Football Analytics – Il Napoli vince con merito, ma Sarri consideri il limite dei singoli (Tonelli e Jorginho)

Gli expected goals dicono che il risultato col Milan rispecchia l’andamento statistico. Attenzione, però, ad alcuni calciatori in situazioni particolari.

Football Analytics – Il Napoli vince con merito, ma Sarri consideri il limite dei singoli (Tonelli e Jorginho)

Il possesso

Il Napoli batte il Milan e le notizie sono molteplici. La prima, al di fuori delle Football Analytics, è che vincere a San Siro è un qualcosa di ordinario. La meraviglia di fare risultato in casa del diavolo è svanita da ormai 4 anni. Fu Benitez a dettare la via, è Sarri a lastricarla di consapevolezza. La seconda notizia consta nell’inconsueto dei dati descrittivi della gara; il Milan ha il 58% di possesso palla (27 minuti circa), soprattutto nella metà campo avversaria (12’). Gli azzurri, invece, spendono 14’ dei loro 20’ minuti nel proprio fortino.

Nel secondo tempo, come evidenziato in figura, le pedine partenopee, Mertens escluso, risultano dietro la linea di centrocampo; il triplice cambio sulla mediana consente al Napoli di avanzare leggermente, laddove si erano stanziati Allan Jorginho e Hamsik nel primo tempo. Difatti, solo Callejon era più avanzato nella prima frazione di gara, fornendo un maggior contenimento nella ripresa. Anche il numero di passaggi del Milan è maggiore, così come più avanzato il suo baricentro.

16176911_1470162146328173_1507894675_n

Sarri ha dichiarato nel postpartita che la scelta di un atteggiamento apparentemente insolito, con più transizioni offensive (ma senza una sistematica idea di difesa e contropiede) è stata una scelta iniziale. Siccome i difensori esterni del Milan stanno molto alti – si vedi in figura – se il Napoli avesse preso le loro sovrapposizioni con ogni uomo si sarebbe giocato con 6 uomini in difesa. Forse con 6 difensori a partita, come accadeva nei 3-5-2 di Reja e Mazzarri, si subirebbero meno gol, ma non si sarebbe mai sviluppata l’idea di gioco vincente nell’estetica e nei risultati del Napoli di Sarri.

Ad ogni modo, i limiti dei singoli dovrebbero essere considerati. Pensiamo a Tonelli e Jorginho nelle situazioni di pressing – come sta notando Guardiola fuori Barcellona. Insistendo sui singoli, però, aggiungiamo un’altra notizia: il Napoli vince senza Higuain, anche a San Siro. Un anno fa, sarebbe stato impensabile un simile andamento con Callejon, Mertens, Insigne.

La scienza del gol

16216311_1470162136328174_1929929528_n

Mappe di calore dei terzini di Milan (sinistra) e Napoli (destra); in alto Calabria e Hysaj e in basso Abate e Strinic. Si nota la spinta maggiore degli esterni milanisti, soprattutto Abate.

Il Napoli si è giocato la partita sapendo di rischiare, ma di poter sorprendere l’avversario. Le occasioni di Mertens sono un esempio appropriato. In termini di gol attesi bisogna apprezzare la capacità della squadra di arrivare alla conclusione in zone vincenti (qui un approfondimento tattico).

La bubble chart mostra i buoni valori xg dei due tentativi del belga, ove la conclusione del primo tempo costituisce quella con la maggior probabilità di successo della gara. Nel girone d’andata, infatti, sottolineammo che l’handicap offensivo del Napoli, nel suo periodo sterile, era legato al fatto di tirare statisticamente male. Mertens è man of the match statistico di Milan – Napoli, con 2 assist e 4 key passes (passaggi che portano un compagno alla conclusione).

Napoli

Mappa di tiro e diagramma a bolle di Mertens. I due tentativi sono big chance in open play con buoni expected goals.

