Il ritorno di Giuffredi: «Mario Rui? A Napoli sono più bravi a criticare che a fare complimenti»

Le parole di Mario Giuffredi, procuratore di Mario Rui, a Radio Sportiva: « È solo che i tifosi sono tifosi, mentre i fatti dicono altro. Noi siamo disposti ad accettare certi giudizi quando sono motivati».

Il ritorno di Giuffredi: «Mario Rui? A Napoli sono più bravi a criticare che a fare complimenti»

L’intervento a Radio Sportiva

Un procuratore, ma anche un attaccante rapace. Mario Giuffredi torna a parlare di Mario Rui, e lo fa attraverso i microfoni di Radio Sportiva. Con una certa severità nei confronti del pubblico di Napoli, reo di aver criticato il terzino portoghese. Le parole di Giuffredi: «Le critiche fanno parte del gioco, le accettiamo. Anche per questo siamo pronti per ripartire e dimostrare tutto il nostro valore. È solo che i tifosi sono tifosi, mentre i fatti dicono altro. Noi siamo disposti ad accettare certi giudizi quando sono motivati, solo che però a Napoli sono più bravi a criticare che a fare i complimenti quando le cose vanno bene».

Un’uscita che sarebbe pure condivisibile, se non arrivasse dopo una sconfitta interna per 4-2 salutata con applausi e cori dal pubblico del San Paolo. Il giudizio sulla partita da parte di Giuffredi: «Sabato il Napoli ha avuto una serata negativa. Ma sono fiducioso che possa riprendere il cammino e continuare a credere nello scudetto. Sulla prestazione di Mario Rui si può dire poco, il gol del 1-4 nasce da un suo errore ma il risultato era già compromesso. Gli si può addebitare questo, nel resto della stagione ha offerto sempre un contributo importante».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. e speriamo che il nuovo governo faccia una legge per liberarci dai procuratori……

  2. Spero sia una casualita’ che questo signore assista 4 giocatori del napoli (3 in squadra ed 1 in prestito). Innanzitutto (visto come ha giocato la squadra) bisogna spiegare al sig. Giuffredi che 1-3 e 1-4 non sono la stessa cosa (visto che tra Allison e Florenzi sono sfumati almeno due gol), in secondo luogo bisognerebbe avere l’umilta’ di capire che, a parte il primo, Mario Rui ha (purtroppo per lui) responsabilita’ dirette su tutti gli altri gol (sul 1-2 non contrasta al cross Florenzi – che tra l’altro crossa anche da dietro, neanche dal fondo -, sul 1-3 scivola non contrastando Dzeko e sull 1-4 si e’ gia’ detto tutto). Il calcio e’ uno gioco di squadra e come tale meriti e colpe si dividono ma qui mi sembra di assistere alla medesima situazione di Reina (quando fa una parata tutti gridano – giustamente – al miracolo e si dimenticano le 7-8 cappelle). Tutti (ed il sig. Giuffredi in testa) dovrebbero capire che Rui e’ un onesto terzino, niente di eccezionale, come anche Hysaj (tanto per intenderci, anche se lo bandirei per sempre da tutti i campi, il nostro buon albanese e’ purtroppo inferiore ad uno come Lichsteiner che nella sua carriera, oltre ad essere ad ogni campionato uno dei migliori esterni/terzini destri fa anche gol, cosa che al buon Hysaj la vedo difficile) o il buon Grassi il quale, sempre secondo il buon Giuffredi, “nel giro di due anni sara’ il miglior centrocampista italiano”. Sara’, ma Giuntoli ed il buon Giuffredi hanno dovuto faticare 7 camicie per trovargli una squadra, arrivando alla fine alla Spal dove tra l’altro sta giocando dalle ultime settimane….purtroppo caro Giuffredi il presidente ha ragione, i procuratori sono il male del calcio…vatti a cercare se Mendes o altri (per intenderci, chi ha la procura dei migliori giocatori al mondo) fa sparate del genere…io ti metto al livello neanche di Raiola (ne devi mangiare di erba prima di arrivare ad essere come lui) ma….si ecco, di Nicolas Higuain….ed ho detto tutto…

  3. Giuffredi come ENRICO FEDELE con CANNAVARO, da metterlo alla porta.

  4. Mario Rui ha colpa sicuramente per il secondo e terzo gol. Sul primo era leggermente in ritardo (affanno) ed è riuscito solo a deviare colpevolmente la palla in porta.
    La respinta di tacco (non riuscita) andrebbe proiettata nelle scuole calcio per far vedere cosa non deve fare un difensore.

    • Mario Rui, tacco alla Paolo Cannavaro contro l’Empli in casa lo stesso ricordi? come altre giocate col Tutù da ballerina del San Carlo di Cannavaro e perdemmo la partita.

  5. Domenico Sapio 6 marzo 2018, 13:01

    Risposta di un tifoso napoletano ( cioé io…! ) a Giuffredi:

    « È solo che un agente è un agente, mentre i fatti dicono altro. Sono disposto ad accettare da tifoso, certi giudizi quando sono motivati, solo che però gli agenti sono più bravi a bussare a danari che a riconoscere gli erroracci dei loro assistiti………… ».

  6. Ma chist parl semp?

Comments are closed.