Se vado a memoria, il più bello della storia

Da quando sono nato, e quindi esisto,

un Napoli così non l’ho mai visto !

Una squadra compatta, unita, vera,

ci fa godere di giorno e di sera.

L’esordio in Champions coi vice campioni,

e sono state splendide emozioni.

Lo stadio freme ché la gente aspetta

di potere ascoltar la musichetta,

e quando ecco che esplode quel boato

il pubblico tedesco è preoccupato.

Non si aspettavano quest’accoglienza,

e si accommiatano con deferenza.

Prima, però, c’è stata la partita,

un delirio, un’estasi infinita.

I tedeschi la vogliono impostare,

Rafa mette la squadra ad aspettare

in venti metri, è compatta e corta

e sempre pronta a mirar la porta.

Un paio di tentativi son sbagliati,

ma i fraseggi sono ben portati.

Un’unica occasione e Lewandowski

(forse pensando di essere Paloschi)

tira, ma Reina devia quel pallone

e sulla successiva conclusione

fatta da Reus, a colpo sicuro,

la testa di Zuzù diventa un muro !

Ma adesso basta, è tempo di segnare !

Che minuetto, Vi devo raccontare !

Corner, Insigne la tocca a Zuniga

che gliela rende e sulla falsa riga

il primo la ritocca a Camillino,

il cross al bacio, è pronto l’Argentino,

un guizzo in piena area di rigore,

va con la testa e colpisce al cuore

il portiere si tuffa . . non ci arriva . .

è tutta la Città che grida “evviva !!!”

Il loro mister, un giocherellone,

perde la testa e va in confusione,

protesta, smania, grida a più non posso,

così si becca il cartellino rosso !!

Adesso è il Napoli che guida il gioco

ed il Borussia ci capisce poco,

Pipita velocissimo, che scatto !,

esce il portiere che cerca l’impatto

con il pallone e ci va col pugno,

ma è fuori area così sul suo grugno

l’arbitro mostra il cartellino rosso.

Con l’uomo in meno, il Borussia è scosso

e la partita deve essere chiusa,

perché così la grande squadra usa

risolvere queste situazioni.

Nella ripresa, tante le occasioni

ma il pallone non vuole entrare . . .

C’è punizione. Fatela tirare

al ragazzino, che ha piede fatato

(nel primo tempo ci aveva provato

ma Higuain, il primo della lista,

si era imposto, un po’ da egoista).

E’ a 25 metri dalla porta,

ma per chi sa tirare poco importa.

Tre passi . . parte il tiro . . ed il pallone

grazie all’effetto cambia direzione . . .

traversa interna e finisce in rete !!!

E’ gooooooooolllllllll è goooooooooolllllll,

tedeschi, dove siete ???

In ginocchio, a rendere onore

al nostro genio di Frattamaggiore !!!

Il Napoli potrebbe triplicare,

le occasioni non riesce a sfruttare,

a 5 dalla fine ecco Zuniga

che sbaglia porta : autogol. Che sfiga !!

Il finale non può essere amaro,

così io mi rivolgo a San Gennaro:

“nel portafoglio ho la Tua immaginetta,

lo so che, se Tu vuoi, puoi darmi retta,

questa vittoria nostra è meritata,

falla finire il gloria, la giornata !!!”

E San Gennaro, invero, mi ha ascoltato,

l’ultimo tiro Pepe l’ha parato,

l’arbitro dà il segnale che è finita,

eccolo il nostro canto, oi vita, oi vita !!!

Prima partita, Napoli vincente,

Rafè che dice “non è ancora niente”.

Ma senti a me: stai dando, e darai tanto,

che, quando te ne andrai, qua sarai santo !!

Un ultimo pensiero a Jurgen Klopp:

stavolta, il tuo Borussia ha fatto flop !!!


Stadio San Paolo,

18 settembre 2013       by Bruno

ilnapolista © riproduzione riservata