VIDEO/Sarri: «Sono molto deluso da questa serata, la mentalità deve essere diversa»

Maurizio Sarri intervistato da Sky al termine di Napoli-Lipsia: «Stasera avevamo la maglia del Napoli e la maglia del Napoli va onorata».

VIDEO/Sarri: «Sono molto deluso da questa serata, la mentalità deve essere diversa»
Sarri (Ciambelli)

L’intervista a Sky

Maurizio Sarri intervistato da Sky al termine di Napoli-Lipsia: «Non si può prendere gol al 93esimo minuto, con due difensori centrali nell’area avversaria. Abbiamo fatto una partita deludente, è mancato l’entusiasmo di chi gioca poco, sono mancate le certezze di chi è entrato. Non si può fare niente di quanto visto stasera. Sono molto deluso».

«Non ci sono giustificazioni, la mentalità deve essere quella giusta. Questa sera ho visto una squadra che giocava per lavoro, senza fame e determinazione. È un brutto segnale. Dovevamo pensare al campionato da domani, stasera avevamo la maglia del Napoli e la maglia del Napoli va onorato».

Cosa si rimprovera Sarri e come ripartirà il Napoli: «La sensazione dello sfilacciamento era palese. E abbiamo scelto l’avversario sbagliato per una partita del genere. A livello di maturità siamo indietro, non riusciamo a fare due competizioni con lo stesso spirito. Quando non ci siamo completamente con la testa, diventiamo una squadra normale. Spero che questa brutta sconfitta non abbia ripercussioni sul piano morale».

Il Napoli che seleziona l’impegno in base al nome dell’avversario: «Non si può pensare di sottovalutare l’impegno contro la seconda in classifica di Bundesliga. Contro il City abbiamo fatto bene, però sono state due partite che abbiamo pagato. Questo mi riporta a pensare che, da questo punto di vista, non siamo ancora una grande squadra. Si tratta di un limite, dobbiamo evitare di entrare in campo scarichi».

Le parole di Sarri in conferenza: «Se avessi detto che l’obiettivo primario non è il campionato, avrei preso in giro i miei ragazzi. Però si deve andare in Europa per fare bene, sempre. Dobbiamo fare dei passi in avanti enormi da questo punto di vista».

 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Mascalzone latino 16 febbraio 2018, 13:04

    Ora tutti contro Sarri, cosa vi aspettavate ieri di vincere facile con la seconda in bundesliga con i panchinari che ci troviamo? Che coraggio

  2. IL SALTO DI QUALITÁ lo deve fare la societá , una panchina con magari un Palacio, un Pandev, un Quagliarella, un Maxi Lopez di punta, un terzino valido… un esterno esperto, gente che é pronta e non rompe le scatole per giocare sempre, gente non acerba alla Ounas alla Diawara che magari sará anche vero che giocano poco e devono crescere ma crescere si fa alla spal al bologna al chievo… dai.. ounas rog e diawara devono andare a giocare (rog non ha talento gli altri due possono anche crescere ma non a napoli) PUNTO

    • Mario Fabrizio Guerci 16 febbraio 2018, 11:05

      Pandev e compagni? E quando giocherebbero…?Il problema è la gestione della rosa. Si vede che sono pieni di ruggine goal diOunas a parte!
      Non abbiamo mai avuto una panchina di questa qualità,caso mai è incompleta.

  3. ha detto quello che doveva dire, ieri era una sgambata infrasettimanale. Le sostituzioni erano basate su questa logica, i ragazzi hanno trotterellato, ritengo superfluo analizzare una gara di cui non importava praticamente a nessuno.
    non dico sia giusto, ma è un fatto acclarato e fare processi oggi mi sembra puerile.

  4. Un allenatore che dichiara che una partita di EL non gli interessa merita l’esonero immediato. E’ uno sciocco provincialotto ossessionato dalla Juventus. Può solo fare danni alla Pergolettese o al Tubettificio ambrosiano

    • Ma sono sicuro faranno un partitone contro la temibile SPAL….meglio arrivarci riposati, non si sa mai.

  5. Alfonso De Vito 16 febbraio 2018, 3:01

    Penso che la situazione della rosa l’abbia messo in una situazione un pò obbligata. Però anche se stravedo per lui penso che abbia commesso degli errori nella gestione di quest’appuntamento. In tal senso non mi sono piaciute le dichiarazioni post-partita perchè doveva includersi nell’autocritica sul discorso della mentalità e dell’approccio sbagliato. Ha infatti contribuito a fornire alibi alla squadra “prima” della partita con dichiarazioni che fondamentalmente si allineavano a un generale disarmo ambientale verso questo impegno. Non puoi dire “accettiamo lo stress fisico ma cerchiamo di non consumare troppe energie mentali fino a 3-4 ore dal match” e cose del genere.. come sorprendersi dopo di un approccio mentale inadeguato se tu stesso hai invitato la squadra a pensare al lipsia tre ore prima!? Poi d’accordo il turn over larghissimo e obbligato ma pure la gestione dei cambi è stata esclusivamente dettata dalla gestione del minutaggio dei titolari e non anche dalle esigenze della partita. Come se fosse un amichevole. Altrimenti insieme ad Allan sarebbe probabilmente entrato Jorginho per Diawara che già nel primo tempo è stato tra i peggiori e per Mario Rui sarebbe sicuramente uscito Maggio e non Hisaj. Tutti indizi che fanno percepire come lui per primo abbia esagerato nello scaricare la partita. Pur con tutte le ragioni che sappiamo. E allora poi non puoi dire che solo i giocatori non hanno avuto la giusta mentalità perchè sei tu che devi allenarla e soprattutto sembra un pò una paraculata che scarica solo su di loro la figura di merda. Una cosa non da lui. Mi è sembrato in difficoltà pure nelle interviste

  6. Mi é piaciuto il cazziatone pubblico, peró mister puó essere che questi non giocano cosi bene perché non giocano mai?

  7. Una farsa, sono 3 anni che sarri se ne frega delle coppe. Pensiamo a vincere sto campionato va…

  8. Non ho capito la sostituzione di OUNAS…….DIAWARA da tre meno meno……..anche ROG deludente assai.

    • Le sostituzioni le aveva decise già una settimana fa…tanto è vero che anche io, che non sono un mago, le avevo indovinate facilmente, fino quasi al minuto (da un post di 4-5 giorni fa:”ti dico la mia per giovedì: Sepe; Maggio, Tonelli, KK, Hisay (M.Rui dal 70′); Rog, Diawarà, Hamsik (Insigne dal 55′ con il polacchino che si sposta a centrocampo); Ounas (Allan dal 65′ con Rog che si sposta sulla fascia), Callejon, Zielinsky.
      Poi titolarissimi con la SPAL, poi in EL la stessa formazione di giovedì con la differenza che nelle sostituzioni rientrerà Mertens/Callejon anzichè hisay/mariorui…poi di nuovo titolarissimi”)

  9. La beffa. Se stava zitto era meglio.

Comments are closed.