Bloccati i lavori al San Paolo: ora anche le Universiadi sono in pericolo

Problemi di liquidità in relazione al mutuo con il Credito Sportivo: la Corte dei Conti blocca alcuni dei cantieri attivi allo stadio San Paolo.

Bloccati i lavori al San Paolo: ora anche le Universiadi sono in pericolo

L’articolo de Il Mattino

Nuovo stop ai lavori dello stadio San Paolo. Alcuni cantieri, che dovrebbero ultimare le ristrutturazioni a giugno 2019, in tempo per le Universiadi, sono stati bloccati per via Sezione regionale della Corte dei Conti. Che, per dirla semplicemente, ha bloccato l’investimento di Palazzo San Giacomo per il restyilng dell’impianto di Fuorigrotta.

La motivazione la spiega Il Mattino: «Essendo sub judice il piano di riequilibrio e del rientro dal debito non si possono fare
spese. Così – come ha affermato l’assessore al Bilancio Enrico Panini nella sede istituzionale della commissione Bilancio – non si può tenere fede al mutuo da 20 milioni contratto con il Credito sportivo».

In questo modo, ovviamente, anche le Universiadi sono a rischio. Manca l’impianto principale, quindi possibile addio a una manifestazione importantissima. In realtà alcuni cantieri sono ancora aperti, ad esempio quelli degli impianti elettrici, della videosorveglianza e dell’impianto anti-incendio. Solo che quelli attivi sono scorporati dal mutuo contratto con il Credito Sportivo. Non si sa se quelli “successivi”, i primi dei quali riferiti ai bagni, potranno partire. Sarebbe necessario: tra un anno e dieci mesi, agosto 2019, il San Paolo dovrebbe ospitare la cerimonia d’apertura delle Universiadi. Il condizionale è d’obbligo, per come stanno le cose. Ovviamente, seguiremo ancora la vicenda. Nel caso, come spiegato qui tre settimane fa, ci sarebbero già gli americani di Epic pronti a subentrare.

 

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Adl mi sta a volte antipatico per le sue uscite ma ci sta prendendo su tutto il fronte da tavecchio a ventura a giggino etc e pensare che c era chi sosteneva il comune

  2. Lol “o stadje c’o facimme nuje!”

  3. Poi non è vero che la città è morta…. Attendo commenti che giustifichino quest’ennesimo fallimento dell’imbonitore di via Belvedere

Comments are closed.