Per La Stampa, ora anche la Juventus ha firmato il “patto-scudetto”

Dopo la sconfitta col Real Madrid, a Vinovo sarebbe stato sottoscritto un patto scudetto (più Coppa Italia). A Napoli ne sappiamo qualcosa, ma è la normalità dello sport.

Per La Stampa, ora anche la Juventus ha firmato il “patto-scudetto”

Dopo il Real Madrid

Non ce ne vogliano gli amici de La Stampa, loro sono dei novizi e quindi non è che possiamo prendercela più di tanto. Solo che qui, a Napoli, abbiamo sviluppato un sentimento di noia rispetto all’espressione idiomatica “patto-scudetto”. Anche oggi ne ha scritto la Gazzetta, in un pezzo sul futuro di Sarri. Ne abbiamo parlato qui. Bene, ora anche la Juventus si è iscritta a questo partito di “coloro che fanno i patti”.

Leggiamo La Stampa: «”Ora trasformiamo la rabbia e la delusione in energia positiva: meritiamo di vincere scudetto e Coppa Italia”. Questo è il patto dello spogliatoio bianconero che viene siglato in una Vinovo blindata, dopo una notte insonne trascorsa in volo da Madrid a sfogare lacrime e collera. La Juve si lecca le ferite, con la voglia di scaricare subito la propria furia in campo. Tenendo nel cuore e nella mente una prova (e un risultato) che fa da spartiacque per il presente e soprattutto il futuro».

Ecco, la differenza sostanziale rispetto al “patto” del Napoli sta nell’atteggiamento di fondo, o meglio di riferimento. Per la squadra azzurra è l’unione emotiva rispetto al progetto tattico; a Torino, invece, è una questione di rabbia e furia e cattiveria agonistica. Ognuno sceglie su cosa fondare e siglare il proprio patto.

La retorica

Ovviamente, almeno secondo noi, è tutta una questione di retorica. Perché anche il Milan, l’Inter, la Roma e il Cagliari hanno un patto. Che è quello di essere professionali, allenarsi al massimo e (provare a) giocare bene, in modo da vincere le partite. Seguire un obiettivo comune è il patto alla base di ogni rapporto lavorativo, di ogni sport di squadra, di tutte le cose condivise della vita.

Come dire: non è che la sconfitta di Madrid abbia portato la Juventus a stipulare questo patto. Questo patto c’era già prima, altrimenti non sarebbero in testa e non avrebbero raggiunto la finale di Coppa Italia. Per dirla ancora meglio: non c’è stato nessun patto neanche prima, alla Juventus e in tutte le altre squadre del mondo si lavora per vincere. Non è che prima non si siano impegnati e ora si impegneranno di più.

Sì, forse parlare di “patto” per il Napoli è diverso, la squadra di Sarri pare abbia messo da parte le possibilità offerte dal calciomercato per inseguire l’obiettivo-scudetto con la stessa ossatura. Ma può anche bastare, sette/otto mesi dopo. È la vita, lo sport, il calcio. Anche perché Reina dovrebbe andare via, a prescindere da Sarri, tanto per dire. Dovesse finire in questo modo, il portiere non avrebbe violato nessun patto. Avrebbe fatto semplicemente una scelta professionale. Senza retoriche.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ma non era il patto triplete? ora è diventato patto duplete, poi perdono e diventa patto coppa italia. Sono infantili, certa stampa. Sotto con la Lazio, patto Champions..sotto Verona e Crotone patto Serie “A”. La Juventus non ha bisogno di fare patti……..

  2. è il patto della sensibilità.
    tutti i sensibili d’Italia sono chiamati a far trionfare gli unici che meritano.
    ce la faranno.

    • Salgo Palazzi 13 aprile 2018, 20:34

      Tutti quelli che non hanno un bidone dell’immondizia al posto del cuore vengano con noi verso la gloria, gli altri in tribuna con moglie e figli

Comments are closed.