Nicchi: «Assurdo quello che è successo a Orsato per un cartellino non dato»

Alla Gazzetta: «Un calcio senza Var non è possibile. Orsato ha avuto una serata non felice, ma non c’è stata alcuna parola di solidarietà verso di lui da parte di Coni, Lega o Figc»

Nicchi: «Assurdo quello che è successo a Orsato per un cartellino non dato»

La Gazzetta intervista il capo degli arbitri Marcello Nicchi che parla dell’arbitraggio di Orsato e degli errori in Champions senza Var.

La domanda è sugli insulti a Orsato dopo l’arbitraggio di Inter-Juventus

«Ecco, le sembra normale quello che è accaduto? Un grande arbitro come Daniele è rimasto due giorni barricato in casa con i figli, tra insulti e telefonate poco simpatiche. Tutto per una serata non felice, un cartellino non dato. Può capitare, i primi a perdere il sonno per gli errori sono proprio gli arbitri. Ma ha sentito una sola parola di solidarietà verso Orsato da Figc, Coni, Lega di A? Zero assoluto, nonostante il linciaggio continuo con notizie inventate, tipo il fratello juventino. Per non parlare delle bufale su Tagliavento con i labiali fasulli. Orsato ha le spalle larghe e tornerà più forte di prima, ma io penso ai ragazzini».

Quali ragazzini?

«Il diciassettenne picchiato una settimana fa ad Ancona in Terza categoria da un giocatore di 31 anni. Il presidente di sezione lo ha trovato in pronto soccorso con il ghiaccio sull’occhio, era ancora vestito da arbitro. E così via…».

Cambiamo discorso, capitolo Var: adesso tutti salgono sul carro del vincitore...

«Noi siamo partiti in anticipo perché abbiamo un gruppo di arbitri fantastico. Dobbiamo lavorare ancora, migliorare, ma i risultati sono ottimi e un calcio senza Var non è possibile. Per carità, abbiamo sbagliato e lo faremo ancora. Capita ai giocatori, succede agli arbitri. Ma i vantaggi della tecnologia sono evidenti».

Nelle semifinali di Champions è accaduto di tutto, i club italiani gridano al complotto.

«Ma no, ci sono state delle sviste pesanti e molte ai danni delle nostre squadre, ma è frutto della casualità. Certo, gli errori gravi sarebbero stati cancellati con la Var. E per questa ragione sono convinto che quanto prima avremo la tecnologia anche in Uefa».

ilnapolista © riproduzione riservata
  1. Nicchi il problema non è il cartellino di Orsato, una partita sbagliata ci può stare. Il problema sono la continuità di episodi che avvengono da 7 anni a questa parte e il sospetto della truffa che per inciso è un reato penale.

  2. Hanno innescato quella miscela esplosiva EURO VITA arbitri quindi pagnotte a manetta e FIAT federcalcio. Possono andare contro chi li sovvenziona? Ecco che Nicchi, invece di dimettersi, non essendo l’AIA riuscita a dare regole oneste agli arbitri, ha fallito clamorosamente dai suoi arbitri dei tanti aiuti in campionato a quell’unica squadra, pur sapendo di danneggiare il Campionato e l’immagine vergognosa del Calcio italiano. Lui, Nicchi, minimizza come a dire non è successo niente rifatelo come avete visto non muovo un dito. Abbarbicati a quelle remunerative poltrone esempio di un Paese allo sfascio. Ancora per quanto dobbiamo andare avanti in questo sporco modo?

