Marelli, ex arbitro: «Nessuna certezza sul gol di Mertens, quindi si conferma la decisione in campo»

Moviola argomentata di Luca Marelli: «Quando non ci sono sicurezze oggettive, come anche nel caso del gol di Hamsik, bisogna fidarsi delle decisioni degli assistenti. Solo una ricostruzione 3D può aiutare il Var in queste ricostruzioni».

Marelli, ex arbitro: «Nessuna certezza sul gol di Mertens, quindi si conferma la decisione in campo»

Dal blog lucamarelli.it

Già in altre occasioni, per esempio dopo Crotone, abbiamo riportato le “moviole argomentate” dell’ex arbitro Marelli, vero e proprio divulgatore social del regolamento calcistico e della condizione dei direttori di gara. Anche oggi, dopo le polemiche per il gol di Mertens in Atalanta-Napoli, Marelli ha pubblicato sul suo blog la ricostruzione degli episodi più controversi. Come al solito, spiega anche il rapporto tra gli arbitri in campo e il protocollo Var.

Per quanto riguarda i due casi più spinosi, ovvero le reti di Mertens e Hamsik, l’ex fischietto dà un parere non definito eppure definitivo. Leggiamo:

«In questo caso torniamo (il frame è in apertura) al solito, vecchio adagio: mancando un’elaborazione tridimensionale, è impossibile essere certi della posizione di partenza di Mertens. Personalmente, non avendo i poteri di taluni e le certezze di tal altri, mi limito a ricordare il concetto centrale alla base della decisione assunta in questa circostanza: in mancanza di immagini che eliminino qualsiasi dubbio sulla posizione di fuorigioco o meno, la decisione del campo non deve essere modificata.

In questo caso possiamo ipotizzare sulla regolarità o meno della posizione: chi VUOLE vedere il fuorigioco, vedrà il fuorigioco; chi NON VUOLE vedere il fuorigioco, non vedrà il fuorigioco. Da parte mia, considerando velocità, momento del tocco di Callejon, posizione di partenza, prospettiva, posizione della telecamera, non riesco ad avere alcuna certezza in merito. Detto ciò, mi affido alla valutazione di Tegoni. La cui decisione è stata (giustamente) avallata perché anche davanti ai monitor non può esistere certezza sulla posizione di Mertens».

Hamsik

Marelli ripete lo stesso discorso anche per la rete di Hamsik, e per quella di Insigne contro il Milan:

«Fuorigioco? Posizione regolare? Siamo nella stessa, identica situazione precedente, con una differenza: in questo caso la telecamera è (quasi) perfettamente allineata, naturalmente solo per caso dato che si tratta di angolo di ripresa fissa. Nonostante ciò, l’assoluta certezza che Hamsik sia in posizione regolare non riesco ad averla: la spalla è oltre la linea dello scarpino del difensore in basso? Oppure è leggermente avanti?

Non ne ho idea ed è per questo che, anche in campo, è corretto avallare la scelta assunta da Tegoni che, a differenza dell’episodio precedente, ha alzato la bandierina (dopo la segnatura della rete) per segnalare la posizione di fuorigioco.

Per quanto mi riguarda potete discuterne quanto volete. Da parte mia non ho alcuna sicurezza, esattamente come non ne avevo per Napoli-Milan, quando venne assegnata la rete di Insigne: in quella occasione NON HO MAI affermato che la rete fosse irregolare o meno ma che, in mancanza di certezze visive, avrebbe dovuto essere avallata la scelta dell’assistente Costanzo (qui l’approfondimento). Anche allora affermai quanto sostengo oggi: le certezze non mi appartengono, soprattutto per fattispecie così complesse e con la mancanza di qualche elemento tecnologico. Solo la tridimensionalità potrà aiutare in modo definitivo (naturale una tridimensionalità certificata, non qualche tentativo casereccio): ci arriveremo ma dovremo pazientare ancora qualche tempo. Si spera qualche mese ma non escludo che sarà necessario almeno un annetto».

Dal blog lucamarelli.it

La polemica può anche chiudersi qui. Per tutti gli altri episodi della giornata, l’articolo completo di Luca Marelli è linkato qui.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ah ah ah! Bello questo articolo.

Comments are closed.