Che cosa manca al Napoli di Ancelotti

Una sola vera impellenza: lo slot del portiere. Per il resto l’organico è numericamente al completo, il Napoli può approcciare il mercato senza ansie.

Che cosa manca al Napoli di Ancelotti

Una rosa quasi al completo

Prima di tutto, un discorso puramente numerico. Il Napoli 2018/2019, a quindici giorni esatti dal suo raduno in Trentino, ha nove slot su undici occupati da due o più calciatori. Dando per fatto il doppio affare incrociato Fabian Ruiz-Jorginho, e considerando Hamsik ancora arruolato per l’azzurro, il Napoli ha un terzino destro (Hysaj), cinque centrali difensivi “da prima squadra” (Albiol, Koulibaly, Chiriches, Tonelli, Maksimovic), due terzini sinistri (Ghoulam e Mario Rui), sei centrocampisti (Hamsik, Diawara, Allan, Zielinski, Rog e Fabian Ruiz), cinque esterni offensivi e mezzo (Insigne, Callejon, Verdi, Younes, Ounas e mezzo Mertens), due centravanti e mezzo (Milik, Inglese e mezzo Mertens). Ovviamente, il numero 14 belga va “adattato” al nuovo calcio di Ancelotti, per questo siamo incerti sulla sua collocazione. Accanto a questi nomi, c’è la “terza squadra” di cui abbiamo parlato ieri, una sorta di riserva di mercato cui attingere.

Restano solo due slot da coprire: il terzino destro di riserva e quello del portiere. Per dirla in breve: il Napoli ha bisogno di due-tre acquisti per completare il suo organico. Concluse queste due operazioni, potrebbe addirittura iniziare il campionato. A meno di altri colpi in entrata che potremmo definire imprevedibili. Siamo al 23 giugno, lo ripetiamo: a quindici giorni dal raduno. Ovvero, c’è tutto il tempo per risolvere queste piccole grandi grane di mercato, per poi sedersi e aspettare il corso degli eventi. Intendiamo dire che Higuain fu acquistato dalla Juventus ben oltre la metà di luglio, eppure il Napoli riuscì a completare numericamente l’organico. Non vogliamo pensare ad un altro breaking event di quella portata, ma di certo ci sarebbe il tempo per pensare di fare qualcos’altro. In entrata, in uscita o in combinata.

Nomi e idee

Quindi, portiere e terzino destro. Per quanto riguarda le strategie per il post-Reina, pochi giorni fa abbiamo scritto un articolo completo qui. Non è cambiato molto rispetto ad allora, Areola è sembrato avvicinarsi poi allontanarsi di nuovo. È ricomparsa l’ipotesi-Meret affiancato da un tutor italiano, un’idea per noi stuzzicante ma pericolosa. Di certo, il Napoli acquisterà uno se non due estremi difensori. Come dire: al di là del giudizio soggettivo che ognuno potrà dare sull’estremo difensore che arriverà, è impensabile che il Napoli non concluda affari in quel reparto. Anche De Laurentiis, ieri, è parso tranquillo da questo punto di vista.

Idem per quanto riguarda lo slot che è stato di Maggio per tre stagioni, e che ora dovrebbe essere riempito da un altro calciatore. La pista-Lainer sembra essersi un po’ affievolita negli ultimi giorni, non fosse altro che per una mancanza oggettiva di fretta. Il discorso di cui sopra, integrato dalla questione economica: il Napoli ha un organico coperto nei ruoli fondamentali, può scegliere con calma, e differentemente dall’Inter o dalla Roma non ha necessità di chiudere subito molte operazioni. Quindi Lainer è già opzionato o magari è davvero in stand-by, forse anche per capire se e come il Chelsea (di Sarri?) irromperà sul mercato e su Elseid Hysaj. A quel punto si aprirebbe un’altra falla, magari il Napoli sta cercando di capire proprio questo, ma senza ansie. In questo senso, le sostanziose clausole rescissorie inserite nei contratti sono più di una garanzia.

Maksimovic, Hamsik, varie ed eventuali

Il resto sarà in qualche modo legato agli sviluppi del mercato, che ha sempre strade imprevedibili. Nelle ultime ore, abbiamo registrato le voci su una possibile permanenza di Hamsik, una scelta che non ci aspettavamo (e della quale non siamo convintissimi, a lungo termine) e che finisce per rendere completo il centrocampo. Con Fabian Ruiz al posto di Jorginho, il Napoli non ha bisogno di intervenire nel reparto di mezzo. Che già l’anno scorso era il migliore per quantità e qualità delle alternative, ora è già più vicino al calcio di Ancelotti – Fabian Ruiz –> Jorginho è un cambio che fa la differenza, in questo senso. Certo, l’eventuale (ri)cambio di prospettive su Hamsik muterebbe di nuovo lo scenario, riporterebbe il Napoli sul mercato e a quel punto sarebbe intelligente pescare un giocatore sempre eclettico ma anche più vicino all’idea del centromediano (Lobotka? Badelj?).

