Allegri: «Non abbiamo ancora ammazzato il campionato»

Allegri presenta Juventus-Inter: «Affrontiamo una squadra cresciuta molto, anche il Napoli è pericolosissimo. Il cammino per lo scudetto è ancora lungo».

Allegri: «Non abbiamo ancora ammazzato il campionato»
Photo Matteo Ciambelli

In conferenza stampa

Massimiliano Allegri presenta Juventus-Inter in conferenza stampa: «Domani è una bella partita, con un grande fascino, è il derby d’Italia. Sarà una serata importante indipendentemente della classifica. Affrontiamo una squadra che è cresciuta molto, e che insieme al Napoli rappresenta il contingente di antagonisti della Juventus. Non abbiamo ancora ammazzato il campionato, la strada è ancora lunga. Ancelotti dice giustamente che il Napoli ha grandi chance, ci sono gli scontri diretti e la classifica potrebbe accorciarsi. Domani tutti si augurano che noi possiamo perdere punti così da avere una battaglia più viva, ma noi dobbiamo andare avanti per la nostra squadra. Tra Juventus-Inter e Young Boys-Juventus è più importante la partita di mercoledì, ci giochiamo tanto mentre domani è in palio solo una partita».

Le scelte di formazione: «Se giocherà De Sciglio a destra e Cancelo a sinistra o viceversa. Si possono anche cambiare durante la partita, ma a Firenze Cancelo a sinistra e De Sciglio a destra hanno fatto bene. Emre Can farà parte dei convocati, ha lo spirito giusto. Bentancur ha un problema alla schiena, quindi o butto dentro Emre o cambio modo di giocare.  In difesa stanno tutti bene, a parte Barzagli».

Il Napoli di Ancelotti

Allegri parla anche del Napoli secondo in classifica: «È una squadra che viene da un campionato con 91 punti. Sono sempre gli stessi calciatori, poi hanno aggiunto Ruiz che è un ottimo acquisto. Poi c’è Ancelotti, che ha un modo di approcciare diverso da quello di Sarri. Quindi il Napoli è pericoloso, pericolosissimo, perché ha qualità tecniche e grande esperienza in panchina».

ilnapolista © riproduzione riservata