Kessié non avrebbe 20 anni (dall’Africa spiegano così il supplemento di visite mediche)

L’agenzia di stampa Afrique Press ha lanciato la clamorosa indiscrezioni: ulteriori controlli per verificare l’anagrafica del centrocampista ormai a un passo dal Milan.

Kessié non avrebbe 20 anni (dall’Africa spiegano così il supplemento di visite mediche)

Dall’Africa

Taribo West, Luciano, Joseph Minala. Tre casi, uno accertato e gli altri due no, di calciatori con età alterata. Abbassata, ovviamente, in modo da allungare la carriera. Oggi, che pure sembra impossibile pensare di riuscire a farla franca, ecco rispuntare il problema. O, comunque, la diceria. Tocca al Milan, che ieri ha fatto sostenere all’ivoriano Franck Kessié le visite mediche di rito prima dell’annuncio ufficiale. Ebbene, secondo l’agenzia di stampa Afrique Press il supplemento di vcontrolli voluto dal club rossonero servirà proprio a dirimere i dubbi sulla reale anagrafica del centrocampista dell’Atalanta. Che, secondo i documenti, è nato il 19/12/1996.

In un secondo update dell’articolo, Afrique Presse ricorda come l’età di Kessie fosse stata oggetto di discussione già in passato. Prima della Coppa d’Africa Under 17 del 2013, precisamente. Una questione di date di nascita comparse e ricomparse sui siti. Insomma, il solito lavoro non proprio chiarissimo degli uffici anagrafici africani.

Che, per l’appunto, ci riporta alla mente i casi (mediatici) di West e Minala. E poi anche quello giudiziario di Luciano fu Eriberto, che a un certo punto della carriera cambiò nome e data di nascita tornando alla sua identità originale. Aveva modificato i suoi dati per avere qualche chance in più di sfondare in Europa.

Storie meravigliose, che in realtà nascondono vere e proprie frodi – quando vengono accertate, ovviamente. Il lancio Ansa di ieri, per quanto riguarda Kessié, segnalava l’esistenza di “problemi fisici”. Ora quest’indiscrezione, un fulmine a ciel sereno. Vedremo come finirà, i rumors parlano di “cinque anni di più”. Sarebbe nato nel 1991, il buon Franck. Resta un bravissimo calciatore, in ogni caso. Giusto per chiarire.

ilnapolista © riproduzione riservata