Stesso discorso per la difesa, con Albiol incerto sul suo futuro e la pedina Maksimovic da piazzare sulla scacchiera, quantomeno per una valutazione in relazione al nuovo sistema di gioco. Anche Callejon potrebbe rientrare in questo tipo di processo: il Napoli ha già integrato il subreparto degli esterni offensivi con Verdi, lo spagnolo è segnalato come un obiettivo del Milan, con il suo addio il Napoli potrebbe pensare a un nuovo innesto più vicino al gioco del nuovo allenatore. Quindi, un calciatore ancora più associativo, più portato al dialogo con i compagni, alla costruzione del gioco. Viene in mente subito Suso, in un’idea di scambio alla pari, ma il mercato è ancora lungo.

Infine, il ruolo di prima punta: difficile pensare a un addio di Milik, da verificare le posizioni di Mertens e Inglese. Anche qui, però, c’è da capire se i grandi attaccanti cambieranno club e muoveranno qualcosa sul mercato. Il Napoli è coperto, può aspettare che si muovano le cose e magari decidere di piazzare il colpo nel finale.

Conclusioni

Il Napoli ha una sola e vera impellenza immediata: il portiere. Deve fare una scelta strategica e tecnica, ha diverse possibilità e una buona liquidità per presentarsi a Dimaro senza nessun tipo di ansie. C’è anche il tempo, per riuscire in questa piccola impresa di mercato. Il resto è un’incognita, ma non dipende solo e direttamente dal club di De Laurentiis. La rosa ha una struttura chiara e definita, è ampia quasi fino al sovrannumero in alcuni reparti. Sfoltimento e integrazione, nel nome delle occasioni, delle possibilità, del mercato degli altri. Senza ansie, che non ce n’è proprio bisogno.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Manuel Fantoni 25 giugno 2018, 23:33

    Secondo me il mercato deve ancora entrare nel vivo anche in uscita. Fino ad ora l’unico acquisto certo è Verdi…Ruiz è molto probabile ma , conoscendo la storia recente del Napoli, fino alla firma non c’è da stare tranquilli… anzi mi è sembrato di leggere di qualche società che insidia il giocatore. Per la porta siamo ancora in alto mare e bisogna ancora capire le questioni albiol Hamsik e calle che potrebbero essere ,oltre giorgino, possibili partenti. C’é poi l’incognita sarri al Chelsea che potrebbe puntare qualche altro nostro giocatore… credo che ci siano ancora parecchie pedine da sistemare x considerare la rosa definitiva

  2. Ancora deve essere presentato il buon Ancelotti, che le vedove sarriste secciano il Napoli. Calma, Carlo non sarà bravo come il comandante rivoluzionario, ma nella sua umile carriera qualcosa ha fatto, qualcosa ha vinto . Aspettiamo almeno 4 o 5 giornate, magari è bravo, è capace.

  3. Angelo Trocchia 25 giugno 2018, 9:53

    I portieri. Il terzino. Se parte Ghoulam anche l’altro terzino (con annesso articolo che ci spiega quanto è forte Mario Rui e perché con lui al posto di Ghoulam faremo grandi cose, “non migliori … diverse” – ultimamente si mettono così le mani avanti per il post-Sarri).
    Se non vendiamo altri io direi che questo basta. Certo, qualcuno aveva detto che, con Ancelotti come manager, DeLa avrebbe fatto una squadra competitiva, bisogna vedere per cosa si andrà a competere (un po’ come parlare di attaccante da 20 goal e prendere Vinicius, che comunque ne ha fatti 19). Comunque, non dovesse arrivare il colpo (io ancora ci spero) compenseremo col gioco fluido, anzi liquido.

    • giancarlo percuoco 25 giugno 2018, 13:05

      effettivamente del tanto paventato mercato internazionale non si è visto manco l’ombra.

    • Raffaele Sannino 25 giugno 2018, 17:06

      Per il sarcasmo aspetterei almeno l’eliminazione dal girone dalla Champions, di uscire ai quarti di coppa italia e perdere lo scudetto in qualche albergo .Logica imporrebbe che questo sarcasmo fosse retroattivo anche per il 2017/2018.A prescindere dal gioco liquido,solido o aeriforme.

