A proposito del Napoli e della presunta rosa corta (dopo le parole di Mertens)

Dries nell’intervista ha detto: «Guarda la rosa della Juve, il nostro è un piccolo miracolo». Andiamo a vedere l’Inter capolista e la Roma

A proposito del Napoli e della presunta rosa corta (dopo le parole di Mertens)

Lo scudetto

Scriviamo quando l’Inter è prima in classifica, almeno fino alle ore 17. Solo il Napoli può contro-sorpassare i nerazzurri che altrimenti resteranno in testa. E scriviamo un giorno dopo l’intervista di Dries Mertens, una chiacchierata interessante con Het Laatste Nieuws.

Delle parole di Mertens sul mercato ne abbiamo scritto qui, ora vorremmo concentrarci velocemente su un altro punto del discorso del centravanti belga. Questo qui: «Ora mi rendo conto che [vincere lo scudetto] sarà molto difficile, non abbiamo talenti incredibili né una rosa profonda, specialmente con gli infortuni di Ghoulam e Milik. Metti la nostra rosa al fianco di quella della Juve e ti rendi conto che stiamo realizzando un piccolo miracolo».

Verità (o quasi)

Ecco, anche queste parole sono vere, nel senso di credibili e verificabili. Ma restano vere fino a quando restano nei confini che esse stesse tracciano. Ci spieghiamo: fare questo discorso sulla rosa e sulla sua profondità – almeno secondo noi – ha senso solo se rapportato alla Juventus. A confronto con quello dei bianconeri, l’organico del Napoli è meno forte sugli undici titolari ed è meno profondo nella varietà e nella qualità delle alternative. Per questo, soprattutto per questo, Allegri e i suoi sono favoriti per il titolo. Nonostante l’avvio zoppicante, i quattro punti di distacco, i problemi del gioco e così via.

L’Inter

Per le altre, prendiamo come riferimento il pezzo che scrivemmo già in occasione di Napoli-Milan: quanti titolari delle squadre avversarie giocherebbero titolari nel Napoli? Prendiamo l’Inter. Handanovic, Skriniar, Perisic, Icardi. Che bella squadra. Ci sono anche Vecino, Borja Valero, Candreva. Allo stesso modo, però vi chiediamo: quale scambio alla pari fareste, in formazione? Icardi e Handanovic sono due bravissimi nel loro ruolo, voi forse li scambiereste con Mertens e Reina. Sarri lo farebbe? Non ne siamo così sicuri. E ancora: scambiereste Insigne per Perisic? Koulibaly per Skriniar? E tacciamo delle riserve, tipo quell’Andrea Ranocchia che la settimana prossima giocherà (per forza) da titolare per la squalifica di Miranda. O Ranocchia o nessun altro, a meno di adattare D’Ambrosio centrale.

Ma, soprattutto, invertiamo la direzione. Come sarebbero accolti all’Inter Diawara, Zielinski e Rog? Farebbero panchina nell’Inter dei Vecino, Borja Valero e Gagliardini? Ne siamo così sicuri, oppure sono i nerazzurri a invidiare la nostra panchina? Propendiamo decisamente per la seconda ipotesi.

Lo stesso ragionamento vale per la Roma. Certo, ci sono Dzeko, Nainggolan e Kolarov. Fortissimi. Però vi chiediamo: Dzeko per Mertens? Oppure El Shaarawy per Callejon o Insigne? Ma anche Strootman per Hamsik oppure De Rossi per Jorginho? Addirittura più in profondità: Zielinski per Pellegrini? Chiriches o Maksimovic per Juan Jesus? Caliamo un velo pietoso su Gonalons calciatore – come tanti – odiato ancor prima di arrivare a Napoli e che invece si sta dimostrando un buon calciatore di equilibrio. Della Lazio nemmeno parliamo.

Il miracolo

Ecco, Mertens ha ragione fino a un certo punto. Fino alla Juventus. Il Napoli ha una rosa vasta e di qualità, la seconda del campionato italiano. Una rosa con dei problemi numerici causati dagli infortuni gravi e imprevedibili di Milik (che non giocava praticamente mai) e Ghoulam. Ne abbiamo scritto qui e qui. Per il resto, il «miracolo» di Mertens riguarda solo la Juventus – almeno per quanto concerne l’organico. Poi magari l’Inter vince lo scudetto e allora chapeau, ma sarebbe una sorpresa molto più grande rispetto a un eventuale titolo alla squadra di Sarri. Un’eventualità che, a sua volta, sarebbe molto sorprendente rispetto al settimo successo in fila dei bianconeri. Ecco, quest’è. Almeno secondo noi, che poi lo dice anche la classifica.

ilnapolista © riproduzione riservata
  • Pacojonathan

    Io invece sono perfettamente d’accordo con Dries, anche perchè lo dico da due anni: il vero e unico fuoriclasse del Napoli è Sarri… se al posto suo ci fosse quella mezza calzetta di allegri, con gli stessi giocatori, il napoli arriverebbe tra 5° e 8° posto…

    • Giulio Ceraldi

      Concordo con te.

