Folla a Napoli: Milik è a Capodichino e si attende il sì di cinque centrocampisti

Folla a Napoli: Milik è a Capodichino e si attende il sì di cinque centrocampisti

Verrebbe da dire: beato chi ci crede. Quella di oggi – se non fosse che siamo Il Napolista e che quindi non possiamo perché non vogliamo prendere per vero tutto ciò che si dice in riferimento al calciomercato – si potrebbe tranquillamente definire come “una giornata movimentata” in relazione alla campagna trasferimenti del club partenopeo. Voci, esclusive, smentite e tanti, tantissimi nomi. Insomma, è successo di tutto e tutto quanto successo si è ribaltato.

E questo, di per sé, è già abbastanza indicativo sulla veridicità delle notizie strombazzate ai quattro venti. Anzi, più che veridicità potremmo dire ancora meglio: attendibilità. Cioè, nel senso: tu leggi tante cose messe insieme, tanti pezzi di trattative che proseguono, sono quasi alla fine, sono a un passo dalla definizione. E poi ti chiedi: come può essere?

Basta schiacciare il tasto rewind, riavvolgere questa giornata, per capire cosa intendiamo. Si parte col solito, ovvero con “il giorno decisivo per Herrera“. Anzi, quello dell’ultimatum, soprattutto dopo le (presunte) dichiarazioni del calciatore messicano verso il suo club di appartenenza, quel baglioniano “Voglio andar via” di cui abbiamo scritto stamattina. Poi, l’evoluzione inattesa della mattinata. Si parte da Teleclub, che annuncia senza mezzi termini: «Entro domani Zielinski sarà un calciatore del Napoli». Poi ecco la riscossa delle emittenti radiofoniche, con Radio Kiss Kiss che annuncia: «Accordo con lo Zenith per Witsel, manca solo il sì del calciatore». Poi è la volta della Gazzetta, che lancia un’esclusiva in apertura su Cristiano Giuntoli e un suo viaggio in Croazia: 35 milioni per Rog e Pjaca, gioiellini della Dinamo Zagabria. E siamo a cinque. Cinque centrocampisti che, stando ai rumors, devono solo dire sì al Napoli. 

Al di là dell’immediata smentita di Radio Crc sul viaggio di Giuntoli (per l’emittente radiofonica il diesse azzurro si trova a Bologna), parliamo di due cose fondamentali: l’impossibilità materiale di portare avanti, insieme, tutte le trattative raccontate dai media e soprattutto cosa succederebbe semmai tutti questi calciatori dovessero effettivamente accetare il Napoli. In riferimento al nostro primo dubbio, qualcuno potrebbe obiettare che siamo nel 2016, che oggi è possibile mandare un’e-mail e insieme telefonare e insieme registrare un messaggio su WhatsApp. Certo, tutto è possibile. Ma con questo livello di impegno economico (parliamo di milioni di euro), uno può giocarsela così? Su tutti questi tavoli, in contemporanea. Senza contare, poi, che oggi sono improvvisamente scesi in campo anche Sturaro e Pereyra: due “esuberi” bianconeri subito accostati alla seconda squadra d’Italia dagli stessi media che definivano “fatte” le trattative per altri cinque centrocampisti. Siamo saliti a sette, insomma, senza colpo ferire.

Immaginarsi uno scenario in cui tutti e sette dicano sì è francamente folle. Quindi, torniamo a cinque, che è un po’ il numero base: perché parliamo di notizie di offerte vere, “verificate” nel rutilante mondo del mercato. E se accettassero davvero, e improvvisamente, tutti e cinque? Cosa farebbe il Napoli, come sfoglierebbe questa margherita? E quale assegno sceglierebbe – perché a questo punto si tratta di scegliere – di staccare per primo? Dai, su, non prendiamoci in giro. È fantascienza, è racconto di favole confuso con la realtà. È una roba che non può esistere, anche se magari poi esiste veramente un interessamento per questo o quel calciatore. Che di per sé è già una notizia, ma che prima di arrivare alle fatidiche “ore decisive per il sì” deve in qualche modo evolversi. Ma deve evolversi davvero, non solo sulle colonne di un giornale o nel microfono di una radio o nel template di un sito.

Partendo da qui, fa ancora più strano e ancora più male leggere articoli come quello scritto e lanciato in apertura da Sportmediaset sul suo sito. Il titolo basta, di per sé (“Hamsik e Higuain: AdL accerchiato.
Il Napoli rischia di perdere i suoi big”), ma vogliamo approfondire. E quindi, leggiamo: «Prima Hamsik, il capitano di mille battaglie, che prende in considerazione la possibilità di cambiare aria; quindi Higuain, già deciso a non rinnovare il contratto e, di conseguenza, già pronto a svestire la maglia azzurra. Il primo corteggiato dalla Juve e da chissà quale altra squadra. Il secondo inseguito da mezza Europa, Atletico Madrid e Chelsea in testa. […] Per non parlare di Koulibaly, ai ferri corti con la società e anche lui inseguito dal Chelsea. Ieri ci sarebbe stato un incontro tra l’agente del giocatore e il Napoli. Si è chiarita la situazione. Koulibaly vuole andare via e ascolterà le offerte».

La rabbia, quando si leggono cose così, è che non c’è nessuna “notizia” nuova che giustifichi tanto livore, tanto veleno gratuito. Nessuno dice che ci siano scritte cose sbagliate o che non si sappiano, ma non ci sono “cose nuove” che rendano ancora più (?) accerchiato il presidente del Napoli. Nemmeno i rumors impossibili di cui sopra, qualcosa che è uscito magari oggi, che tu Mediaset riporti in esclusiva e che ti dia un altro motivo, oltre a quelli che già ci sono, per poter gridare alla smobilitazione. Il Chelsea su As, di cui abbiamo scritto anche noi, rientra nel normalissimo gioco delle parti. Anzi, nell’odioso e normalissimo gioco delle parti e del mercato. Ma non spariglia le carte in tavola, non altera la situazione. Non modifica lo scenario, tanto da dipingerlo così cupo attraverso le parole. 

Come dire: tra lui e lei scegliere non saprei. Meglio notizie potenzialmente false perché inesistenti o articoli da bomba atomica senza una reale, nuova motivazione? Nelle “giornate movimentate” del calciomercato estivo ti capita di dover scegliere anche tra due alternative così. E la cosa peggiore è che ti sembra pure tutto normale, se non addirittura giusto.

Stavamo per premere il tasto pubblica del nostro pannello di inserimento, quando all’improvviso ci arriva una telefonata. Un nostro collaboratore: «Avete visto l’apertura della Gazzetta?». Sì, rispondiamo noi, Rog e Pjaca. Ne stiamo scrivendo. «Siete dietro». Apriamo il sito, e ci dice che Milik è stato avvistato a Capodichino. Come un ufo. Ed è ovviamente pronto a dire sì al Napoli dopo un blitz dei partenopei.

Che bella cosa la “giornata movimentata” del calciomercato.

ilnapolista © riproduzione riservata