto in attesa di probabili rilanci. Di chi? Dell’Inter, in primis. Il giocatore rientrerebbe perfettamente nella politica «giovani e italiani» che ispirerà il prossimo mercato del club di Zhang (che pure ammetterà eccezioni). Il suo procuratore è Alessandro Beltrami, lo stesso di Radja Nainggolan, il che ha fatto sì che il dossier Barella sia già finito sul tavolo del d.s. Ausilio dalla scorsa estate, quando si perfezionò l’acquisto del Ninja».

Il Fair Play Finanziario

L’Inter potrebbe girare al Cagliari pedine giovani e interessanti, alla stregua di Ounas e Rog. I nomi più caldi potrebbero essere quelli di Emmers o Karamoh, secondo la Gazzetta. Solo che però i nerazzurri, a differenza del Napoli, hanno necessità di cedere per poter pensare di esporsi così per il centrocampista sardo.

È un problema di Fair Play Finanziario: «Per realizzare un acquisto di queste dimensioni, però, anche superati i paletti del Financial Fair Play c’è bisogno di incassare 40-50 milioni: cedere un big (purché non sia Icardi) non è più un tabù, ma viene considerato un passaggio obbligato per rinforzarsi ulteriormente. E soprattutto per non lasciarsi sfuggire occasioni. Già, perché il treno Barella, partito da Cagliari, potrebbe prendere altre strade e non ripassare più. Il pericolo maggiore però resta quello inglese: Manchester United e Arsenal seguono da tempo l’azzurro, altre big di Premier sono alla finestra. Per loro, i 50 milioni sono un prezzo accessibile, anche senza contropartite o prendere in considerazione cessioni preventive». Insomma, testa a testa in Italia tra Napoli e Inter. Ma attenti anche alle sirene di Premier.

 

ilnapolista © riproduzione riservata