Gaetano: trequartista considerato il nuovo Insigne e paragonato anche a Maradona

Abile nei dribbling e nei calci piazzati, può fare anche la punta centrale e l’ala sinistra. Per il Napoli ha detto no a Bayer Leverkusen e Liverpool

Gaetano: trequartista considerato il nuovo Insigne e paragonato anche a Maradona

Ha esordito con la maglia del Napoli lo scorso gennaio, nella partita di Coppa Italia contro il Sassuolo al San Paolo entrando al posto di Milik e giocando 6 minuti. Ieri sera, sotto la pioggia battente di Ferrara, Gianluca Gaetano ha fatto il suo esordio in serie A negli ultimi istanti di partita.

Al termine dell’incontro il  calciatore azzurro ha mostrato la sua gioia sui social:

“Un sogno che si avvera. Sacrifici che vengono ripagati, ringrazio il mio grande amore per tutta la forza e incoraggiamento, per non avermi fatto mai mollare GRAZIE. Grazie alla società e al mister per la fiducia”

Nato a Cimitile, dove la sua famiglia gestisce una pizzeria, Gaetano (classe 2000) è fratello di Felice, che ha indossato la maglia del Napoli qualche anno fa e poi, a causa di una serie di infortuni, è stato costretto a ripartire dalla serie D e ora gioca con il Nola.

Gianluca ha iniziato a giocare a pallone nell’ASD Future Boys di Cimitile. Nel Napoli è arrivato nella stagione 2015/16. Gioca nella Primavera azzurra, dove indossa la maglia numero 10. Quest’anno ha totalizzato 21 gol (16 in campionato e 5 in Youth League). Ha trovato la sua collocazione ideale come trequartista, ma è capace di giocare anche come punta centrale e ala sinistra. Il piede che preferisce è il destro. Abile nel dribbling, ha una buona tecnica e grande precisione di tiro. È fantasioso e creativo, tanto da essere paragonato spesso ad un nuovo Insigne. È capace di trovare la giocata che fa la differenza in qualsiasi momento della partita e di difendere bene palla anche negli spazi stretti.

Gaetano è particolarmente bravo nei calci piazzati. In Youth League ha segnato una rete direttamente da calcio d’angolo, contro il Feyenord, gol per il quale è stato paragonato nientedimeno che a Maradona.

Nel Napoli ha scelto la maglia numero 18. Il suo contratto è valido fino al 2023.

Su di lui hanno mostrato interesse il Bayer Leverkusen e il Liverpool ma Gianluca ha scelto l’azzurro per il suo futuro e adesso spera che Ancelotti continui a confermargli la sua fiducia. Ha compiuto 19 anni lo scorso 5 maggio.

L’ultimo esordiente del settore giovanile prima di Gaetano è stato Luperto, nel 2015, in Napoli-Milan: in panchina c’era Benitez.

ilnapolista © riproduzione riservata