Politano all’Inter per 20 milioni. Il Sassuolo ne rifiutò almeno 30 dal Napoli

Il calciatore in nerazzurro con la formula del prestito, più diritto di riscatto. Precisamente: qual è stata la strategia del Sassuolo?

Politano all’Inter per 20 milioni. Il Sassuolo ne rifiutò almeno 30 dal Napoli

Il quinto acquisto nerazzurro

Matteo Politano all’Inter, dopo De Vrij, Asamoah, Lautaro Martinez e Nainggolan. Un applauso all’Inter, regina del mercato 2018 – al di là delle incongruenze sparse in merito alle plusvalenze.

Ora, però, c’è da domandarsi quale sia stata la strategia del Sassuolo. Il club neroverde, riprendiamo dalla Gazzetta in edicola stamattina, ha accettato un’offerta dall’Inter di 20 milioni più il giovane Odgaard, valutato 5 milioni dai nerazzurri. Tra l’altro, la parte fissa e in cash dell’operazione è divisa tra prestito e diritto di riscatto. Appena cinque mesi fa, lo stesso club ha rifiutato un’offerta del Napoli vicina e/o superiore ai 30 milioni, per lo stesso calciatore. E anche se Carnevali, direttore generale del club modenese, ha più volte affermato che le cifre reali fossero molto più basse rispetto ai famosi 35 milioni “raccontati” dagli esperti di calciomercato, facciamo fatica a credere che il Napoli avesse offerto meno di quanto il Sassuolo ha portato a casa oggi.

Insomma, di mezzo c’è stata una salvezza “conquistata” quasi letteralmente da Politano, certo. Ma c’è anche un comportamento poco chiaro, o comunque poco comprensibile, da parte della dirigenza capeggiata da Squinzi. Che con i 30 (diciamo 30) milioni offerti dal Napoli cinque mesi fa avrebbe potuto acquistare uno o due giocatori di valore. Per conquistare la stessa salvezza. Tra l’altro, incassando una cifra cash, senza vincoli e contropartite. Ricorderete le parole di Marotta, che a precisa domanda in una trasmissione di Sky spiegò che «il Sassuolo è un club che non ha bisogno di vendere». Ecco, ora l’amministratore delegato bianconero dovrà correggere la versione, alla luce dei fatti. Il Sassuolo non ha bisogno di vendere un calciatore, a gennaio e al Napoli. Però lo vende sei mesi dopo, per una cifra nettamente inferiore e con una formula quantomeno cervellotica. Lo vende all’Inter, of course. La regina del mercato.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Questo si sapeva che finiva così. Certo, il Sassuolo servo, ne esce poco edificante non solo per il Napoli ma per l’intero Calcio italiano. Così si incrinano rapporti con certe società. Comunque Politano non valeva quei soldi e nemmeno quei soldi dati dell’Inter. Quando c’è di mezzo la Juve tutti a “tremare” come quando il Napoli chiese informazioni su Ogbonna (mezzo bidone) Cairo sparò una certa cifra poi venne la Juve e lo diede per meno della metà. Lo schifo tutto italiano poi si lamentano che ci si rivolga all’estero. Politano? temo che all’Inter si ripeta un’altro Eder, più panchina che campo. A SKY, a quella puntata di Calciomercato da Bonanni e Di Marzio, a me è sembrato tutto preparato .., Marotta, domanda su Politano…., Sassuolo che non aveva bisogno di vendere in quanto a detta di Marotta è Società solida ect ect… tutto per dire non dare il giocatore al Napoli. Chissà se il Sassuolo si salva senza Politano e Politano stesso ha garantito il posto all’Inter come nel Sassuolo..Carnevali, sei un “signore”.

  2. Giulio Valerio Maggioriano 30 giugno 2018, 19:31

    Beh come giustamente riportato nell’articolo, Politano ha grossi meriti nella salvezza del Sassuolo. E, da che mondo è mondo, a gennaio i prezzi sono più alti per una mera questione di disponibilità…

    • Carlo Beccaria 30 giugno 2018, 19:53

      Ma poi quali certezza ha il Napolista e tutti gli altri media che parlarono di un’offerta di 30 milioni di ADL al Sassuolo che l’offerta fu tale?

  3. ma siete sicuri che adl ne offrì 30 ? io proprio no. illazione per illazione penso che se li offrì è perchè era sicuro della risposta negativa del club di squinzi. adl ci ha abituato a queste false-trattative. anche con icardi andò così.

    • Francesco Sisto 1 luglio 2018, 1:17

      Vabbe però, non dimentichiamo che prima aveva chiuso per Verdi, che poi rifiutò, e non mi pare che fosse una falsa trattativa, visto che anche il calciatore confermò.
      Non vedo perche non dovrebe essere vero l’offerta per Politano.
      Adesso diamo la colpa ad ADL pure quando Marotta ordina al Sassuolo di non venderci i giocatori, perche in lotta con loro per il titolo.

  4. Scirocco Notturno 30 giugno 2018, 18:02

    Scusate, ma l’amministratore del Sassuolo (tale Marotta) ha detto che non si vendeva e non si è venduto.

