Il CIES spiega il neocalcio: per vincere il titolo servono sempre più punti

Negli ultimi dieci anni, la quota di punti necessari per vincere una delle cinque leghe top in Europa si è alzata di dieci punti percentuali.

Il CIES spiega il neocalcio: per vincere il titolo servono sempre più punti

Punti in classifica

Qualche giorno fa, Alfonso Fasano ha scritto sul Napolista del dominio della Juventus sul campionato italiano. Un pezzo di commento su come i punteggi dei bianconeri siano in linea con quelli degli altri campionati europei. Oggi arriva la conferma del CIES, osservatorio calcistico con sede in Svizzera. Secondo un’analisi dei punti accumulati dalle squadre campioni nazionali, c’è sempre meno equilibrio competitivo nelle leghe europee.

Nelle immagini di sopra, è possibile intercettare il dominio sempre crescente delle squadre campioni, soprattutto nel grafico a sinistra, che fa riferimento alle cinque leghe più importanti (Inghilterra, Spagna, Italia, Germania e Francia). Dal 2009 ad oggi, chi vince il titolo nazionale ha aumentato dal 73% all’83% la percentuale di punti fatti rispetto a quelli a disposizione. Per dirla semplice: i punteggi per vincere il titolo si sono alzati del 10% in dieci anni. Per entrare sul podio, invece, la variazione è minima (dal 68% al 72% di punti). Per quanto riguarda tutti i campionati europei, invece, la quota di punti delle squadre campioni è sensibilmente più bassa (76%), ma anche qui l’incremento è nell’ordine dei sette punti percentuali.

In sostanza, l’equilibrio competitivo tende a scomparire. Le differenze economiche si proiettano inevitabilmente sul campo, diventano differenze tecniche. Il dato per la Serue A sull’incremento dei punti di chi vince il campionato (+8%) è il secondo d’Europa dopo quello della Francia (+10%). Subito dopo, la Bundesliga. È la certificazione matematica del dominio della Juventus, del Psg e del Bayern, soprattutto negli ultimi cinque anni. Sotto, un’immagine eloquente per capire come funziona il neocalcio. Vincono sempre gli stessi, e con punteggi sempre più alti. In tutta Europa.

 

ilnapolista © riproduzione riservata