La partita

Dal punto di vista degli expected goals, che ricordiamo essere indicatori di qualità di tiro, la notizia si alimenta sul tirare meno degli avversari, che da un’altra prospettiva vuol dire avere un tasso di conversione migliore. Sul deficit difensivo azzurro e sull’importanza del capitalizzare avevamo argomentato in questo articolo. Il Napoli tira 9 volte, il Milan 13. In area di rigore, 6 volte entrambe.

È Gomez il rossonero più pericoloso, con un colpo di testa su azione da angolo che termina fuori lo specchio. Così altri 6 volte (una traversa), poi 3 bloccati. Solo 4 tentativi, dunque, giungono in porta, tra questi il gol di Kucka. Il Napoli tira 5 volte verso la rete, per una conversione del 40%, contro il 25% del Milan. In totale, si passa a 0,22 rispetto 0,08. Per caratteristiche poi è interessante sottolineare che 5 tiri del Milan nascono su calci da fermo (1 nel Napoli) e 4 sono colpi di testa (0 nel Napoli).

Fatte le dovute analisi, giungiamo all’interrogativo proprio di Football Analytics: il Napoli ha raccolto quanto meritato? Sì, gli azzurri vincono con merito. Gli expected goals di gara sono 1 a 1,7, dunque, considerando le dispersioni di stima, il punteggio alternativo coincidendo con quello reale. Altri 3 punti giusti per il Napoli, così come quelli della Juventus contro la Lazio (1,8 a 0,3 xg).

La distanza dalla vetta è ancora tanta, in ragione del rendimento bianconero. Gli odds di vittoria dello scudetto vedono ancora sfavoriti gli azzurri. Five Thirty Eight dà al Napoli un 14% di possibilità, alla Roma il 21% , con una proiezione di 79 a 80 punti finali. Alla Juve è assegnato il 62% con una proiezione di 87 punti.

16215976_1470162149661506_907680037_n

Mappe di tiro di Milan (arancio) – Napoli (azzurro). I rossoneri tirano di più, ma senza qualità statistica.

Infine, è doveroso fare una menzione all’arbitro Rocchi, che nega un 75% di possibilità di segnare un’altra rete al Napoli. Manca un rigore, come con Pescara, Genoa e Samp; se fossero stati giustamente assegnati vi sarebbe un maggior equilibrio tra il punteggio nella classifica reale (44) e nella nostra classifica virtuale (almeno 50).

Note: la fonti dei dati grezzi sono Who Scored e Serie A Tim, le statistiche sono elaborazioni de Il Napolista
ilnapolista © riproduzione riservata
  1. mi chiedo da sempre….perché trasformare il gioco del calcio in analisi matematiche?

  2. L’inerzia è andata a favore del Milan nel momento del loro gol.
    Poi fisicamente ci manca qualcosa e, se nell’impostare Tonelli lascia desiderare, quando c’è da lottare gente come lui serve eccome perché a quel punto non c’era più nulla da impostare

  3. La chiave di questa stagione è guardare solo a noi stessi. L’ha detto oggi il capitano Hamsik e dovrebbe essere legge per tutti.

  4. Cerchiamo di rimanere in scia della Roma.
    Roma ha trova solidita difensiva e ha un girone molto più facile dsl nostro avendo Juve e napoli in casa e una partita in meno in trasferta.

    Se il Napolo dovesse perdere all’olimpico e poi battere la Juve al San Paolo la Roma diventa la favorita per lo scudetto

    • sempre meglio lo scudetto di cartone alla rubentus….io nn ho dubbi, i riommici hanna schiatta’

      • Devo essere sincero?
        Se la Juve avanza in UCL e la Roma non cala fisicamente li vedo i favoriti per il titolo.

  5. Sai Fabio non capisco quando parli di limiti di singoli.
    Se per GIORGINHO posso essere d accordo mi sembra che TONELLI sopratutto nel finale quando ha messo in campo forza e determinazione sia stato un pilastro della difesa del Napoli.
    Per il resto penso che Sarri abbia aspettato troppo per cambiare i tre centrocampisti titolari.
    Una volta entrati DIAWARA, ZELISNKI e ROG la squadra ha conquistato metri e compattezza.

