Il Cammino delle Certose. Napoli, Capri e Padula: i luoghi dell’anima

Fino ad ottobre, nelle certose di San Martino, San Giacomo e San Lorenzo: una proposta turistico-culturale della Regione Campania

Il Cammino delle Certose. Napoli, Capri e Padula: i luoghi dell’anima

È stata presentata ieri la nuova proposta turistico-culturale dell’Assessorato allo Sviluppo e Promozione del Turismo della Regione Campania nell’ambito dei progetti di eccellenza finanziati dal Mibact, con la collaborazione scientifica del Polo Museale della Campania: Il Cammino delle Certose. Tre certose, un unico itinerario sulle tracce dei monaci, della storia, del sacro ma non solo.

Il progetto, che si inserisce nei ‘percorsi dell’anima’ già promossi dalla regione nei luoghi sacri ‘minori’ della Campania, mira a riproporre all’attenzione del pubblico nazionale ed internazionale il patrimonio straordinario conservato nelle Certose di San Martino a Napoli, di San Giacomo a Capri e di San Lorenzo a Padula, con performance e mostre.

Certosa di San Martino, Napoli

Alla Certosa di San Martino venerdì 21 luglio inaugura la mostra incentrata su opere del Sei e Settecento che prendono spunto dal tema biblico di Giuditta e Oloferne, a partire dall’affresco di Luca Giordano nella Cappella del Tesoro.

Il cammino delle certose

Per l’occasione saranno esposti, per la prima volta, i disegni preparatori provenienti dagli Uffizi di Firenze. Le opere seicentesche, da Carlo Saraceni a Jacopo Ligozzi, dialogheranno lungo tutto il percorso espositivo con i maestri del contemporaneo, a dimostrare affinità e dissonanze, affrontate con sensibilità differenti, da Lucio Fontana a Alberto Burri, da Luca Maria Patella a Anish Kapoor, da Louise Bourgeois a Giacinto Cerone e Paolo Mussat Sartor.

Al centro della scena la violenza sul corpo e sulla materia, la sublimazione del gesto attraverso la bellezza, il riscatto del mezzo artistico, il destino di umana sofferenza e la ribellione.

il cammino delle certose

Certosa di San Giacomo, Capri

Nella chiesa della Certosa di San Giacomo a Capri, dal 22 luglio, saranno esposte le installazioni del grande volume ‘Leviticus’ di Hermann Nitsch, protagonista storico dell’Attivismo Viennese, che riflette sulla ritualità e sui misteri della religione; le icone russe da viaggio, in bronzo e smalto, di collezione privata, che rappresentano gli aspetti più intimi e personali della religiosità ortodossa; le incisioni di Vittorio Pavoncello dai libri della Bibbia ebraica.

Completano l’esposizione l’installazione dell’artista di origine rumena Radu Dragomirescu e le due opere di Vettor Pisano, che creò pensando ai dipinti di Diefenbach esposti in Certosa nell’omonimo Museo.

Certosa di San Lorenzo, Padula

La Certosa di Padula ospita, il 14 luglio, la performance di Vanessa Beecroft, Thirteen Christs: 13 performer selezionati dall’artista metteranno in scena una coreografia di 300 interpreti co-protagonisti reclutati sul territorio che si concentreranno sui valori dell’accoglienza e dell’ospitalità partecipata. Saranno inoltre in esposizione i lavori di Giovanni Anselmo, Ettore Spalletti, Salvatore Emblema, Sandro Sanna, Lucilla Catania, Michele De Luca e Claudio Calmieri. Infine, ‘l’installazione con il verde’ di Maria Dompè nella Corte dei Granai.

Concerti e reading

Completa il tutto un programma di concerti e reading a tema distribuito nei tre complessi. Si inizia alla Certosa di Capri con musiche di Debussy e letture di Catherine Spaak, si prosegue a Padula con il concerto di Marcus Stockhausen, mentre a settembre, in collaborazione con il Teatro di San Carlo di Napoli, due appuntamenti, nella Certosa di San Martino e in quella di San Lorenzo a Padula.

Tutte le mostre saranno visitabili fino al 21 ottobre.

ilnapolista © riproduzione riservata