Le notizie su Younes ci dicono che il Napoli sta pensando ad un nuovo attaccante

La suggestione del mercato, un’analisi numerica sul reparto offensivo. E le parole di De Laurentiis sul «31enne d’esperienza».

Le notizie su Younes ci dicono che il Napoli sta pensando ad un nuovo attaccante

Il mercato prima dell’infortunio

Enrico Preziosi ha parlato, e ora sappiamo che ha detto la verità. Le conferme sono arrivate da più parti: Amin Younes si è infortunato gravemente, rottura del tendine d’Achille. Difficile, anzi impossibile considerarlo come un calciatore del Napoli per il periodo di preparazione e per la prima parte di stagione. Plausibile pensare che possa tornare ad allenarsi tra 3-4 mesi, per essere disponibile nel 2019.

Bene, anzi male. Perché il Napoli avrebbe potuto pensare di inserire Younes nelle rotazioni, come esterno offensivo in alternativa a Insigne, Callejon, Verdi. La realtà che però va considerata è quella del mercato, accennata da Preziosi e confermata da Perinetti (ds del Genoa) nelle ultime 24 ore. Ovvero: il Napoli si stava accordando con il club rossoblu per un prestito. Quindi, non puntava su Younes.

Le conseguenze

Dal punto di vista numerico, il Napoli è una squadra coperta nel settore offensivo. In questo momento, volendo fermarci ai soli calciatori che hanno giocato in prima squadra nell’ultimo anno, più i nuovi acquisti, Ancelotti ha a disposizione Milik, Inglese e Mertens come prime punte; Insigne, Callejon, Verdi e Ounas come esterni offensivi.

Younes avrebbe potuto inserirsi nello slot di Ounas, ma le intenzioni del Napoli sembra(va)no essere diverse. Anche perché a noi frulla nella mente un’idea sul mercato, stuzzicata anche dalle parole di Aurelio De Laurentiis sul famoso «31enne di esperienza» richiesto da Ancelotti. È una semplice suggestione, sostenuta da una considerazione numerica: Mertens potrebbe essere di nuovo considerato un esterno, e nel calcio di Ancelotti non è impensabile immaginare un reparto offensivo con maggiori rotazioni e con l’inserimento di un calciatore di piede destro a destra – ergo, Mertens potrebbe convivere con Insigne e Milik, per dire. Inoltre, con le ufficializzazioni di Fabian Ruiz, Lainer e Meret (più Karnezis), e il rinnovo di Albiol, il Napoli non ha urgenze. Quindi approccerà il mercato in posizione di attesa rilassata, con un occhio a quello che succede nel mondo.

Madrid e Parigi

Difficile pensare che Inglese possa rimanere come centravanti di riserva, soprattutto se i top club dovessero innescare il domino delle punte e il Napoli potesse avvicinarsi a qualche nome grosso. Di conseguenza, con l’ex Chievo ceduto e Mertens considerato esterno (la batteria sarebbe composta dal belga, da Insigne, Verdi e Callejon), rimarrebbe un solo posto libero. Quello di vice-Milik.

Secondo noi la “calma” del Napoli sul mercato può portare a gradevoli sorprese finali. Tutto, ovviamente, dipenderà dai movimenti dei grandi club sul mercato degli attaccanti. Il rapporto storico di Ancelotti con la figura di centravanti ci fa pensare che se il Napoli dovesse e/o volesse e/o potesse fare uno strappo al suo modello di reclutamento, lo farebbe solo per un grande numero nove. E di grandi numeri nove di 31 anni ce ne sono due. Uno gioca a Madrid, l’altro gioca a Parigi. Con Kane o Lewandowki che cambiano maglia, potrebbero muoversi. Noi siamo qui, aspettiamo. Senza ansie.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Younes non esiste, è un personaggio di fantasia

  2. Mario Fabrizio Guerci 30 giugno 2018, 11:39

    Younes non avrebbe mai giocato qui secondo me.Bisognerebbe capire cosa ne pensa reCarlo di Ounas.Per Inglese,stesso discorso.Sempre più convinto a questo punto, che il misterX sarà un numero 9

  3. ma perchè ci voleva l’infortunio, se è vera la notizia, di younes perchè il napoli dovesse avere un altro attaccante ? o quello di madrid o quello di parigi andrebbero benissimo ma sarebbero disposti a tagliarsi lo stipendio del 50% ? ansia ? un po’ si, sono tifoso. dei bilanci non mi frega una benemerita.

  4. ma la punta già presa da 20 gol?dove sta’?

  5. Raffaele Sannino 30 giugno 2018, 1:21

    A quanto mi risulta ,Ciciretti sarà a Dimaro e farà parte dell’organico.Inoltre, i nove di 31 anni guadagno cifra astronomiche ,per cui bisognerebbe risparmiare sul monte ingaggi attuale tagliando stipendi pesanti.Escludendo Insigne,non rimarrebero che Mertens ed Hamsik,non certo Inglese che guadagna poco.

  6. Mi sembra evidente che Mertens tornerà a fare l’esterno nel 4231 come del resto fa in nazionale, o forse la seconda punta in un 442. Ma con Verdi abbiamo dei giocatori molto interscambiabili ora. Sia l’ex bolognese che il belga possono fare il centrale nei 3 dietro la punta se non la punta di movimento. L’acquisto della punta con il sacrificio di inglese era scontato anche prima di Younes che non è mai stato considerato dal Napoli dopo il caos di gennaio. Staremo a vedere se sarà il grande nome o meno.

    Io però guarderei di più nel reparto arretrato. Albiol e Koulibaly come base vanno bene. ma Maksimovic, Chiriches e Tonelli (che sta per andare via) non convincono appieno. L’acquisto di spessore lo farei lì, anche se David Luiz, del quale si parla spesso, ha dimostrato di essere uno dal liscio facile.

  7. Enzo Esposito 29 giugno 2018, 22:34

    Con tutto il rispetto per il 31enne che gioca a Madrid…ma come mi piacerebbe quello che gioca a Parigi…

  8. Carlo Beccaria 29 giugno 2018, 22:17

    Le notizie su Younes ci dicono che il Napoli pensa primariamente a possibili plusvalenze.
    Con Younes gli è andata male.

  9. Io la vedo così

    Per il ruolo di centravanti dobbiamo assicurarci tre alternative in funzione della situaIone di miilkalmeno fino a gennaio
    Quindi MILIK INGLESE MERTENS
    oppure MILIK BENZEMA MERTENS
    insomma per non ritornare ad avere la coperta corta.
    Quindi sugli esterni rimarrebbero
    Insigne Verdi
    CALLEJON OUNAS ciciretti
    Dopodiche bisognerà capire la valutazione che Carletto farà di OUNAS e ciciretti.

    Si potrebbe immaginare un Napoli con il famoso albero di Natale con Fabian Ruiz ad interpretare il ruolo di Kakà

    HISAY ALBIOL. KK. GHOULAM

    ALLAN. DIAWARA. HAMSIK

    Ruiz. INSigne
    Benzema

  10. C’è l’effetto Ancelotti. Spero che tutti siano convintissimi così lo quotano vicino a 1 e me lo vendo non qualificato tra i primi 4. Poi si alzeranno di sicuro le quote e così ricompro.

Comments are closed.