    • In verità Jorginho ha fatto una prima mezz ora buona per poi calare dopo l’errore (dove solo una parte é sua, le colpe vanno principalmente a Tonelli)

      • JORGINHO ha perso tanti palloni in mezzo al campo troppo disinvoltlamte, ieri sera la sua prestazione è stata deludente a parte il lancio per MERTENS sul secondo gol

        • Enrico Marrucci 22 Gennaio 2017, 23:43

          Davvero ne ha persi tanti? Guardando la partita a freddo in realtà non ne ha persi più di Hamsik, per dire (che è stato anche relativamente poco incisivo offensivamente), e ne ha recuperati un certo numero. Chi ne ha persi tanti è stato Tonelli, almeno 5, in zone davvero pericolosissime. Quando è entrato Diawara ci siamo riequilibrati, ma è anche il Milan complessivamente ad essere assai calato…

          • Però Jorginho dà sempre la sensazione di leggerezza, se non fragilità fisica. Il che per un mediano non è il migliore biglietto da visita… Sono convinto che la maggior parte dei suoi orrori derivino dall’ansia di liberarsi del pallone quando viene pressato

    • Non sottovalutiamo che:
      – Tonelli viene da un lunghissimo stop;
      – Tonelli, attualmente, è il 4° difensore della rosa, visto che Sarri gli ha preferito in precedenza Chiriches.

      • TONELLI nel finale si è battuto come un leone.
        Ha caratteristiche di grinta e cattiveria che tutti gli altri difensori non hanno..
        Eppoi in area di rigore svetta sempre sui palloni alti…….per me molto bene nonostante qualche disimpegno sbagiato.

        • Enrico Marrucci 22 Gennaio 2017, 23:41

          Molto bene difensivamente, ad esempio ha recuperato benissimo Bacca a fine primo tempo su un retropassaggio sbagliato di Insigne. E’ stato poi ammonito, ma ingiustamente, perché il fallo non c’era. In situazioni analoghe sia Maksimovic (col Benfica) che Chiriches (col Besiktas) erano stati lentissimi a reagire e a inseguire. Ha preso una marea di cross e ha sbrogliato delle situazioni potenzialmente pericolose. Però ha anche regalato almeno 3 palloni sanguinosissimi al Milan, uno è costato il gol e l’inversione dell’inerzia della gara, e un altro è stato salvato da Albiol. Il Napoli temo non possa permettersi un difensore che sul pressing avversario compie scempi simili. Anche se poi Chiriches sbaglia l’anticipo sul sampdoriano e lo manda in porta, Albiol alza la gambetta su un tiro innocuo e beffa Rafael, Koulibaly regala il vantaggio alla Roma, Hysaj diventato normale quest’anno regala il raddoppio, Ghoulam… lasciamo perdere, insomma ognuno ha i suoi bei difettucci. Però qui sembra sistematico (anche con la Samp aveva sbagliato almeno due volte una facile uscita), e francamente o ci segna un gol a partita oppure direi che andrebbe utilizzato davvero in condizioni di assoluta emergenza…

          • Ripeto che se provassimo a disegnare una gerarchia dei difensori del Napoli, oggi Tonelli sarebbe il 4° difensore. Dal 4° difensore della rosa non possiamo pretendere il rendimento dei titolari. Bisogna chiedere un altro tipo di giocata a Tonelli, cioé passaggi orizzontali e più semplici.

      • Diego della Vega 22 Gennaio 2017, 22:42

        E quarto tornerà ad essere.

    • Il limite di Tonelli è tecnico. In fase difensiva pura è anche discreto ma in appoggio mediocre (volendo essere buoni). Al di là del gol tanti passaggi semplici sbagliati. Il Napoli di Sarri gioca la palla a partire dai difensori e purtroppo Tonelli è poco adatto. Sta giocando perché mancano KK e Chiriches, e perché Maksimovic non è pronto tatticamente.

Comments are closed.