Juventini antirazzisti, se esistete, battete un colpo

Juventino antirazzista, se ci sei batti un colpo! Come puoi accettare il sistematico razzismo dello Juventus Stadium contro chi ha la pelle nera o è nato in un’altra regione? Ogni santa domenica augurano la morte al calciatore della nazionale Mario Balotelli, reo di avere la pelle nera, affermano (va da sé senza fondamento se non nel delirio neofascista e leghista) che non possono esistere italiani di pelle nera, si augurano un’eruzione distruttiva che causi la morte col fuoco di milioni di persone che hanno la colpa di essere nati in un’altra regione. Tutto ciò in maniera sistematica, a freddo, rivendicando un inesistente diritto al razzismo che invece comporta squalifiche sportive (al di là dell’impunità) ed è un crimine sanzionato penalmente dalla legge Mancino.
Quello che mi causa ribrezzo del razzismo da stadio, in particolare di quello dominante ma certo non unico, ovvero quello juventino è che mai, MAI, mi è capitato un tifoso juventino disposto a dire: “sì è vero, lo Juventus Stadium è un problema, facciamo schifo, mi dissocio, dovremmo fare qualcosa NOI che siamo tifosi della Juventus ma non siamo razzisti”. Anche la società è omertosa se non apertamente connivente. In tutti i casi la risposta è sempre: 1) l’acritica negazione del problema: sono cori da stadio, è una zona franca dove dire e fare di tutto. 2) tutte le curve sono razziste quindi nessuno è razzista. 3) anche noi siamo vittime (Pessotto, Heisel…).

Eppure è impossibile spiegare che quelli sono cori spregevoli ma NON razzisti e che i cori spregevoli sono squallidi, volgari, deprecabili (come quelli contro i morti di Superga) ma non sono un reato penale.

Al contrario affermare che non esistono italiani di pelle nera o invocare la morte per persone nate in un altro luogo è razzismo. Il giorno che troverò qualcuno che dirà: «sono Juventino ma vorrei che squalificassero lo Juventus stadium o che si prendessero misure per eliminare questo fenomeno intollerabile» gli stringerò la mano. Finora ho trovato solo complici.

Personalmente non sono disposto ad accettare tale fenomeno. Da molti anni l’estrema destra conduce le sue campagne di reclutamento negli stadi e chiudere un occhio sul razzismo è doppiamente grave. Juventino antirazzista, se ci sei batti un colpo!

Gennaro Carotenuto tratto da www.gennarocarotenuto.it

ilnapolista © riproduzione riservata