Cresce sul web la voglia di pace tra Napoli e Roma, il Napolista è d’accordo

Tribù Giallorossa lancia una petizione per tornare al gemellaggio tra le tifoserie del Napoli e della Roma e in tanti firmano.

Cresce sul web la voglia di pace tra Napoli e Roma, il Napolista è d’accordo

Arriva un momento in cui si prova a riflettere sulle cose, sui comportamenti, e ci si guarda allo specchio. È quel che sta avvenendo in questi giorni sul web – che poi è la vita reale – tra tifosi della Roma e tifosi del Napoli. La storia è ormai tristemente nota. Una tradizionale amicizia tra le tifoserie che è progressivamente degenerata in odio e violenza con continui scontri culminati nella uccisione di Ciro Esposito per mano di Daniele De Santis ex ultrà romanista, neofascista, che – come tutti sanno – il 3 maggio 2014 colpì a morte Ciro che era a Roma per assistere alla finale di Coppa Italia tra Napoli e Fiorentina. Una partita tra Napoli e Fiorentina in cui un romanista ha ucciso un napoletano. E qui ricordiamo che, ovviamente fatto salvo il diritto alla giustizia, la famiglia di Ciro non potrebbe non vedere di buon occhio la rimozione di un’assurda rivalità che ha portato alla assurda morte del loro figlio.

In questa estate 2016 sono accaduti anche due eventi calcistici o comunque di calciomercato. La Juventus, squadra eufemisticamente poco amata da entrambe le tifoserie, ha acquistato sia Pjanic sia Higuain. Mentre Roma e Napoli litigano, la Juventus si rafforza ulteriormente. Forse è stato anche questo a smuovere gli ambienti. Va detto che il corpaccione delle tifoserie – almeno prima dell’omicidio di Ciro, per quel che riguarda Napoli – non ha mai mai compreso fino in fondo questo odio che è fondamentalmente antistorico.

E così da giorni c’è un importante movimento sul web. E non solo, se consideriamo l’attacco di Totti a Higuain per la decisione di passare alla Juventus. La pagina facebook di Tribù Giallorossa ha pubblicato cinque giorni fa questo status:

tribugiallorossa

“Caro NAPOLETANO, per colpa di qualche idiota tra noi ultimamente non scorre tanta simpatia ma siamo uniti da sempre dal sole e dalla passione per il calcio che in altre città non possono capire. Oggi è un giorno triste perché ancora una volta i soldi hanno vinto sui nostri sentimenti. Mi fa rabbia vedere Higuain che fino a solo 3 mesi fa incitava là curva a cantare Difendo la città.. Ed oggi va a testa bassa dal nemico strisciando come un verme. Voi che avete avuto Maradona non meritate mercenari come Higuain. Totti tutta la vita Ora fatevi sentire e restituitegli tutto quello che vi sta levando”.

Status che ha raccolto oltre 14mila likes e quasi cinquemila condivisioni con oltre duemila commenti in cui tifosi del Napoli e della Roma si scambiano reciproci e complimenti e si dichiarano desiderosi di tornare alla vicinanza di prima, quando c’era il gemellaggio tra le due tifoserie e il derby del Sud era un giorno di festa.

E la stessa Tribù Giallorossa ha lanciato la petizione per tornare al gemellaggio tra le due tifoserie.

“Rivogliamo il gemellaggio calcistico tra le tifoserie di Roma e Napoli unite da sempre da una passione vera che va oltre il calcio fatto di vittorie a tutti i costi. Sappiamo di non essere i soli a pensarla in questo modo ed il successo di un post sulla nostra pagina Facebook “Tribù Giallorossa” che in meno di 24 ore ha generato quasi 800 mila visualizzazioni e più di 4000 condivisioni con oltre 2 mila commenti ci hanno spinto ad ufficializzare la volontà di tutti. Non facciamo parte di gruppi ultras organizzati ma siamo semplici tifosi che amano il calcio e che vorrebbero tornare allo stadio con i propri figli per godersi di nuovo la partita simbolo del sud. Se anche tu ami il calcio fatto di passione, di colori e di sentimenti come solo Napoletani e Romanisti sanno vivere grida insieme a noi ” RIVOGLIAMO IL DERBY DEL SOLE”.