    • Francesco Sisto 25 giugno 2018, 21:12

      Beh, aspetterei per lo meno, non dico la fine, ma l’inizio, del mercato prima di lamentarsi…
      Intanto si sono gia presi Verdi e Ruiz (come sembra), non mi pare poco, considerando che partiamo da un secondo posto, e quello che hanno conprato le altre squadre fin’ora.
      Poi vedremo cosa sarà capace di fare Ancelotti con questi giocatori, se saprà passare la fase a girone della CL, e se no, i 16mi di ELi 4ti di finale delka copoa italia, e magari qualificarsi per la prossima CL
      Praticamente migliorare, anche di poco, i gia grandi risultati acquisiti la passata stagione

  4. Comunque è. Fondamentale aggiungere gente fresca e giovane in ogni reparto senza sperare di ripetere i 91 punti con i vari HAMSIK CALLEJON MERTENS come titolari.

  5. Giusto, numericamente è al completo, qualitativamente un po’ meno. Se rimangono sostanzialmente gli stessi, non si sa che cosa possano dare di più o di diverso. Ancelotti ha fatto la sua scelta per rimettersi in gioco, ma se non cambiano i giocatori si potrebbe accorgere di aver avuto solo belle speranze e, forse, di aver sopravvalutato la situazione…..vedremo.

  6. 15 Moussa Wagué

  7. Mario Fabrizio Guerci 24 giugno 2018, 11:31

    L’invito a rilassarsi secondo me,cade a fagiolo.
    Infatti leggo di Meret più CONSIGLI,lo sconosciutoLobotka,raccomandato da Hamsik,inchiodato qui a vita,Callejon che saluta e sinceramente,comincio a grattarmi il capo…! Certo,”cazzatopoli” è nel pieno del suo splendore e come ogni estate,dovremmo armarci di tanta pazienza e scetticismo.Slot portieri,ribadisco la mia perplessità su Consigli.Stesso discorso per l’attacco anzi preoccupazione,tra l’incognita Mertens e il duo Inglese/Milik, che mi desta tante perplessità…!E il dopo Maggio,l’eterno dilemma?
    Keep calm?Sirigu,Vrsaljko e Chiesa. 🙂

  8. Pacojonathan 24 giugno 2018, 9:59

    Film visto e rivisto: dopo i mille nomi sparati a caso, e la presa di coscienza che nessuno vuole avere a che fare con tale presidente, siamo alla fase “ma cosa ci manca, abbiamo una grande rosa, stiamo bene così, NON compriamo nessuno altrimenti roviniamo il clima nello spogliatoio!!!” Da tifoso non so se ridere o piangere. E meno male che Ancelotti era il GRANDISSIMO (io direi grassissimo) allenatore, che avrebbe attirato a sè nomi del calibro di benzema (e a chi più piace sparare sciocchezze, più ne metta). E poi si continua a menzionare maksmovic, hamsik, inglese, Ounas, Younes nella categoria “giocatori importanti”. Ma suddai, napolista, i suddetti vanno bene per lottare a metà classifica (maksmovic, inglese e Ounas nemmeno quella) e, così giusto per la memoria, caro napolista, io ho già previsto che Fabian Ruiz non verrà… oggi si cominciano a sentire i primi scricchiolii… chi vivrà vedrà, compreso qualche comico che scrive su queste pagine… Ah, per rispondere alla domanda “cosa manca al napoli di ancelotti?”, la mia risposta è “SARRI”, o meglio a questo napoli bisognerebbe SOTTRARRE appunto ancelotti…

    • se però fabian ruiz viene tu non scrivi per 3 mesi!

      • Raffaele Sannino 25 giugno 2018, 16:56

        Tre mesi,cioè fino a settembre?Per quel periodo avrà già cambiato identità.

    • Giacomo Molea 25 giugno 2018, 13:12

      tu sei OSSESSIONATO dal cacciare i soldi, una malattia proprio. Ma giochi alle Slot Machine?

    • Francesco Sisto 25 giugno 2018, 21:05

      Beh, partiamo da un secondo posto, mica male..
      Poi, i giocatori bisogna anche farli giocare (da li il nome “giocatori”), sotto questo aspetto il Napoli ha gia fatto 6-7 acquisti, tutti quelli che con Sarri il campo non l’hanno mai visto.
      Poi scopriremo di che livello sono.
      Chi vivrà vedrà…

      • Pacojonathan 2 luglio 2018, 8:49

        Secondo posto dovuto SOLO ED ESCLUSIVAMENTE a Sarri, che per questo adl ha pensato bene di mandare via…

  9. Io direi piuttosto chiediamoci come si può migliorare questo Napoli.

    • Questo napoli ha una rosa da El (al massimo)… si poteva migliorare solo in un modo: un buon portiere, hamsik in panchina, gulam e milik titolare ma soprattutto con Sarri… solo lui poteva portare una rosa del genere a competere con la juve… con ancelotti (lo dirò fino a quando non sarà il napolista a scriverlo) e con questa rosa NON SI VA da nessuna parteeeeeee

  10. Una rosa ” numericamente completa ” non significa qualitativamente completa e funzionale al progetto.
    Sono d’accordo sul fatto che non è il caso di avere ansie poiché, alla fine, Ancelotti avrà a disposizione calciatori adeguati.