  3. Alla fine, lo sdegno, la rabbia, l’ira per lo scudetto scippato servono a poco. Il combinato disposto di orsato per inter juve e mazzoleni per fiorentina Napoli ha funzionato, ha ristabilito le distanze. Solo a margine vorrei osservare che a firenze si è avuta una specie di inversione della filosofia del gioco del calcio. Se il fallo di KK fosse stato fatto in area sarebbe stato cartellino giallo e calcio di rigore. Fuori area, mazzoleni ha deciso per l’espulsione. C’era un fallo da ultimo uomo per chiara occasione di gol? Non sembra. Ma così facendo, per un fallo fuori area ha procurato al Napoli un danno peggiore che assegnando contro un calcio di rigore, che pure viene chiamata “la massima punizione”. Considerato che il calcio di rigore non è gol al 100% mentre l’espulsione è certa, è certamente più facile rimontare un gol in 11 contro 11 che mantenere il pareggio (che ci sarebbe servito a poco) con l’uomo in meno. Eppure alle scuole calcio insegnano che se si deve fare fallo per fermare l’attaccante è, ovviamente, di gran lunga meglio compierlo fuori area. Nel campionato italiano, con certi arbitri, evidentemente è meglio farlo dentro l’area. Detto questo mi vedrò costretto a mettere in atto la più potente rappresaglia possibile contro questo calcio malato: disdire l’abbonamento alla pay-tv. Gesto non da poco, a ben considerare. L’asta per i diritti del calcio per i prossimi tre anni ha visto per due volte presentare delle offerte inferiori al minimo stabilito dalla Lega Calcio. Poi se li è aggiudicati, alla cifra richiesta, Mediapro, anche se non tutto sembra ancora chiaro. Una massiccia fuga di abbonati dal calcio in tv porterebbe ad un abbassamento del valore dei diritti tv del campionato italiano nei prossimi anni. Minori abbonati, in pratica dovrebbero restare solo coloro che dicono di tifare per i non colorati, offerte più basse per i diritti tv, meno soldi da spartire per le società, meno soldi cioè sia per chi fino ad oggi ha preso la fetta più grande, che per le società minori, che hanno finora accettato questo stato di cose per amore della propria fettina di torta. Meno soldi si traduce in minori stipendi per i calciatori che andrebbero all’estero e minore possibilità di acquistarne di valore con aumento delle distanze tra le squadre italiane e quelle straniere. Insomma, un campionato sempre meno accattivante e sempre più marginalizzato dal calcio che conta. Alla fine anche molti di coloro che dicono di tifare juve ne avrebbero abbastanza di un campionato così povero come diventerebbe quello italiano. Sono certo che non sarò solo ad inviare la lattera di disdetta dopo quanto visto nell’ultima giornata. Se poi, un giorno, la magistratura ordinaria volesse mettere le mani nel sistema calcio italiano… Una volta sentite le sentenze, chissà, potrei abbonarmi di nuovo.

  4. Vincenzo de Blasio 4 maggio 2018, 22:47

    Costui o ci è o ci fa. In verità una cosa non dice, quella che essendo lui il capo dovrebbe cospargersi per primo il capo di cenere e dare le dimissioni. Il raggiro dura da tempo, anche se la Magistratura non ha incastrato ancora nessuno, ma ha nomi e cognomi che i sospetti e le voci di dentro e di fuori non possono che confermare. Ma costoro si sentono intoccabili perchè sono sostenuti da tanti puntelli che insieme al conflitto d’interessi (la Fiat che sponsorizza la FGC, l’Eurovita Assicurazioni gli arbitri), formano un sistema formidabile per determinare a loro piacimento tutti gli “accomodamenti” dettati dalle necessità.

  5. Giuseppe Pitonzio 4 maggio 2018, 22:34

    È semplicemente un farabutto che nega in malafede un oggettivo episodio. Niente altro che un farabutto

  6. la situazione arbitrale italiana mi sembra fare il paio di quella politica nostrana. insomma se questi personaggi non saranno messi da parte, senza ringraziamenti, il pari trattamento non lo avremo mai.

  7. Però che fortuna che abbiamo in Italia. In CL tutti gli arbitri sono corrotti e complottano contro la Juve mentre solo in Italia gli arbitri sono tutti onesti e precisi.

  8. non ho parole….

  9. Ahahah .prendono anche per i fondelli.parlava così anche il capo degli arbitri prima di calciopoli.mi sembra si chiamasse Bergamo.

  10. Raffaele Sannino 4 maggio 2018, 14:09

    Il signor Nicchi dimentica il primo obbligo cui deve sottostare la classe arbitrale per non inficiare la regolarità di un torneo di 38 turni:l’uniformità di giudizio.Se l’arbitro del derby torinese punisce con il rosso diretto l’intervento scomposto di Baselli su Pjanic,Orsato non può esimersi dal mostrare almeno un giallo a Pjanic per un intervento uguale durante inter-juve.