  • Livan Clif

    Lo dico da anni ormai: Sarri per i prossimi cent’anni, ma la squadra è forte e se siamo dove siamo è merito del fatto che abbiamo giocatori di primissimo livello, almeno per la serie a.

  • Luciana Calienno

    L’ennesimo articolo a tema.Io la penso come Mertens.La sola cosa che condivido è il “secondo noi “.Secondo me invece la rosa del Napoli è la quarta ,al livello di Milan e Lazio.Poi sulla valutazione di Handanovic e Icardi…. meglio evitare commenti

  • giancarlo percuoco

    povero Mertens. che ne poteva sapere delle battaglie del Napolista.

  • Vincenzo D’Agostino

    Mertens, come già commentato in un altro articolo, poteva starsi zitto.
    Commenti, a prescindere se si sia d’accordo o no con le sue parole, INUTILI e prive di rispetto x i suoi compagni.
    Chi vorrebbe come compagni?
    Perché non ha detto anche chi vuole.
    Personalmente, ritengo questa rosa la migliore di sempre.
    Andatevi a vedere le rose, non gli 11, dei due scudetti, soprattutto il primo, e, con, onestà si deve riconoscere che questa è decisamente la migliore

    • giancarlo percuoco

      il campionato era a 16 squadre e non si giocavano le coppe.

      • Vincenzo D’Agostino

        In questo campionato si gioca a 8 squadre

        • giancarlo percuoco

          infatti l’Udinese ti ha fatto sudare, e la Roma ha pareggiato col Genoa.

          • Vincenzo D’Agostino

            Questo e gli ultimi tre sono i campionati più ridicoli, parlo di almeno 10 squadre, da anni 20 a questa parte.
            Comunque non so quanti anni hai, se cioè ti sei gustato il napoli del 1° scudetto.
            La riserve in difesa erano : bigliardi, raimondo marino e un bruscolotti oramai alla frutta, a centrocampo sola, in attacco Carnevale e Puzone.
            Titolari erano, tra gli altri, Garella, Ferrario, Renica, Volpecina, Caffarelli, de napoli, romano,…..che se confrontati ruolo x ruolo non valgono gli attuali o al limite qualcuno, max2, è pari…..gli altri 4, ferrara, maradona, bagni, giordano……erano di un’altra categoria.
            Mi basterebbe solo Giordano. Avrebbe fatto 72 gol, altro che Higuain e Mertens

      • Vincenzo D’Agostino
  • Venio Vanni

    La definizione del proprio lavoro di “miracolo” da l’esatra contezza di quanto Mertens sia in sintonia con la città.

    Anche quando si sta facendo un lavoro egregio, scientifico programmato e non casuale a Napoli bisogna dare quest’aura di miracolati, di incapaci di definire il proprio destino con le proprie mani…

    • Il Boemo

      A me è sembrato più un noi del gioco contro voi delle figurine, ma magari mi sbaglio e i giocatori si fanno influenzare dall’ambiente.

      • Venio Vanni

        Potrebbe anche essere come dici tu.

  • Marazola

    L internha una partita a settimana e a gennaio nn si fara pregare x intervenire come semprenil napoli prendere inglese come prese regini e grassi ha ragione mertens

  • Matteo Bianchini

    Che bello omettere scientificamente, in una discussione sulla profondità della rosa, che l’Inter non gioca coppe europee.

  • Vincenzo D’Agostino

    Oggi Maggio ha dimostrato che il Napoli in panchina ha gente valida.
    Ma purtroppo se anche quando si gioca con squadre di II fascia si fa poco turnover…..le riserve non entreranno mai in forma…
    Se Callwjion entra pure con lo Spezia in coppa Italia…….

  • Francesco

    Ragazzi, voi dite di essere un giornale di opinione e – del resto – il calcio si presta perfettamente alle opinioni. Però, per restare rispettabili, le opinioni devono avere un minimo di coerenza: come fate a scrivere che Icardi non è oggettivamente meglio di Mertens per il ruolo di centravanti se, due estati orsono, scrivevate che il Napoli avrebbe dovuto investire il ricavato del trasferimento di Giuda su Maurito Icardi? E poi: se dite che Reina è meglio di Handanovic, volete considerare e cercare di confutare un po’ di dati (ad valore di mercato di Handanovic, percentuali dei salvataggi di Handanovic ecc ecc). Un solo esempio: lo scorso anno Reina ha salvato la porta solo 2 volte su 15 (utilizzando il parametro degli XG), ha preso quasi il 2p % dei goal da fuori area: Handanovic ha percentuali molto migliori! Con articoli come questo vi bruciate ogni credibilità. Vi salvano solo i commenti degli utenti, molto più competenti