    Perchè recriminare sulla scelta di Marotta?

    • Gia perchè recriminare su una scelta di Marotta A.D. del Sassuolo. Carnevali? chi è??? ahh si a Carnevale, quello che ogni scherzo vale. Errore di ortografia la I al posto della E…Carnevale.

  5. Carlo Beccaria 30 giugno 2018, 17:49

    Quando si realizza un passaggio di un giocatore da una società all’altra le cifre sono note, ufficiali, verificabili. Quando invece un passaggio non si realizza restano come voci, veline, rumours e nessuno può verificare. Il Napolista come spesso accade dimentica le nozioni basilari del giornalismo.

  6. Gennaro Russo 30 giugno 2018, 17:04

    Ancora vi meravigliate? ? MA i cori razzisti negli stadi di tutt’Italia , nn li ricordate? Significa in primis che ci odiano dappertutto. E in seconda battuta il Sassuolo è la succursale dei ladroni, non lo dimenticate.

  7. Sì sì, sono gli altri che ci danneggiano!!! Non di certo il grandissimo presidente che ha mandato via Sarri, per portare a casa un incompetente di allenatore pagandolo 4 volte Sarri… bravo napolista, continua a spostare il centro dell’attenzione… e volesse mai il cielo ti scappasse un’analisi seria contro il romano…

  8. La domanda è perché al Napoli non riescono le cose più semplici che riescono a tutti gli altri. La mia sensazione è che dopo bigon il Napoli non ha un direttore sportivo per scelta espressa. Che poi il Sassuolo abbia voluto penalizzare il Napoli è ovvio, però l’Inter non è storicamente la migliore partner degli juventini

    • perché forse il Napoli non partecipa alla mangiatoia a cui partecipa l’Inter sulle plusvalenze dei primavera o di ragazzi sconosciuti? Anche io preferisco Bigon, ma se il Sassuolo fa muro con il Napoli per motivi politici, Giuntoli non c’entra una mazza.

      • Non so quanto la questione mangiatoia c’entri, francamente. Perchè quello di Politano è solo l’ultimo di una lunga serie di episodi legati al mercato del Napoli, a partire dal caso Soriano ed il fax che non si leggeva o una roba del genere.

        Ripeto, la mia chiara sensazione è che Giuntoli abbia accettato di essere esclusivamente il portavoce di De Laurentiis nelle operazioni che ormai il presidente gestisce totalmente da solo. Nulla di più. Però, e chiunque di noi lavori sa cosa intendo, ci sono tavoli a cui ci si siede, cene a cui si partecipa, giri di cui si fa parte se si è attivamente direttore sportivo, non è solo una questione di “Cristiano chiama l’agente di tizio o il presidente della squadra x ed offri 8 milioni in meno di quanto chiedono più due di bonus”. Perchè, se funziona con i piccoli club i quali hanno l’apprensione di vendere il giovane gioiello e non vogliono rischiare che si faccia male o che perda valore (perchè magari con 30 milioni ci rifanno squadra, stadio e casa personale del presidente), con i club un po’ più scafati tutto questo non ha senso.

        Quindi, per concludere, io credo Giuntoli c’entri eccome. Non perchè non sia capace, ma perchè non è un direttore sportivo, semplicemente un dipendente di De Laurentiis che risponde esclusivamente a lui e non fa un passo senza previa autorizzazione. Poi magari mi sbaglio e non è così. Ma la velocità sul mercato di tanti club (inclusi club di piccolo cabotaggio) mi impressiona quando comparata con la assurda macchinosità del Napoli, il quale puntualmente organizza ritiri in cui c’è gente che non giocherà manco per niente il campionato.

        • Cioè hai scritto un papiello per sostenere che il napoli ha come ds uno che non sa mandare nemmeno un fax. Pensare che invece alcune squadre non hanno piacere a venderci giocatori se non a prezzi fuori mercato perchè con noi non ci guadagnano favori è troppo complicato piuttosto. Farebbe crollare il castello di carte del presidente pappone e della società che non sa programmare.

  9. Carlo Beccaria 30 giugno 2018, 14:12

    Purtroppo mentre sono note e ufficiali le cifre di un’operazione andata in porto (Politano all’Inter) non sono note e ufficiali le cifre di un’operazione NON andata in porto. Su quali basi e fonti il Napolista sostiene che il napoli avrebbe offerto almeno 30 milioni? Non è dato sapere….

  10. le cose sono andate così: non andava venduto al napoli a gennaio quando il titolo era davvero in bilico!!! e non ha deciso il sassuolo…

    • quindi finisce all’inter, squadra notoriamente amica della juve…ma con la logica ci giocate come col lego? tralasciando i commenti di insinuazioni qui presenti ma molto piu’ pesanti a gennaio. siamo su second life!

  11. Antonio Chiacchio 30 giugno 2018, 12:51

    la favola insegna che: fa bene dela ad acquistare al mercato estero e i biancozozzi rubano gli scudetti aiutati da arbitri, sistema, var, squadre lecca………..

Comments are closed.