A tre minuti dalla fine, Rojo salva l’Argentina: 2-1 alla Nigeria e qualificazione

Un gol a tre minuti dalla fine evita una clamorosa eliminazione. Un buon primo tempo con uno splendido gol di Messi. Poi il pareggio su rigore, la paura e infine la vittoria

A tre minuti dalla fine, Rojo salva l’Argentina: 2-1 alla Nigeria e qualificazione

Un gol da centravanti

Rojo salva l’Argentina dal disastro. A tre minuti dalla fine di Argentina-Nigeria, l’Albiceleste era spacciata. Si era sull’1-1 contro la Nigeria. Gli argentini stavano cercando di attaccare con la forza della disperazione. Un cross dalla sinistra e Rojo colpisce di destro: un gol da centravanti vero, per Rojo che invece è un difensore centrale. I sudamericani sono incredibilmente agli ottavi di finali, come secondi nel girone vinto dalla Croazia a punteggio pieno (ha battuto anche l’Islanda). Quasi all’ultimo minuto, come la Germania contro la Svezia.

Splendido gol di Messi (di destro)

La partita è cominciata bene per la Nazionale di Sampaoli.  Che al 14esimo è passata in vantaggio con un bellissimo gol di destro di Lionel Messi che ha stoppato un lancio con la coscia sinistra, ha lasciato scorrere, è entrato in area e di destro in diagonale ha superato Uzoho. Commovente l’esultanza del numero 10 che ha vissuto il suo gol come una liberazione. Nel primo tempo, l’Argentina è stata padrona del campo. Messi ha sfiorato il raddoppio e ha colpito il palo su punizione.

Sampaoli ha schierato Higuain al posto di Aguero al centro dell’attacco, con Di Maria largo. Assolutamente impalpabile la prova dello juventino del tutto inadeguato. Si è visto solo all’80esimo quando sull’1-1 si è divorato un gol di sinistro in area di rigore.

La ripresa

Lo scenario è cambiato nella ripresa. Subito l’arbitro Cakir ha concesso un rigore generoso per una lieve trattenuta di Mascherano in area su calcio d’angolo. Il direttore di gara aveva avvisato che avrebbe fischiato falli sul cross. E infatti ha fischiato il rigore. Il Var non ha contraddetto l’arbitro. Moses è andato dal dischetto e ha pareggiato.

A questo punto l’Argentina si è smontata. A un quarto d’ora dalla fine, proteste nigeriane per un fallo di mani in area di rigore dell’Argentina. Il tocco c’era, anche se involontario.

Maradona

Maradona

Nel finale, Sampaoli ha messo dentro tutti gli attaccanti (tranne Dybala), con Pavon e Aguero oltre a Higuain e Messi. Mascherano ha giocato l’ultima mezz’ora con una ferita sul volto. Mentre Maradona si stava disperando, ecco il gol di Rojo che ha cambiato tutto. Anche l’umore di Diego che si è distinto per gesti non proprio da Oxford in tribuna.

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Ma di chi è il braccio con l’orologio nero nella foto di Diego??

Comments are closed.