Milik: «Due gol tra me e Messi su punizione? Lui è di un altro pianeta»

In Polonia: «Gli infortuni li ho dimenticati. Posso crescere ancora tanto, sia sotto il profilo realizzativo sia nel modo di stare in campo»

Milik: «Due gol tra me e Messi su punizione? Lui è di un altro pianeta»
Salvatore Laporta / KontroLab

I tifosi e i social

Dopo quella di ieri, Arkadiusz Milik ha concesso un’altra intervista in Polonia stavolta a Przeglad Sportowy. Ha parlato del Napoli, della Nazionale, dei suoi infortuni. E anche della “rivalità” con Messi sui calci di punizione. Rivalità per modo di dire.

«Ha segnato solo due gol in più di me su punizione? Ovviamente spero di raggiungerlo ma lui è di un altro pianeta. Può calciare anche da più lontano, ma ovviamente non è solo questo».

«Generalmente non leggo le critiche dei tifosi sui social. A volte sono divertenti, spesso si supera il limite. Le critiche più feroci le ho ricevute con la Nazionale».

Gli infortuni

«Quest’anno con il Napoli tiriamo molto in porta. Non riusciamo a concretizzare quanto produciamo, o per questioni di centimetri o per altri dettagli. Dobbiamo migliorare tutti, io per primo».

«Sono in un ottimo periodo, gli infortuni sono alle spalle. A novembre ho cominciato a giocare due tre partite consecutive senza accusare fastidi e ho ritrovato fiducia. Gli infortuni, per fortuna, mi sembrano lontanissimi, non ci penso più. Ora non ho più paura. Posso crescere ancora tanto, sia sotto il profilo realizzativo sia nel modo di stare in campo».

ilnapolista © riproduzione riservata