Gazzetta: “Sarri ha lanciato la sfida al Chelsea”

Critiche feroci in Inghilterra dopo il suo attacco alla squadra. Per la Gazza Sarri ha mostrato coraggio e personalità. Ma potrebbe fare la fine di Mourinho e Conte

Gazzetta: “Sarri ha lanciato la sfida al Chelsea”

Farà la fine di Conte e Mourinho?

Lo sfogo di Sarri in conferenza stampa, al termine di Arsenal-Chelsea 2-0, fa discutere l’Inghilterra. Oggi ci torna anche la Gazzetta con un pezzo intitolato: “Sarri nel mirino. E ora il Chelsea come reagirà?”

La Gazzetta riporta alcune critiche – anche dure – che sono state mosse all’ex tecnico del Napoli. Scrive il quotidiano:

L’analisi più lucida è di Martin Keown, ex centrale inglese, 52 anni, che ha vissuto la parte migliore della sua carriera proprio con i Gunners. Keown ha dichiarato a BT Sport: «Tutto nel Chelsea è a breve termine, tranne i gioca­tori. Sarri ha dichiarato guerra alla squadra. Resisterà a tutto questo? Sarri ha messo sotto accusa la mentalità e la fame dei giocatori. La scossa dovrà fare effetto, altrimenti cambie­ranno l’allenatore. Di sicuro, considerate le abitudini del club, non cambieranno i calcia­tori. Questo gruppo è soprav­vissuto a diversi manager».

“Ha lasciato il segno”

La Gazzetta scrive che “la sfuriata di Sarri ha lasciato il segno. Ha colto tutti di sorpresa, calciato­ri e dirigenti, spiazzati dalla mossa del tecnico toscano di mettere alla sbarra la squadra di fronte ai media. Nessuno aveva avuto questo coraggio: neppure Mourinho e Conte”. Secondo il quotidiano Sarri ha voluto lanciare “messaggi ben precisi, soprattutto a chi pen­sava che, in nome di una pan­china prestigiosa e di uno sti­pendio importante, fosse di­sposto a mettere da parte la sua onestà intellettuale”.

Alan She­arer, il miglior cannoniere della storia della Premier con 260 gol, “ha accusato Sarri di essere il primo re­sponsabile dei vuoti del Chel­sea «perché tocca a lui saper scuotere la squadra e preparar­ la ad affrontare la battaglia». Per Rio Ferdinand (ex calciatore del Manchester United) «uno sfogo di queste proporzioni dopo una partita è una mossa discutibile. Questi giocatori hanno affron­tato il problema con un paio di allenatori e gli allenatori sono stati costretti ad andare via»”.

Jorginho massacrato

Ferdinand ha criticato anche Jorginho: «Ha fat­to più di duemila passaggi, ma il suo calcio è abbastanza inuti­le. Difende male e non crea as­sist». Proprio l’italo-brasiliano – prosegue la Gazzetta – è oggetto di numerose polemiche: “dopo l’esaltazione inizia­le, siamo al massa­cro. Da queste parti funziona così, ma al Chelsea ancora di più. Non è un club come gli al­tri. Mostri sacri come Mou­rinho e Conte si sono scottati con l’ambiente Blues. Ora sul ring c’è Sarri. Personalità e co­raggio non mancano all’allena­tore toscano, ma lottare contro i muri e soprattutto contro una dirigenza anomala, non è mai facile”.

ilnapolista © riproduzione riservata