Studio Uefa: il Napoli è la squadra europea con il minor numero di infortuni

L’ennesima certificazione della scientificità del progetto-Napoli: la media europea di lesioni per mille ore di attività è di 4,2. Per gli azzurri è di 0,6.

Studio Uefa: il Napoli è la squadra europea con il minor numero di infortuni

L’indagine

Primo posto su 19 club partecipanti alla Champions League. Il Napoli conferma una volta di più la scientificità del suo progetto tecnico, un parametro che va al di là della costruzione dell’organico. Secondo i dati dell’UEFA Elite Club Injury Study, il club partenopeo è il migliore di questo gruppo (quindi dell’élite continentale) per incidenza e numero di infortuni. L’analisi è stata condotta dal professor Jan Ekstrand dell’Università svedese di Linkoping per la confederazione internazionale. Il monitoraggio dei dati è avvenuto tra luglio e settembre 2017, e ha coinvolto club come Atletico Madrid, Barcellona, Chelsea, Monaco, Psg, Juventus, Manchester City e Manchester United.

I risultati del Napoli non temono confronti, anche se per questioni puramente temporali non tengono conto dell’incidente capitato a Ghoulam. Due soli infortuni prima di quello dell’algerino: la rottura del legamento crociato di Milik e lo stop per Chiriches, una semplice botta di gioco. Per il resto, tutto immacolato. Come si evince anche dai dati correlati allo studio: la media europea per lesioni ogni mille ore di attività (tra preparazione e partita) è pari a 4,2. Il Napoli non supera quota 0,6. Un altro dato eloquente: ogni calciatore ha rinunciato a circa 1,7 sessioni di allenamento per stop vari, per la squadra di Sarri questo valore è di 0,1.

Una (ulteriore) medaglia da appuntare al petto del Napoli inteso come progetto calcistico. Il lavoro dello staff medico e di quello tecnico ha portato a risultati d’eccellenza rispetto a tutto il calcio continentale. Al di là delle sensazioni – palpabili – sulla stanchezza e degli infortuni traumatici, questa squadra è perfettamente sana. È ben allenata dal punto di vista fisico, e gestita perfettamente dal punto di vista sanitario.

 

Napolista ilnapolista © riproduzione riservata