Repubblica Napoli: partono i lavori alla Scandone, al via i cantieri anche in altri impianti

In vista delle Universiadi, la Scandone sarà completamente ristrutturata. Avviato il restyling anche per gli stadi di San Pietro a Patierno e Barra.

Repubblica Napoli: partono i lavori alla Scandone, al via i cantieri anche in altri impianti

Una ristrutturazione completa

Due cantieri al via per la piscina Scandone, uno dei luoghi centrali per le Universiadi 2019. Secondo quanto riportato da Repubblica Napoli, la piscina più rappresentativa di Napoli sarà interessata da un profondo intervento di ristrutturazione: il primo cantiere costruirà una seconda vasca che «fungerà da impianto di riscaldamento e sorgerà alle spalle della Scandone»; il secondo, invece, porterà a un profondo restyling della struttura costruita in occasione dei Giochi del Mediterraneo 1963. I lavori dureranno sei mesi, la Scandone ospiterà le gare di nuoto e la finale del torneo di pallanuoto.  Costo del progetto – che prevede anche il rifacimento del piano vasca, degli spogliatoi e dell’impianto di illuminazione – pari a tre milioni e mezzo di euro. 

Non solo la Scandone

Inaugurati i cantieri anche in altri impianti, come lo stadio di San Pietro a Patierno e il “Caduti di Brema” di Barra, rispettivamente nelle periferie Nord e Sud-Est della città. Sono stati investiti 670 e 780mila euro per «il rifacimento completo dei campi di gioco, con la dotazione del manto in erba sintetica, l’installazione di un nuovo sistema di illuminazione, la manutenzione degli spogliatoi e il superamento delle barriere architettoniche». I due impianti saranno utilizzati come strutture di allenamento per l’Universiade.

ilnapolista © riproduzione riservata