Nicchi: «Assurdo quello che è successo a Orsato per un cartellino non dato»

Alla Gazzetta: «Un calcio senza Var non è possibile. Orsato ha avuto una serata non felice, ma non c’è stata alcuna parola di solidarietà verso di lui da parte di Coni, Lega o Figc»

Nicchi: «Assurdo quello che è successo a Orsato per un cartellino non dato»

La Gazzetta intervista il capo degli arbitri Marcello Nicchi che parla dell’arbitraggio di Orsato e degli errori in Champions senza Var.

La domanda è sugli insulti a Orsato dopo l’arbitraggio di Inter-Juventus

«Ecco, le sembra normale quello che è accaduto? Un grande arbitro come Daniele è rimasto due giorni barricato in casa con i figli, tra insulti e telefonate poco simpatiche. Tutto per una serata non felice, un cartellino non dato. Può capitare, i primi a perdere il sonno per gli errori sono proprio gli arbitri. Ma ha sentito una sola parola di solidarietà verso Orsato da Figc, Coni, Lega di A? Zero assoluto, nonostante il linciaggio continuo con notizie inventate, tipo il fratello juventino. Per non parlare delle bufale su Tagliavento con i labiali fasulli. Orsato ha le spalle larghe e tornerà più forte di prima, ma io penso ai ragazzini».

Quali ragazzini?

«Il diciassettenne picchiato una settimana fa ad Ancona in Terza categoria da un giocatore di 31 anni. Il presidente di sezione lo ha trovato in pronto soccorso con il ghiaccio sull’occhio, era ancora vestito da arbitro. E così via…».

Cambiamo discorso, capitolo Var: adesso tutti salgono sul carro del vincitore...

«Noi siamo partiti in anticipo perché abbiamo un gruppo di arbitri fantastico. Dobbiamo lavorare ancora, migliorare, ma i risultati sono ottimi e un calcio senza Var non è possibile. Per carità, abbiamo sbagliato e lo faremo ancora. Capita ai giocatori, succede agli arbitri. Ma i vantaggi della tecnologia sono evidenti».

Nelle semifinali di Champions è accaduto di tutto, i club italiani gridano al complotto.

«Ma no, ci sono state delle sviste pesanti e molte ai danni delle nostre squadre, ma è frutto della casualità. Certo, gli errori gravi sarebbero stati cancellati con la Var. E per questa ragione sono convinto che quanto prima avremo la tecnologia anche in Uefa».

ilnapolista © riproduzione riservata