    • Jacopomartino 14 maggio 2018, 19:29

      Non fu rosso diretto!!! Ma doppio giallo, per giustizia d’informazione

  11. dino ricciardi 4 maggio 2018, 14:09

    Eh no caro Nicchi non puoi ridurre tutto ad un cartellino non dato.
    Questa non è onestà intellettuale.
    Il Sig. Orsato ha sbagliato tutto il possibile.
    Un commissario di campo onesto non puo avergli non fatto una pessima relazione.
    Ha sbagliato ad ammonire Pianic per non ammonire Higuain diffidato.
    Per ben 4 volte poteva mettere la partita in parità numerica e non lo ha fatto.
    Doppia ammonizione Pianic,già al 20 esimo del primo tempo doveva ammonirlo senza contare l’entrata da rugby su Rafinha che poteva essere addirittura da rosso diretto.
    Doppia ammonizione Cuadrado, su Peresic si disinteressa della palla e lo ostruisce con gomito e corpo.Non ha fischiato nemmeno il fallo.
    Espulsione di Barzagli,entra in ritardo,da tergo, con palla gia lontana e non alla sua portata in modo violento sul polpaccio di Icardi .
    Ammonizione di Alex su Cancelo che entra in area si disinteressa della palla e ostruisce in modo netto Cancelo .Non ha fischiato nemmeno il Fallo.
    Ormai sono diversi anni che non arbitro piu e puo essere che i miei occhi sono foderati di prosciutto dal tifo e cosi ho chiesto ad un amico commissario di campo della sez. di Milano se le mie valutazioni erano giuste.
    Mi ha risposto ” purtroppo ha sbagliato tanto e male non usando lo stesso metro di giudizio,ne usciamo male come categoria perchè è il nostro miglior Arbitro ”.

    • Non credevo ai miei occhi quando ho visto il fallaccio non fischiato di Alex su Cancelo, palla da una parte, uomo dall’altra e il difensore infischiandosene del pallone va dritto per dritto sull’uomo in velocita’ che se ne andava. Era falla evidentissimo ed ammonizione, come hanno potuto non vedere, in quello spicchio di campo c’erano solo loro due, il paracarro Alex semifermo e un giocatore in piena corsa che vola. Mah……
      Cuadrado su Pericis, fallo nettissimo, palla da una parte e Cuadrado che punta l’interista.
      La legnata di Barzagli al Nove Neroazzurro era da arancione???
      Dopo i falli puniti dell’Inter e i propri falli non sanzionati, gli juventini hanno capito che il gioco sarebbe stato il solito, picchiare, lamentarsi che l’avversario fa scena e insultarlo a terra, mentre se sei toccato, dico toccato, urlare sbattendosi vigorosamente per terra, fino a che cuordibidone non tira fuori il giallo per l’ammonizione.
      PS Ho controllato, negli anni di campionato 2016/1017/2018 Juventus nr. 4 espulsi, nelle Champions League 2016/2017/2018 nr. 4 espulsi. Vedi tu.

      • dino ricciardi 4 maggio 2018, 17:06

        Caro Eddi,continuiamo a farci il sangue amaro e poi ci tocca sentire quell’arrogante di Allegri che in Italia facciamo la commedia quando loro a Madrid su un RIGORE CHE C’ERA hanno inscenato la peggiore delle sceneggiate mai viste.

    • No Orsato l’ex “miglior” arbitro italiano, “vanto” di Recoaro Terme e Schio (Vi), non ha sbagliato non ammonire Pijanic, più semplice non ha avuto le p@@e. Ammonendo Pijanic, sapeva che lo doveva sbattere fuori, la sua sfortuna stata che si trovasse proprio a un paio di metri dal fattaccio, ignorando sistematicamente il VAR dove prima a “suo” comodo cioè contro l’Inter aveva guardato. Preso dal panico, trovatosi spiazzato mentalmente da come si era capito di come arbitrare e d’incanto è diventato un meschino piccolo piccolo pur di fischiare fallo evidente da colpo di Kung Fu ma non ammonire. Non c’è altra spiegazione da li non si esce. Vabbee si annoiava un po a Schio, ora va un po a distrarsi al VAR in Russia, hanno chiamato il “migliore”…..

  12. Nicchi, senti un po a questo senti. Se cacciava fuori Pijanic l’Inter poteva vincere e a Firenze si andava con ferocia che andare in quel modo. Si andava a 2 punti di vantaggio vincere le 2 in casa Torino e Crotone e poi gestire Genova era scudetto. Si faccia piazza pulita, di questi servi che incapaci, di un sistema che non sanno o vogliono debellare, tutti a casa non se ne puo più di questo squallido marciume italiano. “Per un cartellino giallo mancato”, premiatelo dategli il Nobel del calcio a questa dimostratasi una sola di ORSATO.