Noi del Napolista non possiamo che condividere e appoggiare questa iniziativa, nella speranza che il più rapidamente possibile si possa tornare al clima cordiale tra le due tifoserie.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Anselmo Martini 29 Luglio 2016, 17:42

    Mi sto divertendo un mondo a leggervi, sembrate delle blatte impazzite… nessuno che ragioni con la testa, solo invidia, odio e frustrazione… sembra che dalla vita non abbiate altre soddisfazioni che le vitttorie del Napoli… vabbè, meglio per noi, continuate così 😉

    • Ma no, in effetti su un sito che parla di pallone potremmo parlare di cucito, di shopping o magari di merda, anche se per quella ci sono i siti gobbi

  2. Hanno ucciso un Napoletano con l’intenzione di ucciderlo, ci odiano, cantano cori infami contro di noi. Onestamente il gemellaggio è finito nel 1987, sono passati 30 anni, c’è un morto di mezzo. Non si può sanare. Non ho nulla contro i Romani, non ho aggredito mai un altro tifoso, nè ho mai cantato cori offensivi (salvo gridare “lotaaaaaaa” contro qualche giocatore in fasi concitate del gioco) ma con i tifosi di Roma e Lazio non voglio avere nulla a che fare. Solo Genoa.

  3. Massimo The Green 29 Luglio 2016, 12:21

    Approvo l’iniziativa è la firmo.
    Sono romanista fino al midollo ma considero Napoli e i napoletani ciò che mi è più vicino dopo Roma e l’A.S. Roma.
    GEMELLAGGIO !

  4. Pur di coalizzarvi contro la Juve cercate di far passare i romanisti come docili agnellini… Imbarazzante.

  5. Nunzio Schioppo 28 Luglio 2016, 22:12

    Avrei preferito che il traditore andasse alla Roma che da quei bastardi. Me ne sarei fatta una ragione. Comunque ottimo da Roma.

  6. federico imparato 28 Luglio 2016, 20:12

    Un initiziativa lodevole, da chi ha vinto solo scudetti veri e non rubati da quei ladri che stanno uccidendo lo sport più bello del mondo

    • L’ultimo scudetto la Roma lo ha vinto rubandolo proprio alla Juve, sfruttando il cambio in corsa della regola sugli extracomunitari (per opera di Petrucci, ex dirigente Roma). Ma purtroppo siete ignoranti e non volete evolvervi.

  7. E’ sempre positivo quando i tifosi non delinquenti provano a riappropriarsi del calcio.

  8. Claudio Scotto 28 Luglio 2016, 19:12

    Proposta: partiamo facendo un regalo (magari anche scherzoso) a Totti alla carriera quando viene al San Paolo e un applauso di tutto lo stadio. Gli spettatori che hanno vinto almeno uno scudetto di fantacalcio grazie a lui ce ne saranno sicuramente a migliaia…

  9. ne sarei felicissima. Solo a degli juventini può venire in mente di commentare con sarcasmo (su una pagina dedicata al Napoli) un’iniziativa del genere. E dopo una tragedia come quella occorsa a Ciro Esposito e alla sua famiglia.

    • Tragedie come quella non ci sarebbero se i tifosi tutti si comportassero in modo più civile. Voi napoletani cominciate a dare il buon esempio non esasperando sempre tutto. Iniziate a non augurare la morte ai giocatori che vogliono andare in un’altra squadra. Iniziate a non riempire di sassi il pullman della Juve ogni volta che arriva a Napoli. Sarebbe già qualcosa. Per un calcio migliore non occorrono gemellaggi, semplicemente maggiore civiltà.

      • quante sciocchezze, non basta chiudere il tuo intervento dicendo una cosa giusta, ma piuttosto banale. Magari si potrebbe iniziare smettendola di seminare odio con coretti imbecilli ad opera DEGLI STESSI GIOCATORI e dei dirigenti, o augurando lo sterminio di un popolo attraverso eruzioni ed altre amenità… Magari si potrebbero anche applicare le leggi (Legge ah questa sconosciuta) con squalifiche del campo etc

      • Quelli di cui parla sono comportamenti che avvengono nella frangia imbecille di ogni tifoseria, non credo proprio che la “civiltà” possiate insegnarcela voi. A Madrid c’è stata un’invasione di migliaia di tifosi del Napoli assolutamente civile e pacifica.
        Un’altra cosa, smettetela con questo “Noi napoletani …” Io non sono napoletana, ma tifosa del Napoli – differenza che in Italia ancora non avete imparato.

