So Foot: «La preoccupazione di Ronaldo è che possa aprirsi un processo per stupro»

Il magazine francese spiega anche come «le possibilità che Ronaldo possa essere perseguito penalmente siano molto deboli».

So Foot: «La preoccupazione di Ronaldo è che possa aprirsi un processo per stupro»

La ricostruzione della vicenda e il contesto legale

«Ma cosa rischia davvero Cristiano Ronaldo?». Titola così So Foot, in apertura del suo sito internet. Il portale del magazine francese prova a fare chiarezza sulla vicenda del presunto stupro del fuoriclasse portoghese, in un pezzo diviso a metà. Nella prima parte c’è la ricostruzione del fatto, il racconto dell’accordo extragiudiziale siglato nel 2010, la riapertura del caso da parte di Der Spiegel. Insomma, tutto quello che vi stiamo riportando in questi giorni caldi.

La seconda parte è quella più interessante, perché traccia i contorni della situazione legale del fuoriclasse portoghese. Leggiamo: «Al momento, Ronaldo si trova di fronte a una denuncia civile, per cui gli viene richiesto un risarcimento. La querelante chiede almeno 200mila dollari. Questo vuol dire che i legali di Kathryn Mayorga hanno già fissato un importo. Da qui si deduce che l’esito più probabile di questa vicenda sarà un nuovo accordo economico, anche perché i tribunali americani tendono a far rispettare gli accordi extragiudiziali».

Tuttavia, Ronaldo ha altre preoccupazioni. Nel  pezzo di So Foot, vengono citate le dichiarazioni di Michael McCann, analista legale di Sports Illustrated,: «Il problema di Ronaldo non riguarda la possibile cancellazione di un accordo vecchio di dieci anni, né il fatto potrebbe essere costretti a pagare Mayorga milioni di dollari. Piuttosto, il calciatore della Juventus teme di essere imputato in un procedimento penale per violenza sessuale, per cui potrebbe anche essere estradato negli Stati Uniti». Uno scenario complicato, che però trova riscontro anche nella Gazzetta dello Sport di questa mattina.

«Deboli possibilità».

In ogni caso, è lo stesso McCann a chiarire che si tratta di una probabilità remota: «Le possibilità che Ronaldo possa essere perseguito penalmente resta debole. Sono trascorsi tanti anni, i ricordi dei testimoni e le prove disponibili potrebbero essere poco convincenti per confermare un’accusa così grave».

So Foot conclude così: «Tutto ruota intorno ai documenti pubblicati da Der Spiegel, e alle testimonianze di Kathryn. Un altro punto importante riguarda le eventuali confessioni di altre donne, incoraggiate dal movimento #MeToo. In ogni caso, il danno di immagine di Ronaldo sarà di sicuro significativo».

ilnapolista © riproduzione riservata