Mi sono innamorato del Napoli durante gli anni della Serie C: io, il mio papà e l’azzurro

Un padre tifoso trapiantato a Milano, un nuovo Napoli che cresce e aspira a diventare grande. Il ricordo di quei momenti di gioia condivisa.

Mi sono innamorato del Napoli durante gli anni della Serie C: io, il mio papà e l’azzurro

Un’era particolare

La scintilla del mio giorno all’improvviso scattò quando avevo 11 anni, il 6 Ottobre 2004: la nuova era del Napoli Soccer. Mio papà, storico tifoso napoletano trapiantato a Milano, si fece Sky solo per vedere quella nuova creatura, nata dalle ceneri e ben lontana dalle atmosfere Maradoniane. Vicino a lui iniziai a godermi lo spettacolo di quei colori, il calore della gente, la grandezza di quello stadio, e senza neanche chiedergli il permesso iniziai a tifare Napoli. Il racconto di Gianluca Di Marzio mi teneva attaccato ad ogni singola partita, e da lì in poi la tradizione non è cambiata: io, il Napoli, mio papà, e nient’altro. Indescrivibile la gioia di aver suggellato il gemellaggio genoano in terra ligure post-promozione. Momenti di gioia. Quando penso a quegli anni di purgatorio, ricordo solo bei pomeriggi ed emozioni di passione nei confronti della squadra. Tutto bellissimo.

Raccontate al Napolista il giorno all’improvviso in cui vi siete innamorati della squadra partenopea, scrivete a redazione@ilnapolista.it 

ilnapolista © riproduzione riservata