  10. Cercate alleati per la guerra alla Juve? Commoventi.

    • non cado mai nei tranelli della facile polemica, ma per te faccio volentieri un’ eccezione.

      stronzo.

    • veramente non credo ce ne sia bisogno: vi schifano già tutti quelli che amano lo sport.

      • Nunzio Schioppo 29 Luglio 2016, 9:25

        Ragazzi, gli state facendo troppi “elogi” a questo pezzo di merda rubentino.

      • Ci schifano perché siamo vincenti. In Spagna la squadra più odiata è il Real. In Francia è il PSG. E così via. È il destino dei più bravi essere odiati.

        • Ti piacerebbe. I bravi spesso sono odiati, i ricchi spesso imbrogliano (sopratutto quando si tratta, appunto, della loro fortuna).
          Voi però siete speciali. Nessuno del real, del psg o di qualunque altra squadra offende lo sport persino con le divise.

    • Chiunque ami lo sport in generale e il calcio in particolare dovrebbe lottare contro la vergognus, caro testicolo

    • Anselmo Martini 29 Luglio 2016, 17:38

      Mamma mia, guarda un po’ a cosa porta l’invidia e la frustrazione…

  11. dai piangiamo insieme per pjanic e gonzalo

  12. A me farebbe piacere

  13. Diego della Vega 28 Luglio 2016, 17:15

    Bisogna riconoscere che il tifoso romanista vive il calcio come il napoletano. Ovvero con mille eccessi, ma anche come espressione delle proprie radici culturali e storiche. I merdentini invece sono apolidi e pagnottisti.

    • frateme mi ha detto : come si fa a essere amici a quei bastardi assassini che hanno ucciso ciro ? e io gli ho risposto che per i rubbentini andrei contro a tutte cose

      • Luigi Ferrara 29 Luglio 2016, 10:41

        Dì a tuo fratello che non bisogna generalizzare. Tra i nostri e i romanisti esistono delinquenti , fascisti camorristi e gent e sfaccimm . Tutto quello che puo’ servire ad allontanare ste fogne è bene accetto.

      • Anselmo Martini 29 Luglio 2016, 17:37

        Giusto, meglio assassini che rubbbbbbbbbbbbentini

    • Mi spiace ma i Napoletani non sparano ad altezza d’uomo per uccidere un ragazzo disarmato.

      • Diego della Vega 29 Luglio 2016, 19:20

        Realisticamente bisogna dire che pure tra i nostri c’è feccia di un certo livello. Personalmente ritengo che il calcio non ha bisogno della mazzamma ultras e che gli stadi si riempirebbero sempre anche senza di loro.

  14. Antonio D'Onofrio 28 Luglio 2016, 16:47

    Lasciatemi dire che, se due anni fa avesse vintoa Roma, sarei stato felice quasi fosse stato uno scudetto mio.
    Il modo di intendere il calcio nella capitale non può che essere degno di rispetto, soprattutto se paragonato al freddo modo, di distacco e borghese superiorità che si ha in quel di Torino.

  15. Claudio Scotto 28 Luglio 2016, 16:41

    Io sottoscrivo tutto. Ogni segno di pace tra tifoserie e` benaccetto, anche se non si arrivasse a un gemellaggio. E` il segno che gli appassionati non-ultras piano piano si stanno riprendendo il gioco piu` bello del mondo, senza lasciarlo in balia di quelli che sparano, sfogano odio, disertano derby e in generale fanno gli interessi loro (vedi Juventus-Ndrangheta).
    Rispetto per Totti e i tifosi giallorossi pacifici.