  13. Gennaro Russo 4 maggio 2018, 13:22

    Ma diteglielo a questo sig. Nicchi. Ma ha capito che “un cartellino non dato” ha tolto le possibilita’ di una gioia attesa 30 anni a tutto un popolo di milioni di persone che lo attendevano? Lo sa o non lo sa che ci sono milioni di Euro in ballo? Un cartellino non dato??? Questo fa lo scemo, non è scemo, ma lo fa.

    • Nicchi, la prima che hai detto; fa lo scemo. Ma si crede che prenda per scemi anche gli altri. Ecco perchè dai casi ai Turone, ai Ceccarini, ai Terpin, agli Orsato….. di questo Campionato solo l’ultimo dei in ordine cronologico…..

    • Antonio Scardone 4 maggio 2018, 14:10

      Voi invece ricordatevi che oltre al cartellino non dato a Pjanic, non ha dato due rigori alla Juventus……

      • giancarlo percuoco 4 maggio 2018, 14:29

        e questo stiamo dicendo, ha arbitrato male. o non sei d’accordo?

        • Scirocco Notturno 4 maggio 2018, 18:22

          Giancarlo, Antonio non può risponderti. Perche rispondendo avrebbe 2 sole possibilità:
          1) Negare l’arbitraggio scandaloso – e tutti gli farebbero i “cuppetielli” dietro.
          2) Ammettere l’aribtraggio scandaloso – e questo smentirebbe tutto il modo di vedere juventino, che dice che tutto il mondo sta facendo teatrino per 2 sciocchezze.
          In termini scacchistici questa si chiama forchetta.

          Allora che fa, da buon Juventino? Abbandona la scacchiera, tanto a norma di regolamento un tempo per la risposta non c’è.

        • no, non sono d’accordo. Non vi fate confondere da questi poveracci a strisce che si trovano in una situazione davvero imbarazzante in cui, se aprono gli occhi, crollla tutto il loro magico mondo…e quindi si aggrappano a presunti episodi avversi…qua non si parla di normali errori arbitrali, o sviste ovvero di valutazioni discutibili. Gli errori ci possono stare, ed in quanto tali possono andare a colpire chiunque, anche gli strisciati…ma qui siamo nel campo di ciò che può (o non può) accadere solo se hai un determinato pigiama: Non è che Orsato ha sbagliato una valutazione…quello è un episodio non interpretabile, semplicemente NON HA VOLUTO ESPELLERE PJANIC E LASCIARE LA JUVEMERDA IN 10…così come a Cagliari, il fallo di mani di Bernardeschi non si prestava ad alcuna interpretazione (tipo braccio aderente o vicino al corpo, tiro ravvicinato,…) era rigore solare, che sarebbe stato fischiato contro chiunque…chiunque tranne loro…così come un altro episodio paradossale è il rigore assegnato da Damato alla Juve contro l’Atalanta…rigore confermato con l’on field review nonostante le immagini chiarivano senza alcun dubbio che Petagna era stato colpito sulla spalla…questi non sono errori, questi, a voler essere buoni, è mancanza di serenità degli arbitri nei confronti di quelli lì, perchè sanno che farli contrariare gli costa caro.
          Ecco, un ultimo esempio per chiarire ancora cosa significa competere in Italia con indosso quel pigiama ovvero la differenza tra errori, episodi sfortunati ed episodichesoloallajuve: possiamo mettere la mano sul fuoco che un episodio come quello di Udine, quando aveva la maglia azzurra, al gonzalota non capiterà mai più in Italia…o no?
          Non ha neanche senso domandarsi se e quanti punti in più questo porta alla juve…semplicemente giocano con un altro regolamento e, altrettanto semplicemente, è intollerabile.

          • giancarlo percuoco 5 maggio 2018, 15:06

            sarei curioso di vedere cosa si inventerebbero se il Napoli riuscisse, per puro assurdo, a vincere tutte le partite di un campionato.

        • Rispondi? che credibilità hanno questi rubentini. Sono peggio dei Nicchi e degli Orsato senza mettere i Banti, Calvarese e l’elenco di quest’anno è più lungo addirittura con l’introduzione del VAR. E’, stato un caso sporadico secondo te quel MAURO A SKY SPORT 24? ECCO I RISULTATI.

          • giancarlo percuoco 5 maggio 2018, 15:01

            di solito li blocco, non mi va proprio di leggerli. tranne qualcuno che almeno è ironico. ma ne sono veramente troppi, e mi meraviglio pure che frequentino un sito sul Napoli.

      • sciocchezze, vai a scriverle da un’altra parte

Comments are closed.