Sarri: «Forse meglio in undici e sotto di un gol, ma abbiamo reagito male»

Una considerazione interessante di Sarri: «Abbiamo reagito male alle avversità, in tutta la stagione era quasi sempre andata diversamente».

Sarri: «Forse meglio in undici e sotto di un gol, ma abbiamo reagito male»
Maurizio Sarri (Photo Matteo Ciambelli)

Un passo dell’intervista a Sky

Una delle considerazioni più interessanti dell’intervista rilasciata a Sky da Maurizio Sarri nel postpartita di Fiorentina-Napoli riguarda il giudizio sull’episodio che ha cambiato la partita all’ottavo minuto. Dallo studio, gli è stato chiesto se avesse preferito restare in undici con assegnazione del rigore. La risposta del tecnico del Napoli: «Teoricamente sì. Penso che rimanere in undici sull’1-0 poteva essere molto meglio. Non avremmo perso le nostre certezze tattiche. Però poi c’è anche da dire che abbiamo reagito male alle difficoltà e quindi sarebbe potuta andare così allo stesso modo. Abbiamo reagito male alle avversità dopo un’intera stagione in cui eravamo riusciti a rimontare praticamente tutte le partite. Questo, oggi, non è successo».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Una volta in Tv Insigne disse una frase sacrosanta: “Finché la matematica non ci condanna noi lottiamo per lo scudetto”. Di qui bisogna ripartire. A 3 giornate dalla fine crederci è ancora più difficile di sue sabati fa, ma quello che è successo a San Siro e al Franchi ci dice che tutto è in bilico ancora e tutto può succedere: che insomma il campionato può non essere chiuso. Se il Napoli fa 9 punti e tre vittorie e la Juve perde con la Roma e vince uno e pareggia un altro match fa 4 punti… Non è un ragionamento campato per aria, perché la Roma è la squadra più in forma e meno stanca in questo momento e la Juve è l’ombra di se stessa e la Roma potrebbe fornire una prova di orgoglio, sia che sia dentro o che sia fuori dalla finale Champions. Circa un pareggio della Juve in una delle 3 partite non ci rimane che… incrociare le dita. Ma il Napoli deve cacciar via il vittimismo. Ieri ha dopo tanti acuti ha fornito la classica stecca, e le è successo periodicamente in tutto quest’anno. L’importante è buttarsi dietro le spalle questa prova negativa, e giocare comunque al massimo e senza tremare queste ultime tre partite. Errato piangersi addosso.

Comments are closed.