  16. Antonio Spaulding Caliendo 28 Luglio 2016, 16:07

    ” Una tradizionale amicizia tra le tifoserie, che poi è progressivamente degenerata in odio e violenza… ” Dal punto di vista “storico” questa affermazione è una balla colossale.Con ogni probabilità l’autore , e con lui una cospicua parte di tifosi azzurri e romanisti, credono che il gemellaggio tra Napoli e Roma sia nato da sempre, sia durato chissà quanti anni, e sia finito per il gesto dell’ombrello di Bagni. La verità è un’altra ; da quando hanno cominciato ad affrontarsi nel girone unico di serie A, le tifoserie di Napoli e Roma ( ed includo, ovviamente anche la Lazio ) se le sono sempre date di santa ragione, senza soluzione di continuità.Bastonate tante, coltellate molte, e anche colpi di pistola. Come quello che un tifoso della Roma esplose in bocca ad un giovane tifoso del Napoli, Alfredo Della Corte ( vivo solo per miracolo ) al termine di un Roma Napoli del 1973, prima domenica di Austerity. Solo un miracolo, quindi, non fece di Alfredo Della Corte un Ciro Esposito del ’73.Naturalmente,nessun ingenuo può pensare che i 20, 25, 30mila Napoletani che seguivano la squadra azzurra fossero tutti angioletti.Moltissimi avevano addosso l’armamentario tipico di quegli anni ; pistole lanciarazzi, bengala, mortaretti e cipolle di ogni dimensione.Diciamo che le invasioni annuali dei Napoletani a Roma erano ( con qualche sfumatura) l’equivalente delle calate degli Hooligans Inglesi nei tour europei. Ora, il famoso ” gemellaggio”, è durato pochi anni 5 al massimo, che però nell’immaginario collettivo sembrano 100 anni. Un gemellaggio rotto ben prima il gesto di Salvatore Bagni, che si reggeva su precari equilibri, e sulla volontà di un gruppo al tempo maggioritario nei tifosi. Mi riferisco al C.U.C.B di Gennaro Montuori.Al contrario, nella curva Sud romanista, chi voleva tenere insieme questo rapporto era la parte minoritaria, che fu ben presto spazzata via.Questo coincise con la svolta fascista in curva Sud. Ma questa è un’altra storia che conosco benissimo, ma che ci porterebbe fuori tema. naturalmente, parlo con cognizione di causa. C’ero prima , c’ero durante, e ci sono stato dopo.Credetemi , una pacificazione è praticamente impossibile.Non dico che siamo al livello di Palestinesi ed Israeliani, ma poco ci manca. Apprezzo le buone intenzioni di Tribù Giallorossa, e sono convinto che siano propositi sinceri , ma irrealistici. Almeno per i prossimi 100 / 200 anni, poi si vedrà.

    • Luigi Ferrara 29 Luglio 2016, 10:44

      Interessante quello che scrivi. Ce n’è abbastanza per tentare di isolare le frange più’ becere dei curvaioli frustrati dalla mancanza di un ruolo nella società .

  17. Io invece credo che sia una bellissima iniziativa a prescindere dagli ultimi avvenimenti di calciomercato. Sarebbe auspicabile una riconciliazione tra le tifoserie che stemperi quello stato di tensione che si genera ad ogni partita e che, perché no, metta un po di fiato sul collo ai simpatizzanti dei “torinesi”. Gemellaggio o no si deve provare ad iniziare a mettersi tutto alle spalle, anche perché così è, di fatto, un calcio malato che perde sempre più appeal.

  18. Tullio Imposimato 28 Luglio 2016, 15:41

    Un abbassamento della tensione tra le due tifoserie sarebbe auspicabile, la petizione di tribù giallorossa nasce comunque in chiave antijuventina anche per il trasferimento di Pjanic… E non dimentichiamo che il gemellaggio si ruppe quando il Napoli cominciò a vincere…. Un’alleanza per interessi comuni si, ma gemellaggio no. Troppa violenza, tanto sangue, tante ingiurie da parte dei romani “scurdammece o’passat'” stavolta non vale.

    • Perfettamente concorde con il tuo pensiero….più che un “gemello”…vogliono un alleato!

    • Pjanic e Higuain sono stati regolarmente comprati dalla Juve. Sempre bene ricordarlo.

Comments are closed.