  11. Luca Salmieri 24 giugno 2018, 1:38

    Come sempre il napolista fa i conti senza l’oste e senza il padrone dell’ osteria. l mercato ancora deve iniziare. Finito il mondiale il Napoli sarà depredato e saccheggiato : i giocatori con la clausola sono tantissimi. Per la gioia di Aurelio si faranno parecchie crssioni

    • Giacomo Molea 25 giugno 2018, 4:52

      Solo che ad ora solo 2 giocatori han chiesto di andar via e sappiamo chi e le clausole nn arrivano al 18 agosto ma ai primi di luglio

    • depredato!!

    • Assieme agli anti-papponisti ormai bisogna considerare l’esercito sempre più numeroso di anti-napolisti… La guerra “casaxcasa” su ogni articolo contro la testata rea di sostenere che l’operato di ADL sta nel tempo consolidando la SSC Napoli e la squadra: 1) ai primi posti (il secondo?) in Italia e 2) tra i primi in Europa (20?)…naturalmente ricordando che prima di Dela (1991- 2005) il Napoli viveva di trionfi mai raggiunti dal nostro odiato Presidente! Infatti, gli anti-papponisti sanno perfettamente che se ci fosse qualsiasi altra dirigenza al posto di ADL quest’anno certamente gli azzurri potrebbero ingaggiare CR7, che lascia il Real!! In concreto: il Napoli continuerà nella sua politica di rafforzamento “valorizzare giovani o inespressi calciatori/rivendere con plusvalenza, aumentando fatturato e capitale societario”. PUNTO. Con o senza Ancelotti, Sarri, Benitez, Donadoni, Mazzarri che sia. Che vanno e andranno via. Perché la Società HA un progetto: diventare sempre più grande. E LO STA FACENDO. Il NAPOLISTA semplicemente lo rileva, lo sottolinea e: 1) CI INFORMA 2) COMMENTA, DISCUTE, ANALIZZA OBIETTIVAMENTE partendo esattamente da questa chiara REALTÀ. LA SSC NAPOLI È QUESTA piaccia o non piaccia.

  12. Il mercato in entrata visto finora è nel segno della continuità rispetto all’ultimo triennio: buoni giocatori non ancora definitivamente affermati in una squadra di alto livello (Fabian Ruiz e Verdi). Dunque nulla che possa essere considerato un salto di qualità rispetto alla stagione passata. Via Reina (discutibile tra i pali ma funzionale al progetto tattico), arriverà un portiere più forte tra i pali… Scusate: ma c’era bisogno di Carlo il Vincitore in panca per fare questo mercato? Cioè dove sarebbe finora il plusvalore di Carlo l’Internazionale in termini di attrattività della squadra? Cioè non era quello che “Carlo chiama, la gente viene “?

    • Giacomo Molea 25 giugno 2018, 4:54

      Palle dei giornalisti. Vidal benzema e boateng vengono x 10m netti 19lordi pure con bigon in panchina. Ma sono solo invenzioni. Aurelio nn voleva piu sarri che nn ha fatto giocare altri

      • Sono d’accordo con te. Il punto, a mio avviso, è che così stando le cose non ci dobbiamo aspettare risultati nettamente migliori (poi sì, c’è pure chi scrive che con Sarri abbiamo perso lo scudetto… senza rendersi conto che aver sfiorato lo scudetto lo scorso anno resta comunque una grande cosa…)

    • giancarlo percuoco 25 giugno 2018, 6:55

      gli effetti di Ancelotti sulla gente nel tempo mano mano sono sfumati.

  13. Raffaele Sannino 23 giugno 2018, 19:36

    La cosa importante è formare una rosa di 25 calciatori di buon livello.Non ci devono essere scuse per il mancato utilizzo di mezzo organico.Alcuni calciatori ,a fine stagione, supereranno i 4000 minuti , è fisiologico.Non undici,come nella passata.Tutti devono contribuire e nessun impegno deve essere snobbato.Bisogna arrivare sulla spiaggia senza affogare in alto mare.

Comments are closed.